Thursday, October 23, 2014

Tutto solo in Brasile? Bello, bellissimo ma …

Sei in ufficio. Non ce la fai più'? Guardi attraverso le finestre e con nostalgia pensi alle tue ferie passate. Al sole. Mare e belle mulatte in Brasile. Ma chi me lo fa fare di rimanere qua? ti chiedi.

La crisi. I musi lunghi. Tutta gente vecchia, gente sempre arrabbiata in questo paese. Ma insomma cosa aspetto a prendere l'aereo e mollare tutto?

Sei sicuro? Ti voglio aiutare caro lettore, ti dico cosa troverai.

Prendi l'aereo e sbarchi a Rio. Bella ma e' meglio Bahia. Perché'? Perché' il popolo carioca (di Rio) e' simpatico ma quello bahiano e meglio. Misterioso, affascinante. ma anche bugiardo.

E le mulatte di Bahia ti fanno girare la testa, ti fanno impazzire. Poi dopo che le conosci le porti al ristorante e loro vengono con la zia, la nonna, la figlia di sei anni. E mica vuoi negare un po' di mangiare a quella famigliola? ti chiedi. Ma non e' così'. Perché' al prossimo appuntamento ci sono pure gli zii, simpatici ma un po' aggressivi quando bevono la birra. Eh si, ho magnetismo animale, sono un bel fusto, anche se ho un po' di pancetta ai miei 60 anni suonati, pensi tu.
Il magnetismo sicuramente ce l'hai ma e' di colore verde caro mio, in Brasile si chiama "dinheiro". Ma torniamo alla "mentirà" del bahiano, la menzogna che detta così' bene sembra verità'.

Esempio: stavo con mia moglie incinta in un ristorante a Itapicimirim, interno dello stato di Bahia. Fine del pranzo. Vediamo una bellissima torta nel fondo del ristorante. Ce la riserviamo per la fine, penso io. Quando e' il tempo del dolce il cameriere con fare sinceramente dispiaciuto ci dice:' Acabou de acabar sento muito" (traduzione e' appena finita mi dispiace molto).
Quasi una lacrimuccia cade dagli occhi del cameriere e mia moglie quasi si commuove e dice:" Non fa niente, non si preoccupi".

Ma io sono un tipo "duro na queda" si dice in Brasile, un durone.

Vedo la scena, non dico niente. vedo un altro cameriere. Lo chiamo e dico: "Ci può' portare un pezzo di quella torta in esposizione?". Quale ti chiederai tu mio caro lettore? Si proprio quella che "acabou de acabar", quella finita.
Il cameriere mi guarda, e senza dire una parola va in cucina. Torna e mi porta due fette di quella torta. Fette enormi. E dice che se vogliamo ce ne da delle altre.
Ma, ma dirai tu mio caro lettore, la torta non era finita? E la lacrimuccia?
E' il modo di fare bahiano, mio caro, che ti ipnotizza e ti fa credere quello che vuole il bahiano o la bahiana. Ma come resistere a quello sguardo così' soave, così' forte, così' seducente.
Un buon metodo e' quello di Ulisse, che si fece legare all'albero della nave quando passo' attraverso il canto delle sirene mentre fa tappare le orecchie dei membri del suo equipaggio. Ulisse vuole sentire il canto proibito ma non vuole farsi sedurre da esso e sa che solo così' può' passare indenne. E così' fa.

Percio' mio caro amico quando nella spiaggia del Porto da Barra quella splendida mulatta ti guarda mentre cammini da solo con fare impacciato non credere che e' perché' sei irresistibile o affascinante. Si e' vero sei simpatico, sei tanto simpatico. Lei ti guarderà' si appassionerà' per te.
Poi (e' una scena che ho visto personalmente) quando te ne andrai, piangendo nel bar darai il tuo numero di telefono scritto su un pezzo di carta e prometti che tornerai. Vi prometterete amore eterno. E vi bacierete. Prenderai il taxi e andrai diretto all'aeroporto.

La bellissima mulatta chiamerà' l'amica, dara' uno sguardo mezzo annoiato al tuo bigliettino. Po lo strapperà' lo butterà nel cestino. E dira' all'amica "Vamos para um outro?"

Monday, October 20, 2014

Brazil's Maraú: Get a Taste of Paradise Before Civilization Discovers It

Did you know that Polynesia is not only in Oceania but also in Brazil? Did you know that in Bahia you can find lakes, rivers, beaches, forests, islands and all the beauties of the nature in just one place? Welcome to Maraú, one of the most beautiful places in Brazil. And, what is even better, not so well known even in Brazil.

The peninsula of Maraú is more a micro-region than a city. It spans from Ponta do Mutá in Barra Grande to Maraú, many kilometers further South of this peninsula.

What is special about this place? The variety, the diversity of the nature, which makes it a real paradise, a dream place to be.

If you arrive in Barra Grande (the extreme part of the Maraú peninsula) and you look at the beaches and think "OK they look good but nothing special," you are right.

But then, when you visit the islands surrounding the peninsula, Maraú starts to reveal its beauties. Over 40 islands are in the bay of Camamu, one of the three natural bays of Brazil (the other two are Guanabara Bay in Rio and the Bay of All saints in Salvador).

But Camamu Bay, differently from the previous two bays, is not polluted; the water is clean, pleasant and beautiful. The sea is calm, relaxing and in Barra Grande the beach is ideal for babies and children because the sea in front of the beach is not deep and offers no danger to children.
Then if you speak to the fishermen you can buy fish just taken from the sea, something rare in today's world of plastics.

Back to the Islands surrounding the peninsula you can visit the Pedra Furada (Holed Stone) Island where the stones on the beach are full of holes because of an insect that makes small holes in the stones. There is also a small statue of the Virgin Mary, which the sailors believe can make miracles and is always visited by the travelers.
But how do you get there? This is the good and the bad thing about Maraú. Good thing because the access is so difficult that discourages many tourists, especially foreigners. You have to fly to Salvador de Bahia or Ilhéus and then catch the bus to Camamu (2 and half hours from Ilhéus) and then get the boat to Barra Grande. Bad thing because the boat does not have an official timetable. Basically the boat lives when the sailor decides to live.

Where to stay in Barra Grande? Stay at the hotel Mediterrâneo, just in front of the historical harbor. The landscape is beautiful there. The place is clean, very central and the sunset is unforgettable. People are very friendly and the Italian restaurant offers fish food of high quality. I have to admit: when I lay down in the hammock, just in front of the calm sea, with a grilled fish in one hand I remember that life is something to enjoy and forget the stress.

And from the harbor you can catch the boat to visit the islands.
Ideally the best period of the year to visit Barra Grande is the low season when the crowds are few and you can visit the islands relaxing and going around without many people around.

Close to Ilha da Pedra Furada there is a small beach just in the middle of the sea. There is a surreal atmosphere there as the sea enters the beach very smoothly and you can lay down with your head in the water with open arms and even sleep wondering why you have to go back and work in the office.

Ilha do Tatu is the best island. Completely inhabited the island would make you believe you are Robinson Crusoe. Going around the wild island is an unforgettable experience. Do you want to feel primitive and experience the natural instincts of what we were before being civilized? Go there and you will have it.
Are you hungry now? Where is the best price to quality restaurant in the area? In Camamu just before getting the boat to Barra Grande stop by at Restaurante Art's Sabores in front of Mercado de Artesanato.

The restaurant is specialized on seafood and run by the experienced Romario in a family environment. But if you like meat for 60 reais (30 dollars) a family of 4 can overstuff itself with excellent picanha, potatoes and rice served on a smoky iron plate.

But wait. Do not live Maraú without visiting Taipu de Fora, where you find some of the best natural swimming-pools in the world.

The way to get there from Barra Grande is rough. The road is awful. But once you get there you have to stay until late afternoon when the sea becomes green and the natural swimming-pools become visible. At that point you have an unbelievable landscape and you can swim in paradise.

But be aware: the place where you avoid the stones, which can cut your feet, are after few meters from the main entrance to the beach. The more you go the more you find stones which can spoil your trip there.
But this is just the basic stuff of the trip in Maraú. The longer you stay the more you find places you would never believe exist.

Are you wondering why you still have not moved there? Because here the time stopped but also the organization of tourism is not very well up to the standards.

Maraú, the municipality lacks of funds and Barra Grande is a bit forgotten by the local government. This is reflected by the slow ferryboat service offered to incoming tourists. The lack of infrastructure can be a problem for the tourist accustomed to all the comforts of today's world.
But do you know what? If the ferry worked perfectly, if the islands were very accessible and, above all, if people had discovered this place in the low season, the peace and rest would never be there.

This is the last paradise left and go there before the civilization discovers it.

Sunday, October 19, 2014

Braccialetti cinesi, molto economici e e molto cancerogeni

"Papa' mi compri i coloratissimi braccialetti fatti con gli elastici? ce l'hanno tutte le mie amiche". mi chiede mia figlia. Ed io ignorante in materia lo faccio. Costa solo un euro penso.

E così' anch'io cado nella rete dei venditori cinesi. E così' sottopongo mia figlia e l'intera mia famiglia al rischio ftalati. E che e' sta cosa? ti chiederai tu mio caro lettore.
Benvenuto nel mondo dei prodotti tossici, dove venditori senza scrupoli ci danno cose tossiche, che possono dare danni serissimi al nostro sistema nervoso, riproduttivo e quant'altro. Ma i veri colpevoli siamo noi, che pensiamo che queste cose economiche sono un vero affare.

L'affare lo fanno loro, i produttori cinesi senza scrupoli. Metti insieme lavoro schiavo, materiale tossico che costa quasi nulla e la stupidaggine di un consumatore che non bada nient'altro che il prezzo e voila' il gioco e' fatto.
Siamo sommersi da prodotti di pessima qualità' , scadenti e soprattutto tossici per i nostri figli.
Ad inizio ottobre a Milano 20 milioni di braccialetti ed elastici colorati sono stati sequestrati perché' privi del marchio CE e quindi illegali. E allora dirai tu caro lettore? Che importa?
Importa si e ti spiego anche il perché'. Tutta nasce dalla nostra avidità'. Comparare il prezzo di un prodotto comprato in un negozio con quello comprato in un mercatino e' francamente stupido.
Se si trattasse solo di una questioe di prezzo non avrebbe alcun senso comprare nei negozi. I negozianti si riverserebbero nelle strade e venderebbero li'.
Pensate un po': perché' mai un negoziante dovrebbe pagare un affitto carissimo, pagare le tasse (non sempre lo fa) seguire le regole comunali, sanitarie, pagare dipendenti e quant'altro solo per vendere quando potrebbe fare tutto da solo e vendere molto di più' nella strada o mercatino.
E' evidente che se compro in un negozio ho una serie di protezioni legali, sanitarie, sociali che non ho se compro in mezzo alla strada o in un mercatino. Li' una volta comprato sparisce il venditore e se succede qualcosa e' problema mio.
Va bene dirai tu mio lettore ma e' economico e nella peggiore delle ipotesi butto il prodotto e finisce li'.
Errato ti dico. e sai perché'? Perché' se il prodotto e' tossico le conseguenze rimangono con te e sono nocive per la salute.
e qui subentrano i famosi ftalati. Ma che sono?
Gli ftalati sono sostanze chimiche organiche prodotte dal petrolio e sono i plastificanti più comuni al mondo. Sono una famiglia di sostanze chimiche usate da oltre 50 anni, principalmente per rendere morbido e flessibile il cloruro di polivinile (PVC).
In sostanza di tratta di sostanze che possono essere tossiche. La Comunita' Europea ne ha vietato l'uso per molti ftalati classificati RAPEX. Si tratta di prodotti altamente tossici.
La definizione del nostro Ministero della Salute e' questa:
"Tali prodotti sono quelli che, pur non essendo prodotti alimentari, hanno forma, odore, aspetto,
imballaggio, etichettatura, volume o dimensioni tali da far prevedere che i consumatori, soprattutto i bambini, li possano confondere con prodotti alimentari e pertanto li portino alla bocca, li succhino o li ingeriscano con conseguente rischio di soffocamento, intossicazione, perforazione od ostruzione del tubo digerente."
Come vediamo gli effetti sono terrificanti.
Chi mai, comprando un regalo per un proprio figlio al mercatino, immaginerebbe che potrebbe avere questi effetti?
Aspettate un momento e torno….
Ecco, ho appena buttato quella "cosa" comprata al mercatino e spero che anche tu abbia fatto lo stesso mio caro lettore.

E' vero che navighiamo tutti in tempi difficili ma da qui a comprare cose pericolose per la salute dei nostri figli bisgna essere o molto avidi o molto ignoranti. Se proprio vuoi compra roba artigianale di artigiani locali e non robaccia cinese. E allora perché' continui a comprare quella robaccia?

Bah, mistero di Bahia.

Friday, October 17, 2014

Non rischiare, la malattia che sta uccidendo l' Italia

Farnesina, contestazioni feroci dell'ultimo concorso. Non sono stati selezionati gli idonei dell' ultimo concorso. Gia' parenti e amici di politici famosi sono aspramente contestati perché' hanno passato e probabilmente avranno il posto fisso dorato, uno degli ultimi in palio in Italia.

Carrefour, Toscana. I clienti contano i centesimi quando comprano. Il supermercato e' dominato da promozioni aggressive ma e' tristemente vuoto.
Risultati del PNL italiano: valori nel 2014 simili a quelli del 2000. Non bisogna pero' lasciarsi ingannare i dati del 2014 furono "inflazionati" di circa il 10% con l'inclusione della realtà' informale italiana. Quindi siamo ben al di sotto di ciò'.

Ma che sta accadendo all' Italia, il paese una volta che dominava il mondo con il fiero popolo romano?

Benvenuti nell'inferno della conservazione a tutti i costi, alla voglia di non rischiare mai, all' Italia di oggi.

"Mio caro Max nella vita bisogna rischiare, perché' la scelta di non rischiare comporta il maggiore di rischi: la stasi." diceva il mio vecchio professore di liceo. E continuava: "Se tutto fosse stabile, non ci sarebbe rischio. Ma il mondo oggi e' globailizzato. Se sei fermo rimani indietro, scivoli sempre peggio in un vortice vizioso in cui c'e' l' abisso".
Ed ecco dove l' Italia sta scivolando, nell'abisso.

La classe politica di Renzi ad inizio anno almeno tentava di convincere gli italiani che c'era qualche speranza. E' chiaro che fosse una menzogna ma almeno ci provava. Ora non più'. I dati del Prodotto Interno Lordo italiano sembrano bollettini di guerra. Ma quello che e' peggio e' che il governo nemmeno tenta di reagire. Ormai l'apatia e' totale. Ma non si inganni pensando che l'opposizione sia meglio. Grillo non sembra andare oltre alla sterile protesta. Ma allora cosa sta succedendo?

Mio caro lettore la verità' e' amara da accettare: la colpa di tutto non e' questa scellerata classe politica che ci governa, con un governo che e' bravissimo solo a piazzare fiorentini e toscani al potere.

La classe politica e' solo lo specchio del vero colpevole: la società' italiana.

Gli italiani storicamente erano un popolo di innovatori e di scopritori, di inventori e di belle speranze. Ora non più'.
Gli italiani sono probabilmente il popolo più' conservatore al mondo. Non fanno figli. Pensano solo ad invecchiare. Conservando gelosamente ciò' che hanno e non dando niente a nessuno. Si lamentano della situazione ma i veri colpevoli di essa sono loro. La ragione: l'avversione totale a cambiare, a rischiare. Gli italiani preferiscono lasciar morire il proprio paese piuttosto che tentare di cambiarlo rischiando. E ciò si vede non solo nella politica ma anche nell'economia, dove le corporazioni dominano il paese.
Nella TV dove i presentatori invecchiano in tv e il ricambio non esiste. Nelle strade dove nessuno guarda negli occhi gli altri. Tutti diffidano di tutto.

L'allegria italiana e' un sogno del passato. In Brasile quando ci si vede si dice "tudo bem?" e si risponde lo stesso anche se non e' vero.
In Italia a chiedere "Come va?" la risposta e' una sequela di lamentele che non finisce mai.
L'impressione e' quella di un popolo che non voglia cambiare. Di fronte alla domanda: cambiare o morire? sembra che abbia scelto la seconda opzione. E per questo che le scuole non hanno più' bimbi italiani ma solo figli di immigrati.

La soluzione? Forse e' quella di andarsene per sempre e lasciare la patria di Leonardo da Vinci ad invecchiare e dormire per sempre.

Wednesday, October 15, 2014

Enit, dove lo spreco e' fuori controllo

Positano, 29 Maggio 2013. Splendido scenario della costiera amalfitana. Con occhiali da sole scuri il famosissimo regista brasiliano Bruno Saglia risponde alle domande del cronista sul suo prossimo film. Si chiamerà' "Diminuta" una produzione internazionale italo-brasilaina su un sassofonista italiano che va a vivere in Brasile. Una storia toccante, che ci fa sentire la saudade del paese tropicale.,br> Tutto bellissimo. Che peccato che questa e' la prima scena di un film ben peggiore che dovrebbe intitolarsi con il titolo del nostro articolo" Enit, dove lo spreco e' fuori con
trollo".

Benvenuti nel mondo dello spreco colossale italiano. No, non fatevi ingannati dalle promesse di lacrime e sangue che la tv italiana vi passa tutti i momenti. Questi sacrifici sono solo per voi lettori che siete tartassati tutti i giorni. Ma per altri che siedono nei luoghi del potere lacrime e sangue sono solo parole. Non ci credete? Legegte qui per crederci.

Pompei 24 maggio 2014. Il dirigente VII settore Venanzio Vitiello determina di impegnare la spesa complessiva di Euro 6.000 IVA compresa al Cap. 922 Intervento 1 07 02 03 del Bilancio 2013.

E che significa, ti chiederai tu mio caro lettore? Te lo spiego subito. si tratta dell'esecuzione di ordini da parte del sindaco di Pompei che il 30 aprile 2013 aveva dato ampia ospitalità' all'ingente Costanzo dell' ENIT di sao Paolo ad osspitare per 3 giorni le 10 unita' dello staff della produzione BOXX Filmes & Entretenimento. Una spesa di 2000 euro al giorno giustificata.

A questi si aggiungono la mini-delegazione dell' ENIT (Salvatore Costanzo e Fernanda Morici Longobardo) più' interprete, di cui non sappiamo chi pag i costi.
Ma perché' i membri dell' ENIT seguono la troupe personalmente nel bel periodo turistico a Pompei e dintorni? Mistero. Perché' il comune di Pompei, che come tutti i comuni italiani non dispone di grandi fondi, si accolla tutte le spese di ospitalità' della troupe? Sicuramente perché' il film del famosissimo saglia dara' un risalto internazionale a Poomei e tutta la zona amalfitana. Che peccato che sono così' ignorante da non aver mai sentito parlare di saglia in Brasile. E dire che ci vivo da secoli e neanche i miei amici brasiliani l'hanno mai sentito. Ma siccome sono un tipo curioso vedo il sito della grande casa cinematografica brasiliana BOXX Filmes & Entretenimento.

Ma perbacco e' un blogspot proprio come il mio e anche più' povero del mio. Una cosa gratis. Mi sa che i famosi registi brasiliani non si fidano molto della diffusione via internet. Ma so perché': sono così' famosi che non ne hanno bisogno. Perché' spendere qualche centinaio di euro per un sito quando si può' avere uno gratis?

Ma chi ha pagato il viaggio aereo della famosissima troupa con i dirigenti di ENIT Sao Paolo al seguito? 13 biglietti aerei andata e ritorno costano da 15 a 20.000 euro. Da un articolo di positronews.it leggo testualmente: "Bruno Saglia, a settembre il primo ciak del film brasiliano. Sotto l'egida dell'Agenzia nazionale del turismo italiano in America Latina, diretta da Salvatore Costanzo, che si occuperà della distribuzione europea del lungometraggio “Diminuta”, via libera al primo film di produzione brasiliana ad essere girato in Costiera amalfitana.".
Quindi e' L' ENIT che paga non la scalcina.. ehm scusatemi la famosissima BOXX Filmes & Entretenimento.

Fin qui solo 20 - 25.000 euro usati o spr….
Ma permettetemi di dire che l'ENIT e' commissariata per sprechi colossali che hanno attirato l'attenzione della magistratura.

Ma soprattutto non e' finita qui. Eh si perché' e' di questi giorni (fine 2014) che, come riferisce il sito rbcasting, "Primo ciak in Italia per il film “Diminuta” di Bruno Saglia, una coproduzione Italia/Brasile, prodotto dalla brasiliana B.O.X.X. Filmes e l’italiana Arteon. Dopo quindici giorni di set in Brasile, a partire dal 6 ottobre riprese per quattro settimane in Veneto (Asiago e dintorni).

Ma non si doveva girare a Pompei a Positano il film? E soprattutto chi paga? Questa volta non saranno pochi giorni ma 4 settimane e si dovra' pagare il cache del famosissimo attore brasiliano Reynaldo Gianecchini, che non viene gratis in Italia.

ed un dubbio mi assale. Ma sarà' l' ENIT di Sao Paolo che paga tutto ciò'? Ora che a Roma sono sotto i riflettori l'ENIT di Sao Paolo continua ad avere una gestione un po' allegra?

Ma sono sicuro che quando uscirà' il film del famosissimo come si chiama? Saglia il film sarà' un successo che oscurerà' qualunque film del passato. E forse anche la carriere di Costanzo dell' ENIT se questo articolo sarà' letto da chi di dovere.

Tuesday, October 14, 2014

Easyjet you fly at your own risk

Why do you start your article that way? you are thinking my reader.
I am going to explain you starting from the end and then go back to the beginning.
The end was an half hour delay on an Easyjet flight from London Gatwick to Pisa in Italy. Something nearly normal you would say my reader. Not so much if you read the whole article my reader.

But now let me interrupt at go back few years to 2009 when a joint-venture was set up between Airbus and a group of Chinese partners. Accordingly Airbus opened an assembly plant in Tianjin, People's Republic of China for its A320 series airliners in 2009.

Harbin Aircraft Industry Group Corporation, Hafei Aviation Industry Company Ltd, AviChina Industry & Technology Company and other Chinese partners hold the 80% stake of the plant while Airbus control the remaining 20%.

Effectively the know-how comes from Airbus but the production comes from the Chinese partners.
The joint venture was so successful that in February 2014 Airbus was increasing its share in the Harbin Hafei Airbus Composite Manufacturing Centre (HMC), from 20 to 25 percent. Following the agreement, the HMC will increase the production of A320 rudders from 50 per cent of the total production worldwide to 80 per cent. The two parties will also work toward ensuring the ramp up of the A350 XWB work packages at the HMC and also commit to exploring other opportunities.

What does that mean? you are certainly asking yourself my reader.
Well I myself am not an expert of aircraft mechanics. But the rudder is a vital part of the aircraft the one that gives stability and avoids vibration in the aircraft.

Now the FAA steps in. Who is the FAA? The Federal Aviation Administration is the national aviation authority of the United States.
The FAA is primarily responsible for the advancement, safety and regulation of civil aviation, as well as overseeing the development of the air traffic control.
Back in June 2013 the FAA Issued Airworthiness Directive (AD) for Certain Airbus A319 thru A321 Jets, Rudder Issues. In particular the AD was prompted by reports of surface defects on rudders that were the result of debonding between the skin and honeycomb core. FAA was issuing this AD to detect and correct extended de-bonding, which might degrade the structural integrity of the rudder. The loss of the rudder leads to degradation of the handling qualities and reduces the controllability of the airplane.

In other and simpler words if the rudder is defective that gives vibration to the aircraft and can be seriously dangerous.

FAA rose serious concerns about Airbus A319 thru A321 jets specifically due to their rudders.
Which by the way were the ones made in China already in the past for half of the total production worldwide of A320 family and which will go up to 80 per cent.

And here Easyjet come back again. Why? Because Easyjet uses many A319 and 320 jets. And more will come in the future. Today Easyjet announced that it had selected Airbus as the preferred supplier for 120 A319 aircraft, with options with price protection on a further 120 A319s.
Which means that a large part of Easyjet fleet will be A319 Airbus.

But I am a curious guy and went to check Airline Incidents for airline Easyjet. This is what I found out:
September 2014:
1) Easyjet A319 at Basel on Jul 20th 2014, turbulence injures cabin crew (Published on 18.09.2014)
2) Easyjet A319 near Naples on Sep 1st 2014, severe turbulence injures 3 (Published on 17.09.2014)
3) Easyjet A319 at Glasgow on Sep 15th 2014, unsafe gear (Published on 15.09.2014)
4) Easyjet A320 near London on Aug 28th 2014, smoke indication (Published on 10.09.2014)
5) Easyjet A319 at Amsterdam on Sep 1st 2014, engine problem (Published on 02.09.2014)

August 2014
1) Easyjet A319 at Amsterdam on Aug 8th 2014, rejected takeoff (Published on 08.08.2014)
2) Easyjet A320 at Tenerife on Jun 2nd 2014, fuel emergency (Published on 04.08.2014)
We stop here by now but the list is much longer.


But there is another interesting number:
Airline Incidents for aircraft type Airbus A-319:
the number one for September 2014 is again Easyjet with 4 incidents, followed by Germanwings (2 incidentts) and then 5 other airline companies (each of them with 1 accident).

Easyjet is especially unlucky with A319 Airbus compare with its competitors.

Now let's go back to the end of the story.

All started with an apparent innocent delay on a flight from London Gatwick to Italy.
The 1 hour delay in reality was not so innocent.
Please bear in mind that the flight was packed with less than 1 year old babies.
Just in front of my place there were three.
All of them were crying loudly and impatient as the flight stood still for an hour.
After 10 -15 minutes from the timetable of the take off the Captain told us that the flight was delayed because we were waiting for an international traveller from USA who was on a delayed flight. After another half hour we received a second message from the Captain reiterating the same message.

However after an hour from the scheduled hour the flight took off without taking anybody onboard.
At that stage the babies has transformed the airplanes in a screaming place.
The Captain lied to us. The delay was due to other unknown reasons.

I thought that story was quite strange and as I am an investigative journalist I took notice of the details.
The flight had more than half hour delay on arrival.
What was the real reason of the delay? Easyjet told me it was because of "your flight was delayed earlier in the day at Marseilles due to Departure Restrictions at the airport".
That was correct but there is a serious question here.
Let's say that there are some delays in Marseille airport early in the day. Everybody at Easyjet knows that our flight in the late afternoon to Italy will be late. The flight is packed with many little babies.

Easyjet then had a very bad attitude to its passengers. Why would you force them to stay in an airplane for an hour and half before living to Italy (as we boarded half an hour before the take off) when you already knew that we would not have left earlier than an hour late?

It would have made much more sense not to board the passengers before than an hour from the final departure time.

At the end of the day you submitted Easyjet passengers (and especially its less than 1 year old babies) to an unnecessary torture forcing them to stay seated for all that period of time, for nothing.
We were going to leave late anyway.

But was something else the cause of the delay?
Were there the rudders of my aircraft?

I discovered that the same aircraft was supposed to leave London Gatwick to Marseille at 13.05 but left 20 minutes late. And since then left late from Marseille to London (4.20 pm) and from London to Pisa (1 hour late). Why? Does it have anything to do with the rudders?
Mistery of Bahia

Max Bono

Telecom Italia, la società' che non rispetta nessuno

Ore 21.30 Toscana, Italia. I bimbi dormono, devono svegliarsi alle 7 domattina per andare a scuola. Li abbiamo abituati così' per avere energie al mattino. Improvvisamente il telefono squilla. Insistente. Forte. Chi mai chiamerà' a quest'ora? Sara' un emergenza? Qualcosa di grave che e' accaduto? Corro al telefono sperando che i bimbi non si sveglino. Inutile già' sono svegli e mi chiedono:" Papa' cosa c'e'?". Io dico di andare a dormire e rispondo al telefono.


Una voce gentile mi chiede:"Come va? Sono una rappresentante di Telecom Italia e le voglio parlare di una promozione importante che la nostra società' sta facendo per ..". Non la lascio neanche finire e urlo dicendo che non mi interessa e che non mi chiami più'. Riaggancio il telefono e vado imbufalito al letto. Che cosa succede?

Benvenuti nel mondo senza rispetto e senza vergogna della Telecom Italia, dove i diritti dei consumatori sono calpestati diariamente. I consumatori italiani, a differenza di quelli brasiliani, sono estremamente passivi e non reclamano che per telefono. E l'aggressività' della telecom nazionale, un azienda statale ricordiamolo, e' senza limiti.

Non con Max Bono pero'.
In primo luogo all'inizio ho fatto cancellare da secoli il mio numero dalla lista telefonica. E' servito con tutte le aziende che in Italia agiscono in maniera piratesca con i consumatori. Ma non con Telecom Italia. Che abusa del proprio potere monopolista per calpestare i diritti dei consumatori.

Poi ho scritto all'ufficio stana della Telecom. Questa e' stata la risposta:
"Abbiamo inviato la sua mail alla funzione aziendale competente, che le risponderà anche a questo quesito.
Cordiali saluti ufficio stampa Telecom Italia".

Risultato zero. Poi ho scritto di nuovo e mi hanno risposto così': " Gentile Dott. Bono, nello scusarci per l’inconveniente le comunichiamo di aver provveduto ad inoltrare la sua richiesta alla funzione aziendale competente. Le consigliamo comunque, qualora non lo abbia ancora fatto, di iscrivere il suo nome e numero di telefono nel “Registro delle Opposizioni” ( http://www.registrodelleopposizioni.it/ )." Ho replicato che il mio numero non e' sull'elenco telefonico. Ma l'inferno Telecom e' continuato. Allora ho scritto a Marco Signoretti, Marco Rosatella e Francesca Valagussa di Telecom Italia.
L'intero team di relazioni con la stampa.

Una signora mi ha chiamato promettendomi che la cosa sarebbe terminata. E per qualche giorno effettivamente e' stato così'.
Ma poi l'inferno Telecom Italia e tornato in maniera prepotente.

Allora ho scritto all amministratore delegato di telecom Italia Marco Patuano.

Di nuovo la cosa si e' calmata per qualche giorno.
Ma poi e' tornata. con ferocia.

Ma che società' e' questa dove nemmeno l'amministratore delegato ferma l'abuso della privacy dei propri dipendenti, mi chiedo.

Ma in realta' non e' cosi'.

La Telecom Italia si comporta cosi' perche' il consumatore italiano agisce come pecorone.

Se fossimo negli USA o in Brasile la cosa andrebbe immediatamente in TV e si fermerebbe.

In Italia no. La Rai e' pubblica e le altre emissore vogliono la pubblicità' della Telecom.
Tutti li' zitti. Ma soprattutto perché' sanno che il consumatore italiano no reclama mai. E' passivo. Percio' se lo merita questo abuso dei propri diritti.
Lasciatemelo dire: Telecom Italia e' una società' senza vergogna ma noi italiani ce la meritiamo

Concordi con l'articolo? Scrivi il tuo commento a freethinking2004@yahoo.com

Saturday, October 11, 2014

Bahia, terra di perdizione per gli italiani

Salvador de Bahia - "Bahia è uma terra bellissima e meravigliosa, affascina i turisti italiani, e' veramente quello che in passato era Puerto Escondido" si sente dire in giro. Gli italiani di qui , del quartiere Barra e Pelourinho in particolare, sono differenti.

Bahia ha anche storie incredibili da raccontare. Storie di avventure e di perdizione. Storie in cui nell'ombra della notte bellissime mulatte, italiani con um piccolo gruzzolo messo da parte, ragazzi e ragazze bahiane che parlano un perfetto italiano con accento milanese o siciliano, tutti si mischiano nella notte magica del Farol o del Pelourinho. Mi fermo a parlare com um vecchio emigrato di Viterbo proprietario di un ristorante italiano di Barra, Sem Nome (senza nome). Lui era sposato con un figlio in Italia . Dopo essersi separato ha lasciato l' Italia , l'Europa ed è venuto in Brasile. Non come i nostri connazionali del passato, che vivono in condizione di estrema indigenza, in particolare nell'interno dello Stato di Bahia. Persone che vivono come i bahiani, che non hanno soldi per prendere l'autobus e vanno a piedi a lavoro, magari da Boca do Rio (quartiere di Salvador che dista 45 minuti di autobus da Barra), camminando 2 ore per raggiungere il lavoro.
No, il nostro amico è andato a vivere a Bahia com um gruzzolo che gli ha permesso di comprare due appartamenti di fronte al Farol, di quelli che durante la settimana del Natale fino a fine anno si affittano per 2500- 3000 Reais (1000 -1200 Euro) e durante la settimana del carnevale anche per 5000 Reais (più di 1500 Euro).
Il nostro amico di Viterbo racconta: "ne ho visti tanti di italiani qui a Bahia. Vengono qui sembrano impazziti, vanno con prostitute e spendono fortune. Ma le prostitute non sono come in Italia dove ci passi uma notte, quelle di qua lasciano la loro casa, vengono a vivere com te, dicono che ti adorano. E loro, gli italiani, impazziscono di felicità, a loro sembra di essere in paradiso. Tutto si spiega con la sensualità della donna bahiana, una cosa che quasi non esiste più in Italia"

Ma, continua il nostro amico "Bahia può diventare una terra di perdizione. Queste bellissime mulatte (o mulatti per gli uomini in cerca di avventure) ti portano al ristorante e vengono sempre con la sorella, la cugina, etc. Tutte persone che vivono in favelas e che non sono mai state in ristoranti. E l'italiano impietosito paga. Per la verità il profilo del nostro connazionale tipo è particolarmente sorprendente: dirigente di impresa o funzionario pubblico di carriera sui quaranta-cinquanta, sposato com figli, ben realizzato professionalmente".
Ma, racconta il nostro vecchio lupo del mare della vita, tutti hanno un piccolo segreto nascosto a sette chiavi nel próprio cuore: "il desiderio irrefrenabile di vivere una volta di più il tempo che fu, il tempo della gioventù, che molti di loro non hanno mai vissuto".
E allora vengono qui "e le sirene del mare della Bahia li ipnotizzano e li attraggono in maniera irresistibile". Sarà vero? Camminando lungo la spiaggia del porto di Barra mi accorgo che la storia sembra veritiera. "L'euro si sta deprezzando contro il real, bisogna vedere come si comporteranno i tassi di interesse negli Stati Uniti per la quotazione futura". Chi parla in perfetto italiano e in havaianas (pantofole da spiaggia tipicamente brasiliane), in short e maglietta con la pancia che fuoriesce dalla cintura è um simpatico signore di mezz'età che discute animatamente com um'altro italiano. L'altro è un ex-dirigente della Parmalat che ha lasciato tutto per vivere ai tropici. Più avanti vediamo discutere, davanti all'internet cafè, non della Coppa dei Campioni del Milan (tipico argomento di bar italiano), ma di come il governo italiano si comporta per aiutare le comunità italiane all'estero."E' un assurdo", dice uno, "il governo stanzia milioni di euro per gli italiani all'estero e poi il programma di riqualificazione professionale del Ministero del Lavoro sceglie São Paolo come unica città dove avverrà l'applicazione del progetto Italia Lavoro ".
"Occupazione e Sviluppo della Comunità degli Italia ni all'Estero" è una iniziativa che, da un lato cerca di migliorare l'integrazione con il mercato del lavoro italiano, e dall'altro di rinforzare la capacità della comunità degli italiani all'estero.
"Ma São Paolo è una città ricchissima, i veri poveri italiani stanno qui nel Nord Est non nel Sud del Brasile", aggiunge l'altro.
Ed è forse questa l'altra verità di Bahia, terra di perdizione per gli italiani.
Non solo perdizione ludica per quelli che hanno messo il piccolo gruzzolo da parte e poi lo spendono in mulatte e champagne.
Ma perdizione anche per i vecchi emigrati, in condizione di estrema indigenza, che lavorano a salario minimo (380 reais al mese, meno di 150 euro) e sono qui e non a São Paolo, vivendo di stenti in questa terra lontana.
E l' Italia che fa per loro? Mistero di Bahia.
Vuoi sapere di più' sulla Bahia?
Scrivi a freethinking2004@yahoo.com e fai le tue domande

Scritto nel 29 novembre 2007