Monday, November 10, 2014

Porto Seguro, festa a tranquillità nel paradiso bahiano

Vuoi sederti e rilassarti in una spiaggia di sabbia fine e bianchissima in Brasile?
Cerchi un posto dove puoi ballare tutta la notte in feste sulla spiaggia? Vuoi stare in un ambiente con bellissima natura tropicale con spiagge pulite dove puoi dormire solo con il rumore delle onde? Vuoi conoscere gli autentici indios del Brasile dove ancora esiste la mata atlantica, una delle più grandi biodiversità al mondo?
Va a Porto Seguro, mio caro lettore, l’unico posto in Brasile dove puoi trovare la più completa varietà di tutte le cose che normalmente si cerca nelle proprie vacanze: feste, pace, tranquillità, cultura, natura meravigliosa, indios locali e strutture alberghiere di livello internazionale. Puoi usare la città di Porto Seguro come base per muoverti e per esplorare tutte le differenti aree della zona.

Dopo essere arrivati all’aeroporto internazionale di Porto Seguro, mio caro lettore, sarai interessato ad un hotel che ti garantisce confort, sicurezza tranquillità, relax. L’ideale è che si trovi al centro di tutti i luoghi che vuoi visitare, in maniera da evitare viaggi troppo lunghi. Quando si visita Porto Seguro infatti vale la pena visitare molti luoghi nelle sue vicinanze, che offrono tutta quella varietà di options che abbiamo descritto sopra.

Per dare un'idea di come è strutturata Porto Seguro basti sapere che la città di Porto Seguro si trova in linea teorica ad una estremità di una retta. In genere la cittadina è un'ottima opzione per passeggiare nello “struscio” la sera. Con le numerose baracchine nella Passarella do Alcool, la strada sul lungomare della città, si trovano anche bar, ristoranti e negozi dove si possono comprare ricordi della città. Questa è storicamente famosa perché qui i portoghesi approdarono per la prima volta in Brasile e “scoprirono” il Brasile. Il suo centro storico è distante dal centro turistico della città e può essere visitato per vedere le case costruite dai portoghesi quando approdarono in Brasile.

Più avanti, in questa ideale retta che abbiamo tracciato, si trovano le bellissime spiagge di Porto Seguro. Queste sono caratterizzate da grandi “cabane”, l'equivalente degli stabilimenti balneari italiani. La loro caratteristica principale è di avere enormi spazi dove si balla tutto il giorno l’axè, lo stile musicale frenetico e sensuale della Bahia. Su dei grandi palchi durante tutto il giorno si alternano ballerini/e professioniste bellissimi/e che danzano senza fermarsi. Il pubblico danza nel sole seguendo il ritmo, bagnati di tanto in tanto da spruzzi di acqua che vengono dai palchi. Inoltre si mangia e si beve a volontà. Poi, per chi volesse, c’è una grandissima spiaggia dove camminando un po' ci si può trovare isolati in perfetta tranquillità. Nelle stesse cabane ci sono feste che durano tutta la notte, con tutti gli stili musicali: axè, forrò, etc.

Continuando sulla costa si arriva a Coroa Vermelha (al centro della nostra retta ideale tracciata dalla città di Porto Seguro) con la maggiore colonia indigena degli indios Pataxò. Visitare la colonia è qualcosa di indimenticabile. La sensazione di freschezza che si ha nella foresta indigena è rinvigorante. Inoltre si possono conoscere le basi di una cultura, quella indigena, sicuramente poco valorizzata finora ma molto ricca. La guida ti porterà, mio caro lettore, all’interno della colonia dove gli indios vivono ancora in maniera molto semplice con attività di caccia e pesca oltre ovviamente di turismo.

Coroa Vermelha è vicina a Santa Cruz Cabralia, che ha una bellissima chiesa. Da qui prendendo la “balsa”, barca molto semplice, si approda a Santo Andrè, un vero e proprio paradiso naturale molto semplice. La comunità locale è di poche centinaia di persone ma ci sono anche alcuni hotels e ristoranti molto buoni.
Qui a Santo Andrè ci si può addormentare sulla spiaggia al rumore delle onde.
E qui termina la rettà ideale che partendo da Porto Seguro, abbiamo tracciato per descrivere le bellezze della città e dintorni. Poi più distanti ci sono il Monte Pascoal e riserve di mata atlantica molto belle e sicuramente da vedere. A questo punto, mio caro lettore, spero di averti descritto questo piccolo paradiso dove sono racchiuse tutte le opzioni di divertimento possibili. Chissà che dal chiuso del tuo ufficio non ti venga il desiderio di venire qui in vacanza per superare lo stress di questa crisi finanziaria che ci lascia tutti angosciati. E se volessi potresti anche trasferirti per sempre, come fanno tanti italiani, specie pensionati, alla ricerca di pace e tranquillità. L’assenza di palazzi alti, per il rispetto delle norme ambientali, fa di Porto Seguro una delle poche città turistiche senza enormi palazzacci di fronte al mare (altezza massima permessa è di due piani). Un’altro incentivo per trasferirsi qui.
Articolo scritto il 6 marzo 2009

1 comment:

sergio cuccadu said...

Complimenti hai fatto una sintesi perfetta di tutto quanto si può apprezzare venendo qui a porto. Mancano solo i profumi della frutta favolosa... mamao(papaya) ....mango...il gusto del frutto di un cactus... la pitaya che è praticamente una mousse naturale...
Gli indigeni sono unici ma hanno un prezzo anche solo per essere fotografati... ed io come bestia bianca in un mondo di meticci vorrei essere pagato quando mi fanno loro le foto.... hehehehehe. per il resto appena riesco a vendere la casa mi trasferisco anche io a porto seguro aprendo una pousada... altrimenti non è permesso risiedere se non scegli di investire in qualcosa di produttivo. un saluto a tutti coloro che leggeranno e vorranno venire incuriositi a vedere e testare con la propria avventura tutto quello che qui... è normalità. Sergio