Sunday, December 27, 2015

Smog, il Titanic delle città' italiane

Napoli 27 dicembre 2015. Non c'e' una nuovola in cielo. Cielo azzurro bellissimo. Ma non piove. Non e' nemmeno freddo. Col treno arriviamo nella zona del basso Lazio. Sembra di stare in un mondo immaginario. Il mondo del futuro. Un mondo fato di bianco. Il treno attraversa la nebbia bianca. Sembra che stiamo andando nel nulla. E forse e' vero. Stiamo andando nel futuro il nulla.

Il treno continua nella sua strada e improvvisamente usciamo dal nulla bianco e arriviamo a roma.
C'e' di nuovo il sole ma l'aria sembra tersa. sporca.
Il treno riparte verso Firenze.
E torniamo nel nulla. Il nulla bianco. Un nulla che fa paura. Non si vede niente. Lo chiamano smog, aria sporca. Ma in realtà' e' il nostro futuro. Il nulla.
Il treno sfreccia rapido e noi non vediamo niente dai finestrini. Il nulla appunto.
Arriviamo a Firenze e il sole ritorna. Una sensazione di sollievo che dura poco.
Si perché' appena ci muoviamo verso Firenze Rifredi il nulla torna, sempre più' aggressivo, sempre più' cattivo. E quando arriviamo a Pistoia sembra di stare su un altro pianeta. Il nulla e' totale. E' tutto bianco dai finestrini. Ma non e' neve. E smog. E bianco. Il bianco della morte del nostro pianeta. Come a Pechino a New Delhi a Milano e in mille altri paesi del mondo.
La cosa peggiore e' che ci stiamo abituando al nulla.

Poi succede un miracolo. Arriviamo verso Lucca e il sole ritorna. Non ci sono nuvole. Ma siamo tornati sulla terra. Il segreto?
Gli alberi.

Gli alberi che l'uomo con la sua follia distrugge con forsennata passione. Quelli che potrebbero salvare questo pianeta. Ma che nessuno protegge. Le foreste.

Ci lamentiamo dello smog in Italia? Siamo noi i colpevoli. Distruggiamo gli alberi, l'ecosistema. Siamo dei drogati delle auto. Per fare due passi prendiamo l'auto.
Anche se e' caldo usiamo il riscaldamento. Tagliamo gli alberi sempre.
E poi ci lamentiamo dello smog. Del bianco.

Ce lo meritiamo. Siamo noi i colpevoli. Ma non i nostri figli. Che pagheranno per i nostri errori. Non e' giusto. Ma e' così'.
Una parola di speranza. Francamente in questo momento se si vietasse la circolazione di tutte le auto in Italia, se si spegnessero i riscaldamenti forse non ce la faremmo.
Così' come agiamo, continuando nella follia delle auto e dei riscaldamenti inutili stiamo correndo verso l'abisso.

Sembra proprio di assistere al film di Titanic, delle persone che danzano mentre la nave affonda.

Purtroppo pero' la colpa dei padri ricade sui nostri figli. Che affogheranno con noi vecchi nel Titanic se non agiamo sul serio e subito.

Wednesday, December 2, 2015

Stop killing the trees, stop killing the trees

The old man was looking at the tree. Both of them were old.
The man was 81 years-old. He was a millionaire. The tree was older. About 100 or 120 years old. It was rich of leaves, smell and history.

The old man looked at the tree again and thought: "I am going to get some good money out of it.". How much was it going to be? 500 euros, 1000 euros or even 1500 euros? Not more than that. Did he need it? Certainly not.

But then why was he doing that? Why was he cutting the old tree down?
The answer lies in the basic point it he's being discussed these days in Paris.

In this world there is no respect for the trees, for the forests, for the nature.

We are living in the land of no-tree land.

Welcome to the world of the future my reader, a world dry, where feelings are drier than our land, where the love for the money is far greater than the interest for our future.

Ad above all a world where trees have no protection. There is no law protecting the trees in this world. There are laws protecting human beings, animals but not trees.
I know what you are thinking my reader: there are environmental laws protecting trees.

Well that is partially true, in some countries, in some instances.

But there is not public feeling and public awareness that trees are as important as humans for the future of this world.

What do I mean?
I explain it with an example.

My daughter is asking to pick up the little plants we left with our neighbors when we left our old flat and travelled abroad. We loved our plants a lot. We felt their absences. And we wanted them back.
They are part of our life. Just like animals for some people.
We have respect for plants, we love trees I personally would live in a forest. In Brazil we still have them. I do not know how long for.

In Europe it is different. The old man from Tuscany shows no respect for the trees. Is a 100 years-old tree worth1000 euros only?
If a kill a man I go to prison. But I I kill a 100 year-old tree I get 1000 euro for it. What kind of world is this? This is the world the meeting in Paris is showing. Lots of words. But in the end money is far more important than trees.
Why the world is going the way we see nowadays?

Not because multinationals destroy the environment. This thing they have always done.
But because the average man in the street destroys the environment.

Another example?
I was walking down the street and a man was cutting the tree in front of his house. Another old one. I was horrified. But what can I do? Call the police" It is likely I would go to prison, not the killer of trees.
Trees have no rights.

Why the Paris meeting about the environment is going to be a failure? Because trees have no rights. Because we do not respect our nature. And that is why we are going down in this world.
But until there are people like my little daughter, who is feeling saudade (the lack of) her little plants the world still has hope.

But we must make our voice heard soon. We must cry out: "stop kicking the trees, stop killing the trees". And then the politicians will stop this killing. And the world will be born again.

Saturday, November 28, 2015

Italy, the country where the old people "wanna it all".

"I wanna it all, I wanna it all, I wanna it all, I wanna it now". Do you remember the old song of the Queens, the unforgettable song used to show the strong desire of the young people to live the life?


Well this song could be the symbol of the 80-year old people of Italy, the ones that dominate that country. Why is that? How is that possible? you are asking yourself my dear reader.

Welcome to Italy, the country where the old people are in power, where the society is frozen, where the young people are old and the old people run the show.
Everywhere. Always. Especially the 80-year old people.
They wanna it all, just like the Queen's song. And they have it. This is why the country goes nowhere. A beautiful country, the best in the world to eat.

And one of the best ones to live. Or not?


Well the difference between living and being old seems subtle but in fact it is not.

Let's take an example. I am nearly half the age of those 80-year old people who run the country. But I lived more, far more than them. If I were to die tomorrow I have very few regrets in my life.
The old people don't. They did not live. That is why they "wanna it all".
You don't understand my reader? I am going to explain it again.

In my life I had nearly everything. Power, money, women, but above all love. I gave it a lot and I received it. Above all with my kids. Everyday in my life was and still is full of emotions.
I rarely got bored. My wife tells me that: "it is not me going after the adventure, it is the adventure who goes after me". I always have it. Especially in Brazil. I was close to die several times, I was loved and loved many times. I had and have an adventerous life.

A life where I was not going after money or power. They came in my life and went away. But I never looked for them. That was not the aim of my life. The real aim was to give people something, love.
I think I did it. Nobody is perfect. But I did it as much as I could.

Sometimes I feel as I lived several lives. But I am always happy in my life. I get up and smile at my kids. Every day is a new day. I always feel the thrill of life.

The old Italian people are just the opposite. They live a lot. Many of them are 80-year old. But they did not life it at all. What does that mean?

It means that, in their lives, the old Italian people were always after one thing, a material thing: money, career, power. Just that. But that way their lives became dry,very dry.

They did not live. They do not know what life is. This is why they "wanna it all". This is why they do not give up. That is why they run the country. This is why they run companies, families, everything the same way as they did it in the past.

Italy had for long time the oldest President of Republic in the world, mr. Napolitano. Companies are run by old people until they die and that happens very late.

My close friend, a 80-year old journalist tells me that he is so busy he cannot keep up with his commitments. He is overwhelmed by work.
My landlord 81-year old man, tells me that he has to go in the streets looking for clients. He has several flats and is a millionaire.
I met a director of a Italian industry federation, an 80-year old man. He was getting off a plane running to get another one. Full of commitments.

A man living close to me is fighting to keep his flat from repossession. Is that because he does not have money? Quite the opposite, But he likes the fight. His life is empty and that thing fills it.

And that is the real point. These old people never lived. They feel the life is going away. And they want it to live until the last minute. Because, inside themselves, they know they did the worst thing anybody could do in his/her life. What? Like in the dream of Papillon in the unforgettable movie of Steve McQueen "They wasted their lives, the worst crime somebody could do".

The 80-year old Italian people know it. The end is coming. That is why they do not give up. But what do they do? They keep on doing what they did in their lives. They keep on wasting their lives. They keep on being selfish, getting it all. Giving nothing to nobody. The older they get the worse they become.

Ironically one of the best man Italy had in recent times is a capuchin friar Frei Damiao, who went to help the poor in Brazil Frei Damiao lived nearly 70 years in Brazil helping the poor people.
He died when he was nearly 100-year old.

But during all his life Fei Damiao gave love to the poor people.
He is an example of what an old person show do.
Help the people.Especially the young people.teaching them the way forward. Just like Socrates did in the ancient Greece.
With the maieutic approach. Helping the young people grow up in a safe and sound way.
But that is exactly the opposite of what the old people do in Italy.
With their behaviors the old people teach the youngsters the be selfish.

The kids seem already old in Italy. Mentally they are already bored and boring. They rarely smile. And the older they get the worst they become.
It is not their faults. That is the way they are tought to grow up.

In Brazil for instance people grow up smiling all the time. In Italy it is the opposite.
In Brazil you die young. If you make it beyond 60 years you are lucky. But life is intense. Full.

In Italy life is empty even if you get to 80 or 90-year old. That is why you want more. Because you did not have it at all.

Well what else for Italy?

I myself would say "Smile, life is wonderful". And forget about yourself and selfishness. Do good thing. Maybe that way you will feel better.

Friday, November 20, 2015

Panico, la nuova onda che domina l' Europa

Roma 20 novembre 2015 Nel metro A una borsa lasciata incustodita: panico e chiamate per la potenziale bomba.
Napoli: ufficio del Tribunale Gip: allarme bomba, persone in panico..
Milano: due giornalisti camminano con vesti islamiche: sono dell' IS dice la gente, si chiama la polizia per controllare i documenti..
.
Persino nel mio piccolo una donna che ascolta canzoni arabe mi grida"Ti stacco la testa". Sara' una terrorista dell'IS? Forse e' meglio chiamare la polizia..
.
Benvenuti nel nuovo mondo dove la parola d'ordine e' :PANICO a lettere cubitali..
.
Chiunque può' essere un uomo o donna bomba. Evitare le folle. Evitare gli stadi. Evitare le chiese, la messa del papa, le discoteche, i concerti..
Tappiamoci in casa. I terroristi dell'IS sono dappertutto. Siamo spacciati. Non c'e' più' sicurezza. Bombe batteriologiche possono annidarsi dovunque..
.
Arriviamo al comico. Vado nel Carrefour. Devo andare in bagno ma per evitare di fare il giro di tutto l'edificio visto che l'entrata e' dall'altra parte tento di scavalcare le sbarre di uscita. I seguranca subito sono in allerta mentre la commessa grida:"Signore non può' passare di la' " in evidente panico. Sara' che ho messo una bomba al supermercato? sarà' che sono un terrorista? "No devo solo andare al bagno" grido io..
.
L'IS ha raggiunto il suo risultato: il panico e' totale. Sono tutti terrorizzati in Europa..
.
L'obiettivo vero degli attentati di Parigi era il panico, anzi il PANICO..
.
Tutti ma proprio tutti devono avere paura. Dovunque. Sempre. E l'IS ci e' riuscita. Perché'?.
.
Perché' gli europei sono un popolo che ha un doppio volto. Da un lato vende armi ai paesi arabi, guadagna a palate dai mercati di morte, dall'altro trema di paura quando queste armi sono usate contro se' stessi..
.
Si scopre che queste armi possono ammazzare non quando si vendono ma quando ammazzano gli stessi europei. .
Alcuni degli stati che finanziano il terrorismo sono i migliori clienti degli europei..
Percio' sono gli europei stessi che, indirettamente, sono la causa dei loro mali..
Se a questo aggiungiamo che i bombardamenti contro l'IS non fanno altro che scalfire di poco il grande supporto che hanno neil' IS e' evidente che il vero effetto e' quello di aumentare le vendite di missili europei ai propri governi..
E l'industria della morte continua a macinare profitti..
Che dire?.
.
Il PANICO dell' IS e le vendite di armi stanno distruggendola nostra pace..
.
Della serie: Chi e' causa del suo mal pianga se stessi..
.

Wednesday, November 11, 2015

L’emigrazione lucchese nel mondo? Me la racconta Pier Luigi Bertolli

La vita e’ strana. Vivo da oltre un decennio in Brasile e conosco molto bene le comunita’ e l’emigraziona italiana all’ estero.
Ma oggi in Toscana, a Ponte a Moriano in provincia di Lucca ho conosciuto un pezzo di storia di emigrazione che non conoscevo bene. E l’ho appreso da una persona che ha viaggiato tantissimo nella sua vita ed e’ vissuto in Brasile per quasi una decade.
Quest’ uomo e’ Pier Luigi Bertolli, un membro della famosa famiglia lucchese che ha dato vita a forse l’olio piu’ famoso al mondo, l’olio Bertolli.
Pierluigi alla veneranda eta’ di 85 anni anni e’ lucidissimo e mi racconta la storia della sua vita, una storia veramente interessante che meriterebbe di essere ascoltata da coloro che oggigiorno parlano di emigrazione senza neanche sapere di cosa si tratta.
Ma andiamo per ordine. Avevo incontrato a Lucca Federica, la figlia di Pierluigi e le avevo chiesto di conoscere il padre, dopo che mi aveva raccontato brevemente la storia della sua famiglia. Confesso che mi intrigava l’idea di incontrare una persona della famiglia che ha scritto la storia recente di Lucca.
Dopo un viaggio avventuroso nelle colline lucchesi sono arrivato alla villa dei Bertolli a Ponte a Moriano.
Qui ho incontrato Pierluigi. Una persona che sembra venire dal passato. Di quelle che ormai non ce ne sono piu’. Una persona autentica che nel mare della vita ha navigato tra europa e Brasile, tra USA ed Italia e vari altri paesi del mondo.
Ma che si e’ mantenuto sempre profondamente lucchese. E che per questo mi ha spiegato la ragione dell’emigrazione lucchese nel mondo cosi’ simile ma per certi versi anche cosi’ diversa da quella di altre zone d’Italia.
Pierluigi mi dice: “ caro Max l’emigrazione lucchese nel mondo ha ragioni storiche. C’erano due citta in Italia che avevano goduto di un’ indipendenza per secoli, Venezia e Lucca. Per quasi 6 secoli il Ducato di Lucca era rimasto indipendente.”. “Ma com’e’ possibile?” chiedo io. E Pierluigi: “Semplice, caro Max. Quando si sapeva che stava arrivando un sovrano invasore due persone mandate dal ducato di Lucca incontravano il sovrano straniero e con spirito molto pragmatico dicevano: caro imperatore tu vuoi invadere la nostra citta’ che e’ circondata dalle mura. E’ probabile che noi resisteremo da 60 a 90 giorni poi ci arrenderemo. A questo punto i tuoi soldati, ad esempio 1000 vorranno essere pagati 25 soldi ciascuno e quindi dovrai pagarli 25.000 soldi. Allora noi ti diamo 30.000 soldi e tu te ne vai senza attaccarci”. Il ragionamento non faceva una grinza e quindi Lucca preservo’ sempre in questo modo la sua indipendenza.
Poi Lucca e’ una citta ricca, ma soprattutto perche’ i lucchesi sono dei gran lavoratori, gente abituata al sacrificio duro ma anche a viaggiare per il mondo e vendere le loro merci come la seta.
Ma poi quando si verifico’ l’Unita’ d’italia Lucca perse l’indipendenza di cui era sempre stata gelosissima. I dazi doganali furono aboliti e le imprese del Nord Italia cominciarono a dominare il mercato dell’ Italia unita. E questo causo’ la piu’ recente emigrazione lucchese”.
Per la verita’ lo stesso fenomeno avvenne con l’annessione del Regno delle Due Sicilie, penso io, con un fenomeno migratorio senza eguali nel mondo dell’ emisfero Nord.
In ogni caso Lucca e la Garfagnana, terra vicina, dettero vita ad un fenomeno migratorio notevole. Ma qual’era la caratteristica dell’emigrazione lucchese?
Beh la ragione principale era sempre la stessa, lo stato di bisogno. Ma e’ anche vero che i lucchesi erano abituati ad andare via per migliorare la loro condizione sociale. Era normale che a 18 anni i giovani nell’ Ottocento andassero via da Lucca e gia’ all’ eta’ di 16 anni le mamme cominciavano a piangere all’idea che i loro figli se ne andassero dopo due anni. Andare via significava andare all’estero, in europa e poi in America del Nord e del Sud.
Non c’e’ una famiglia lucchese che non ha un parente all’estero mi spiega Pierluigi. Specie in Brasile a Sao Paolo o in argentina a Buenos aires ma anche a san Francisco negli USA. Per questo il rapporto tra la citta’ di Lucca e gli emigrati e’ diverso da quello di altre parti d’Italia.
A Lucca si parla con orgoglio degli emigrati, che tra l’altro hanno fatto ricca la citta’ con le proprie rimesse specie dopo le guerre mondiali. Gli emigrati sono un pezzo della citta’, anche perche’ molti andavano via ma anche molti tornavano dopo aver fatto fortuna all’estero. E questa era un’altra caratteristica dell’emigrazione lucchese. I lucchesi, gran lavoratori avevano anche l’istinto per il business, erano umili e cercavano di integrarsi con le comunita’ dei paesi dove andavano senza cercare di insegnare loro ma assorbendo la cultura straniera e poi usando le proprie competenze per sviluppare il proprio business.
Pierluigi mi racconta di tante storie molto interessanti come quella dei cappelli della Bolivia, portati da un lucchese che li comprava in Italia e li rivendeva li’. E anche la storia di Safeway, uno die maggiori supermercati al mondo, che negli USA si sviluppo’ grazie ad una societa’ di un greco un lucchese ed una persona della Garfagnana, Tintori. Assorbire la cultura e trasformare con l’intelligenza e flessibilita’ la conoscenza in opportunita’ di business era il segreto del successo dei lucchesi nel mondo. Umilta’ nel crescere lavorando, ecco cosa ha fatto grandi i lucchesi all’estero mi dice Pierluigi.
E qui Pierluigi mi dice una caratteristica dell’italiano all’ estero che ben conosco e in qui mi riconosco perfettamente.
L’italiano all’estero e’ solo, scoperto, senza protezione. Deve sopravvivere. E proprio questo che che lo fa forte in un ambiente diverso dal suo e a volte ostile.
E il lucchese e’ una persona tenace, risparmiatore, opportunista. Una persona che non si demoralizza davanti alle difficolta’ ed ha una grande capacita’ di rimanere focalizzato.
E per questo che riesce a superare le avversita’ che altri forse non riuscirebbero a superare.

Saturday, October 17, 2015

Pensionati italiani all’ estero: razza in estinzione?

29 settembre 2015 Titolo della Repubblica: “il presidente dell'Inps, Tito Boeri: Freno alle pensioni italiane all’ estero. “
I titoloni su questo e altri giornali italiani scatenano il panico nei pensionati italiani all’ estero e mi sommergono di emails con richieste di spiegazioni su cosa queste dichiarazioni significano.
Come coordinatore mondiale di Cicero, il piu’ grande gruppo di italiani all’estero al mondo, Cicero ha grande esperienza di pensioni italiane erogate all’estero e l’INPS in passato ha aiutato sul serio pensionati italiani all’ estero.

Pertanto lungi da me l’idea di un approccio persecutorio dell’INPS verso gli italiani all’estero. Al contrario il presidente Boeri pone un problema serio: l’esodo degli italiani all’ estero specie dei nuovi pensionati italiani all’ estero che sono aumentati del 109% dal 2010.
In piu’ l’ INPS eroga circa 400.000 trattamenti pensionistici all’ estero. Da qui il trattamento definito “strano” dal presidente Boerio:
"Continuiamo a pagare ogni anno 200 milioni di euro di prestazioni assistenziali a pensionati che vivono in altri Paesi e che magari hanno un'assistenza di base.”.
Affermazione veritiera per i pensionati italiani che vivono in paesi europei o del Nord america. Ma meno vera per coloro che vivono in America Latina dove definire l’assistenza fornita dal settore pubblico “di base” e’ sicuramente un eufemismo.
Chiedetelo ad esempio ai pensionati residenti nel Nord Est del Brasile che fanno delle file spaventose al SUS brasiliano (sistema unico di salute) e che ricevono trattamenti (quando li ricevono) che fanno letteralmente paura. Assistenza di base? Me che e’ qualcosa che si mangia? Mi chiede Franco che ha una gamba che non funziona e che non riceve un centesimo a Salvador de Bahia ne’ dal governo brasiliano ne’ da quello italiano pur essendo un pensionato italiano all’ estero.
L’argomento del presidente dell’INPS e’ giusto. Ci sono immigrati che fanno "un regalo consistente" all'Italia poichè molti versano contributi previdenziali senza ricevere alcuna pensione”. Una situazione ingiusta da sanare.
Ma questo non vuol dire ridurre la pensione agli italiani pensionati all’ estero.
In realta’ il problema dell’esodo dei pensionati italaini all’ estero e’ politico.
In Italia i trattamenti fiscali sono eccessivi. Lo stato sociale e’ l’ombra di se stesso. Si taglia tutto.
E’ ovvio che la cosa piu’ ragionevole per un pensionato e’ andare all’estero dove la vita puo’ essere piu’ leggera e meno stressante.
Ma questo non significa che si devono usare strumenti punitivi verso questi pensionati che decidono liberamente di vivere all’estero. Magari riducendogli la pensione.
Se si volesse recuperare la spesa complessiva dei pensionati italiani all’ estero che supera il miliardo di euro si dovrebbero cambiare le condizioni di questo paese. Non piu’ competitive.
In fondo i pensionati sono come clienti di un hotel che si chiama Italia.
Se l’hotel non li soddisfa possono cambiarlo con un altro che offre condizioni migliori.
E’ assurdo dire al cliente che non puo’ cambiare hotel per via del fatto che i suoi soldi derivano dalla sua permanenza passata nell’hotel dove ha lavorato tutta la vita. E allora?

dice il pensionato italiano all’estero. I soldi sono miei e li spendo dove mi pare. Non e’ che per questo l’hotel non gli da quanto gli spetta.
Se veramente si volesse frenare l’esodo bisognerebbe migliorare la situazione di questo paese tribolato che si chiama Italia.
Gli immigrati (altri nuovi clienti dell’hotel) hanno tutto il diritto di reclamare la pensione sulla base dei contributi che pagano. Ma non e’ che per questo si penalizzano i vecchi clienti dell’hotel Italia.
Se volete che restiamo siate piu’ competitivi sembrano dire i pensionati. E la risposta sembra essere: Se ve ne andate vi tagliamo la pensione.
Una manovra alla Renzi come quella dell’introduzione dello ius soli.
Ma sai che? dice il mio amico di Sao Paulo. “Querem acabar com os italianos no exterior” vogliono farla finita con gli italiani all’ estero la traduzione.
E forse tra qualche annoi pensionati italiani all’estero potrebbero divenire una razza in estinzione.

Thursday, October 15, 2015

Chi sono i veri italiani?

24 Luglio 2008. Max Bono scriveva: ““Fratelli d’Italia, l’Italia s’e’ desta”, grida mio figlio quando passeggia com me in strada. Há solo 2 anni e qualche mese, non parla bene e’ nato in Brasile ma e’ italiano al 100%. Gli piace cantare l’inno nazionale, non conosce neanche il paese d’origine ma e’ fiero di essere italiano. Quanti di noi in Itália e all’estero siamo come lui? Pochi, molto pochi se vediamo cosa succede nelle cronache italiane e non.”


13 Ottobre 2015. Sì dell'Aula della Camera dei Deputati alla nuova legge sulla cittadinanza. Il testo, approvato con 310 sì, 66 no e 83 astenuti, passa al Senato.
Di fatto e’ il primo passo verso lo ius soli e l’abbandono dello ius sanguinis. Cioe’ e’ cittadino chi nasce in Italia e non chi e’ di origine italiana.

Qual’e’ la connessione tra le due cose? vi chiederete miei cari lettori.

Se il testo approvato dalla Camera fosse legge mio figlio potrebbe non sarebbe italiano, in base al principio dello ius soli. Una cosa semplicemente assurda ma dovuta al fatto che e’ nato in Brasile.
Cosi’ come non sarebbero italiani Ungaretti, Gentile e tantissimi altri italiani nati all’estero ma che hanno dato grande lustro all’Italia.

Ma allora qual’e’ la soluzione giusta da adottare in materia di cittadinanza?
Per chi, come il sottoscritto, ha visto di tutto e di piu’ in America Latina in materia di cittadinanza italiana, il punto e’ abbastanza controverso.

E’ un fatto che tantissimi italiani oriundi chiedono la cittadinanza italiana senza sapere niente dell’Italia. Ne’ la lingua, ne’ le tradizioni a volte neanche bene dove si trovi geograficamente in Europa.

Una fila mostruosa di persone e’ in attesa della cittadinanza italiana in Brasile e in Argentina sulla base di bisnonni venuti dall’Italia e di cui non conoscono assolutamente niente.
Ma perche’ allora direte voi vogliono la cittadinanza italiana? Perche’ il passaporto italiano permette loro di andare negli USA l’ultima meta’ agognata dei latinoamericani.
E’ questa la vera finalita’ di molti che chiedono il passaporto italiano.
D’altro canto figli di immigrati che nascono in Italia e crescono in questo paese non sono cittadini italiani ma solo di serie B per moltissimi anni. Una cosa ingiusta visto che vivono in Italia e sanno molto di piu’ di questo paese che del paese d’origine dei propri genitori stranieri.

Detto questo e’ pero’ vero che i figli degli italiani all’estero non devono perdere la loro cittadinanza italiana che deriva dall’amore che i loro genitori italiani passano loro sin dalla nascita.
Molto spesso gli italiani all’estero e i loro figli hanno una padronanza dell’italiano ed un amore per la patria superiore agli italiani d’Italia.

I figli degli italiani all’estero sono spesso persone che hanno continuato all’estero l’opera dei loro padri con spirito italiano. Hanno fatto grande il nome dell’Italia.

L’Italia deve andare fiera di loro. Non dimentichiamo che l’Italia si e’ rialzata dalla seconda guerra mondiale anche grazie alle rimesse degli emigrati e dei loro figli.

La cittadinanza non e’ una questione legale ma morale. Se ti senti legato ad un paese per le tue origini paterne o materne non ti puo’ essere eliminata solo perche’ non sei nato nel paese.
Quale potrebbe essere la soluzione allora?
Quella brasiliana. Lo ius soli con un po’ di ius sanguinis.

E’ infatti brasiliano che nasce in Brasile. ma anche chi e’ figlio di brasiliano all’estero se questi lo riconosce in consolato.
Forse dovremmo apprendere dal Brasile affinche’ i figli degli emigrati italiani e degli immigrati in Italia siano tutti italiani.

Sunday, September 6, 2015

Accogliamo i migranti metteteli a casa vostra

Monaco di Baviera: Applausi ai profughi.
Vienna e Berlino: Porte aperte.
Finlandia: il premier mette a disposizione dei profughi la casa di campagna.

L'europa e' in festa. Accoglieremo i profughi. Siamo tutti toccati dalle immagini strazianti delle maree di profughi.
O no? Eh si perché' se andiamo dalla gente comune a Roma, Firenze, Milano sembra che le cose non siano proprio così'.

Cerchiamo un appartamento in queste città': con accento straniero di brasiliano un mio amico chiama. Nessuno affitta gli appartamenti sono tutti pieni. Com'e' possibile? E l'amore per i profughi? La solidarietà' umana?
Sembra proprio che non esista?

Le reazioni della gente comune sono molto diverse. "Non li vogliamo ne oggi ne' mai". dice uno. E una mia amica mi dice:

"Caro Max, parlando con le persone posso dirti sinceramente come si presenta la situazione qui: Tutto il mondo sta attrraversando un momento molto difficile, la gente e' spaventata e preoccupata. Non so perche' il tuo amico voglia proprio venire in Italia adesso....Gli italiani, di solito brava gente, sono diventati molto diffidenti, spesso hanno avuto spiacevoli esperienze nell'affittare le loro case, con conseguenti danni economici e minaccie dagli occupanti. La legge Italiana non tutela i cittadini ma in special modo i proprietari di case che spesso si trovano a far fronte a problemi di ogni tipo, e si trovano costretti ad essere molto molto selettivi, chiedendo garanzie concrete, scritte e firmate".

La realtà' e' molto diversa e complessa.

La verità' e' che i nostri politici dicono, in maniera ipocrita:

"Accogliamo i migranti, loro sono profughi, vengono dalle guerre". Ma poi all'ora del fatto concreto li mettono ben lontani dai Parioli, Via Montenapoleone o dai quartieri bene delle città' dove vivono.

"E ce li sbolognano a noi, che viviamo fuori dai centri storici con la complicità' di cooperative "sociali" legati a loro che guadagnano orrori con questo nuovo business" mi dice un altro amico.

Risultato: Accogliamo i migranti ma metteteli a casa vostra perché' da noi non li vogliamo, dicono i nostri politici.

Sunday, August 23, 2015

La guerra dei migranti, l'ultima guerra di Annibale l'africano

"Caro Max, gli europei non hanno memoria storica e' per questo che sono invasi dai migranti oggi".
Dopo tanti anni sono tornato a visitare il mio professore di storia orami in pensione che mi sta davanti in un anonimo appartamento nella periferia di Napoli.
E' sempre un piacere ascoltarlo, lui che sembra una enciclopedia umana. E allora lasciamolo continuare:
"Max ricordi la storia di Annibale? Ricordi di Cartagine?" e così' il professore continua:
"Cartagine 247 Avanti Cristo. Annibale Barca figlio di Amilcare Barca nasceva. Annibale voleva realizzare il sogno del padre e vendicarsi dell'odiata Roma. Decise perciò' lnpensabile: l'invasione dell'Impero Romano.
Marciando dalla Spagna, attraverso i Pirenei e le Alpi, scese nella penisola, dove sconfisse le legioni romane in quattro battaglie principali: la battaglia del Ticino, di Trebbia, del lago Trasimeno e di Canne.
Annibale sconfisse Roma. Ma i Romani non accettarono la sconfitta e nella seconda guerra puniva invasero Cartagine. Andarono a casa di Annibale e lo sconfissero. Annibale fu sconfitto a Zama e dovette scappare. Ma non si arrese finche' i Romani lo stanarono a Lybissa dove preferi' suicidarsi a consegnarsi agli odiati Romani."

"La storia mio caro Max e' maestra di vita. Annibale invase l'Europa dall' Africa e vinse. Ma i romani capirono il pericolo e poi lo respinsero. Annibale grande generale nero perse alla fine. Perché' il suo fine era l'invasione del cuore dell'Impero Romano, Roma.

Oggigiorno invece gli Europei non hanno capito il pericolo dell'invasione dei migranti africani e asiatici e per questo stanno soccombendo. Ovviamente la colpa di ciò' e' loro.

I maggiori mercanti d'armi che causano le guerre in Africa e Medio Oriente siamo proprio noi europei. Per decenni abbiamo guadagnato orrori causando guerre disumane in Africa pensando solo al nostro profitto.
Ma la cosa non poteva continuare così'. La bomba demografica e' esplosa e gli africani vogliono venire da noi. Vogliono invaderci. Non per conquistarci come Annibale ma per vivere del benessere che la tv e internet mostra loro ogni giorno. E' solo attraversare il Mediterraneo e voila' anche loro avranno il benessere.
Gli europei avrebbero dovuto fermare il mare umano che sta arrivando aiutando i governi del Nord Africa sul serio e pattugliando i mari.
Ma soprattutto salvando i barconi in mare e poi sempre riportando i migranti in nordafrica.
Sapendo che l'attraversata non funziona perché' ti riportano a casa le persone sarebbero frustrate. Gli europei stanno facendo esattamente l'opposto. Li prendono e li portano a casa.
In questo modo si incoraggia il mare umano e saremo completamente invasi.
E' proprio vero mio caro Max che l'uomo non impara mai dai propri errori.

I Romani respinsero Annibale e lo andarono a prendere fino in Africa. Noi invece facciamo l'opposto: apriamo le frontiere e siamo invasi." termina il mio professore.
E' proprio vero che per risolvere i problemi bisognerebbe ricordare la storia ma oggigiorno i nostri governanti sono troppo accecati dalla sete di potere per vedere che la guerra dei migranti ci sommergerà' tutti.

Saturday, August 22, 2015

Migrants invasion? Good business if there are not too many dead bodies

"3000 saved just today. In Macedonia they want to cross the borders by force. In Greece, Spain, Italy, France it is literally an invasion. Business is going very well" laughs loudly Ismail in the expensive foreigners' bar in Tripoli.

"These ghosts are making me, sorry us, super-rich. The problem is that we have so many that we do not have enough ships to make them cross the Mediterranean sea." Ismail says with satisfaction.

"Take whatever you got man, any boat, vessel ship, any piece of wood you can throw in the water to put ten, hundred, thousands of these dirty men and women. And always put small children because that is the guarantee that the stupid Europeans will rescue those ghosts and then we get more and more of those dirty people with us" shouts loudly Ahmed.

Ahmed knows that business quite well. He himself came from Siria few years ago. He crossed several borders he did even forgot how many. But he is smart. He knows the business. And he knows that in summer time you got to push as much as you can.

"We got just two months" says Ismail. "I got one hundred thousands ready to go but the other guys are getting the business tougher and tougher" .

"Forget about them" shouts again Ahmed. "We are the strongest ones in the business, we got the ships, we got the connections, we call the rescue teams in the Mediterranean sea when the boats are diving, we got everything.
And what about the others? They don't know anybody, they get crap boats and make those dead people cross the sea cheaply even for 2000 -3000 dollars. They are cutting the prices. We make 5000 dollars but with us people know that they cross the sea without problems. With the others it is different. Their boats always dive and people know that. That's why those ghosts always come to us."

"And the Europeans did you already speak to them?" asks Ismail. "Remember this business goes well if the Europeans do their job. Our percentage is 80 to 20 and must never go below 70.". "Not to worry" ends Ahmed "Our friends in Greece, Italy and Spain always come at the right time. The others instead go below 50".
The percentage Ahmed is talking about is the percentage of alive to dead migrants that survive after the rescue in the Mediterrranean sea.

That's the way the business goes: if you go below 70% the demand goes down and you go to the more expensive guys like Ismail. If the percentage is high you can charge up to 5000 dollars per migrant.

Good money right? Wrong, dirty money, but as Ismail says "I don't not give a damn about those ghosts in the crappy boats".

Friday, August 21, 2015

Arrivano i migranti, facciamo i soldi

Le navi dall' Africa sono strapiene. I migranti stanno arrivando. Da tutte le parti. Sono tantissimi. E ancora di più' ne arriveranno. D'estate poi e' facile.
Basta una carretta, ne mettiamo in duecento e via di corsa verso l'Italia, la Grecia, Spagna e qualunque posto.
Si guadagna e tanto. Si diventa ricchi in poco tempo.Ma non solo per i criminali africani che come venditori di schiavi fanno sbarcare sulle coste dei deboli popoli europei le centinaia di migliaia di disperati da tutte le zone infernali del mondo.
Ma anche per le organizzazione che in Europa li ricevono. Eh si fermiamoci all'Italia.
Il business dei migranti e' fantastico. Si guadagna e bene. 30 euro al giorno e a migrante.
Le direttive in Italia sono:
"Le strutture cercate devono essere in grado di accogliere almeno sei persone per un periodo di tre mesi eventualmente prorogabile.
A tutti dovranno essere assicurati tre pasti al giorno, vestiti e il necessario per la pulizia."

Tradotto in pratica: gli diamo quattro stracci, una sbobba economica qualche lametta per farsi la barba e via guadagniamo bene. Specie ora che il turismo crolla.
Mettiamo su una organizzazione di accoglienza, tipo cooperativa sociale. Li mettiamo insieme 'sti migranti. Zone di periferia, così' non rompono. Tanto che ce frega noi presidenti dei centri viviamo al centro mica vicino a 'sti centri dell'orrore.

Il governo paga e bene. Due conti: 30 euro per minimo 6 sono 180 euro al giorno, in 30 giorni ci facciamo 5400 euro. Spendiamo 500 -700 euro per i vestiti, altri 1000-1500 per la sbobba quotidiana. Totale spese 2000- 2500. Lucro almeno 3000- 3400 euro al mese.
Se poi me prendiamo di più' facciamo i soldi a palate. Le economie di scala ci possono permettere di alzare 6000 -7000 euro al mese per 10 -12 migranti e chi più' ne ha più' ne metta.

E' vero non abbaino mai gestito un centro ma che ce vo? Mettiamo due -tre migranti a sorvegliare i nuovi arrivati e via facciamo un bene sociale.
I sindaci ci daranno supporto e magari anche spazi in gestione, pagamento della corrente e gas in convenzione col Comune e via facciamo i soldi e sul serio.
Ma se la popolazione protesta dici tu?
Macche' la gente parla parla ma poi non fa niente. Tanto i migranti li sbattiamo in periferia dove li' non protesta nessuno. E poi i politici ci appoggiano.
E anche l' Europa.
E fatemelo dire: Arriivano i migranti facciamo i soldi.

Wednesday, August 19, 2015

Il mercato dei migranti di Lucca

"Eh no cosí' non va" esclama Mario battendo il pugno sul tavolo.
Mario questa volta e' proprio arrabbiato. Da quando e' presidente di una associazione lucchese di una cooperativa che opera nel sociale le cose non vanno proprio bene.
"Mario devi capire, e' la prefettura che ha deciso noi non c'entriamo niente". risponde Al, uno dei politici che contano a Lucca che fa arte della giunta al potere.
"Capire un corno" risponde Mario sempre più' irato."Voi state al potere, siete l'autorità' in questa città' e che fate?".
Abbiamo già protestato con la Prefettura, c'era un tavolo di concertazione, le strategie dovevano essere decise insieme ma poi il Prefetto ha fatto come voleva e nemmeno ci ha avvisato" risponde Al visibilmente preoccupato.

Eh si perché' le scelte di dove "piazzare" i migranti in arrivo a Lucca doveva essere decisa da un tavolo di concertazione ma poi alla fine (come vedremo) le cose sono andate in modo diverso e i primi sono stati messi presso società' al di fuori del "circolo" delle cooperative sociali e qualcuno (come Mario) si e' arrabbiato.
"Parliamoci caro" risponde Mario tutto paonazzo in volto. "Voi al potere sul Comune gia' traballate, siamo noi che con il voto delle nostre associazioni vi abbiamo portato al potere, abbiamo convinto tutti che era ora di cambiare e piazzare voi. Ora bisogna che voi ci date qualcosa in cambio".

Arrivano 'sti migranti. Noi abbiamo tutto. Le strutture (a volte sussidiate dal Comune e' vero ma non basta). Il personale ( a volte senza grande esperienza di accoglienza e' vero ma quella si impara). La presenza sul territorio (ci conoscono tutti. Ci si può' fidare di noi).
La rete fuori dal centro storico ( e' vero io e i nostri colleghi sono residenti dentro ma la rete e' fuori).

E invece che succede? I migranti vanno all' Oltreserchio con società' che non hanno niente a che fare con noi. E chi sono queste immobiliari e che gestiscono il business? Nessuno li sa. In più' non sono dei nostri, che abbiamo lavorato sul territorio, vi abbiamo fatto salire. E voi che fate?"

"Abbiamo già' protestato con la Prefettura ma questa dipende dal Ministero degli Interni sono loro che decidono non noi." risponde Al.
"intendiamoci, grida Mario "1000 euro al mese per migrante per 20 migranti significano 20.000 euro al mese. Dopo una misera sbobba e quattro stracci e qualcuno che li controlla (mettiamo che costi 4-5000 euro al mese) gli altri che li ospitano alzano 10 -15 mila euro al mese.
E noi? Che figura ci facciamo? Non becchiamo niente? Qua dovete fare sul serio, datevi una mossa altrimenti alle prossime elezioni andate a zappare la terra" sbraita Mario e se ne va sbattendo la porta.
Benvenuti al mercato dei migranti di Lucca.

Storia fantasiosa liberamente ispirata alla realtà' lucchese

Monday, August 17, 2015

Brasile, dove la piazza non e' il Paese

Rio de Janeiro, Sao Paolo, Brasilia. Folle oceaniche nelle piazze chiedono l'impeachement di Dilma la presidentessa del Brasile.Tutti vogliono che rinunzi. Tutti quelli che sono nelle strade. Ma non tutti i brasiliani.
Non fatevi illudere dalle masse nelle piazze. La situazione per Dilma e' critica, molto difficile ma da qui a credere che Dilma si dimetterà' presto ce ne corre.
Le comparazioni con Collor sono veramente deboli.
Quando Collor rinunzio' la situazione era insostenibile. Collor aveva congelato tutti i depositi dei brasiliani. Le folle nelle piazze erano il paese. Tutti dimostravano. E soprattutto tutti i giorni.
Il paese era paralizzato. C'era un vuoto di potere enorme.
Nessuno lavorava. Nessuno credeva più' nel potere. Nessuno voleva far niente.
Oggi no.
La gente e' molto disillusa, offesa, arrabbiata per la corruzione dilagante. Un livello mai visto che fa impallidire le comparazioni con il passato.
La situazione economica e' catastrofica. Il dollaro ci si aspetta che arrivi a 4 reais. L'economia e' in recessione. Tagi enormi al fragile sistema sociale. La crisi e' senza ritorno.
Tutti gli indici economici sono negativi. L'inflazione in una situazione di recessione sembra un paradosso ma e' la realtà'.
Ma allora perche' Dilma non rinuncia?

Per vari ragioni.
In primo luogo il partito che lo appoggia, il PT ha forze radici sociali che il PMDB di Collor non aveva. Ma poi il sistema del bolsa-familha che ha virtualmente "comprato" il consenso delle classi più' povere e' sempre li' forte più' che mai.
Dilma ha vinto le elezioni contro Aecio Neves in una situazione di quasi pareggio.
Ma il paese e' spaccato. Nel sud Aecio ha trionfato mentre Dilma ha vinto nel nord più' povero. In fin dei conti Dilma ha il supporto dei poveri che ancora sono la maggioranza del paese.
Ed infatti le manifestazioni di piazza maggiori avvengono nelle città' del Sud Sudest del paese.
Nel Nord Est sono manifestazioni relativamente minoritarie.
Ma soprattutto camminando nelle strade brasiliane non si sente un atmosfera di cambiamento. Di forte insoddisfazione si. Di gente stufa con la corruzione si.
Ma di cambiamento di rivolta sociale no.
La gente vuole il cambiamento ma non sembra disposta a rinunciare ai benefici sociali che il PT ha portato con la sua venuta al potere, soprattutto il bolsa familha.
Negli ultimi giorni della campagna elettorale il PT agito' lo spettro del cancellamento del bolsa familha se Aecio avesse vinto le elezioni ed infatti le perse.
Di poco ma le perse.

La situazione e' grave. Ma i brasiliani devono fare di più' molto di più' se vogliono cambiare la guida del paese. Perché' in questo momento la piazza non e' il Paese in Brasile.

Sunday, August 16, 2015

Lucca, dove la polvere di amianto si espande sulla città'

Lucca, Via del Brennero vicino Via Salicchi. Il sole infernale dell'estate sfarina il tetto di amianto del capannone abbandonato. Sono più' di tre anni che il capannone non funziona. Sta cadendo a pezzi. E il sole africano sta polverizzando il tetto.

La polvere di amianto si espande rapidamente e va verso la scuola di San Marco dove centinaia di bambini tutti i giorni vanno a scuola. Ci sono state denunce alla polizia municipale che ha girato le stesse alla ASL locale. Ma la ASL sembra dormire. Nessuno ha alzato un dito. Il vento e la pioggia di questi giorni invece non e' al passo con i burocrati lucchesi e con violenza semina la polvere tossica sopra San Marco e la città' di Lucca.

Ma come e' possibile che ciò' accada?
Ricordiamo che per molto meno all' Universita' di Torino il Rettore e' fortemente in bilico dopo che sono state trovate presenze di amianto in alcuni locali dell' Universita'. Dentro le pareti. E che si dovrebbe dire quando la polvere di amianto e' libera di circolare allo stato puro?

Dovrebbero intervenire responsabili delle ASL vestiti come astronauti per prelevare l'amianto tossico che si espande per la città'. Invece niente. Nessuno fa niente.

Una cosa assurda ma vera. Un altro segnale che il Comune di Lucca interviene quando le cose sono nelle prime pagine dei giornali ma si dimentica dei casi meno eclatanti ma anche più' importanti.
In fondo non e' vero che il sindaco Tambellini e' anche lui originario di San Marco? Com'e' possibile che dimentica il suo elettorato a tal punto che la salute pubblica dei suoi elettori e in serio pericolo e lui non fa niente?

Forse la ragione di tutto ciò' e' lo spirito odierno molto passivo del lucchese.
Una volta il popolo lucchese era fortemente combattivo. Difese la sua indipendenza nei secoli contro i vari invasori a qualunque prezzo.
La Repubblica di Lucca fu un antico Stato dell'Italia centro settentrionale, sorto all'inizio del XII secolo. Si mantenne indipendente fino al 1799. Ma anche dopo mantenne sempre la sua individualità'.
La Repubblica di Lucca si estendeva oltre la città omonima sul contado circostante nella parte nord-occidentale dell'odierna regione Toscana, ai confini con l'Emilia e la Liguria.

Ma tornando a noi, e' vero che la politica italiana mostra un aspetto desolante oggigiorno. E pure Lucca non fa eccezione.

Tuttavia che si arrivi a non intervenire quando la salute pubblica e' in pericolo e' un vero scandalo.

Usando un vecchio detto lucchese sembra che i politici lucchesi dicono ai loro elettori: puoi parlare "quando piscin le galline" ovvero quando pisciano le galline, ovvero mai

Saturday, August 15, 2015

Lucca dove i vecchi sono abbandonati alle slot-machines

Autobus LAN verde Lucca Piazza Santa Maria inverno 2014. La vecchietta sale arzilla sull'autobus. E' simpatica, sorridente, ben vestita. Ma il trucco abbondante non può' mascherare la sua avanzata eta'. La simpatica nonnetta parla con il conducente e con gli altri passeggeri. Sembra allegra, vivace.

La conoscono già' in molti. L'autobus dopo le Taglaite sonnacchiosamente attraversa il centro di Lucca e si avvicina alla Stazione. A quella fermata la vecchietta scende. Dopo che l'autobus riparte il conducente dice: "la vedete quella la'? Tutti i giorni e' la stessa storia. Va tutta ben vestita elegante li'. A giocare alle slot-machines tutti i soldi che ha. Non ha più' nessuno e non fa nient'altro nella vita."

.
Borgo Giannotti: negozio di sali e tabacchi. In un angolo nascosto del negozio mentre i clienti comprano biglietti e cose varie un rumore costante si sente nel fondo. Qualche cliente si gira e intravede nel fondo un vecchietto che preme con nervosismo un pulsante. Di una slot-machine. Sembra essere fuori dal mondo. Non si accorge di niente e di nessuno. Gli occhi incollati sul video mostrano che il demone del gioco lo domina completamente. I clienti fanno spallucce e se ne vanno.

Porta S. Jacopo, Lucca. La badante rumena ha i soldi. Deve eseguire gli ordini della vecchietta che accudisce."Compra il gratta e vinci prima di tornare mi raccomando". La vecchia e' paralitica, quasi non si muove di casa. Ma la sua mania e' sempre la stessa: gratta e vinci, gratta e vinci.

Ma cosa succede alla bellissima città' toscana dove sembra che una strana malattia sta dilagando tra gli anziani? Quale? Il demone del gioco, le slot-machines, il vizio forsennato.

Un vizio ben differente da quello che vivono ad esempio i brasiliani che fanno le file per andare alle case lotteriche per tentare la fortuna al gioco del lotto. Si perché' i brasiliani fanno ciò' perché' sono sempre cronicamente senza soldi e sperano di vincere al lotto per risolvere i loro problemi finanziari.
A Lucca no. I vecchietti che con religiosa costanza frequentano le case di gioco, vanno alle slot-machines, comprano il gratta e vinci sono gente di classe media, con una buona situazione finanziaria.
Questi vecchietti hanno casa di proprietà' molto spesso, vanno ben vestiti hanno soldi. Ma allora perché' sono pervasi dal demone del gioco che sembra annebbiare loro la vista e spingerli come drogati alle case di gioco?
La loro vita sembra essere entrar in un vicolo cieco. Il gioco e' l'unica cosa che da' loro emozioni, li fa sentire vivi.
Si potrebbe dire che potrebbero aiutare i più' bisognosi, cercare di sentirsi vivi facendo qualcosa a favore di coloro che sono in difficoltà'.
Ma questo oggi e' una cosa del passato. Non lo fa più' nessuno.

E domani quando troverete la prossima vecchina che tutta arzilla va con la borsetta piena di soldi a buttarli nel pozzo senza fondo del vizio del gioco pensiamo un po' a come la bellissima Lucca si e' ridotta. E cerchiamo di aiutarli ad uscire da questo vizio demoniaco.

Friday, August 14, 2015

Lucca perché' dimentichi il tuo più' famoso concittadino all' estero?

Paraiba, Brasile anni 1950-60. Le folle oceaniche di gente povera arrivavano a centinaia. Era l'evento dell'anno. In città' sperdute dell'interno dello stato di Paraiba stava arrivando il santo. Un uomo minuscolo, con la testa un po' storta dal troppo confessare, che aveva camminato a piedi per le strade desolate dell'interno del Brasile.
Si alzava presto alle 4 del mattino e confessava tutti senza risparmiarsi.

Un uomo povero che era riuscito ad entrare nel cuore di un popolo poverissimo. Un uomo che con le sue parole aveva dato un po' di conforto a gente dimenticata da tutti.

Una persona all'inizio sconosciuta da tutti che con il suo cuore d'oro aveva illuminato le vita della gente povera e abbandonata dagli uomini.

Questo ometto minuscolo era toscano, frei Damiao di Bozzano, provincia di Lucca. Massarosa e' l'unica città' che, insieme a Massa ha mantenuto le memoria del frate cappuccino, tramite una fondazione a lui dedicata e un lavoro encomiabile e una statua anche del Comune di Massarosa.

Ma in Toscana la provincia di Lucca, le fondazioni ricche della città', le istituzioni pubbliche e private, che cosa hanno fatto per ricordare la memoria di quest'uomo, certamente il più' grande e amato lucchese nel mondo?

Niente proprio niente.

Una tristezza immensa se si pensaal le centinaia di migliaia di euro che vengono spesi per omaggiare persone semi-sconosciute e mediocri all' estero che si definiscono personalità' lucchesi nel mondo in cerimonie dispendiose e inutili.

Guarabira, stato di Paraiba, Brasile. Il Memorial frei Damiao e' imponente. 34 metri di altezza della statua dedicata a frei damiao fanno della stessa la terza statua più' alta del Brasile. C'e' anche un museo dedicato a frei Damiao. Ogni giorno migliaia di fedeli devoti lo visitano.

La causa di beatificazione di frei Damiao e' analizzata in Vaticano. Ci sono grandi aspettative che nel 2016, quando il papa Francesco verra' al Brasile frei Damiao verra' finalmente fatto santo.

Ma il popolo povero della Paraiba, Ceara', Sergipe e di molti altri stati brasiliani non ha il minimo dubbio.
Frei Damiao e' già' santo e da lungo tempo in Brasile.

Un uomo che era famoso per fare del bene, che seminava l'amore invece che l'odio, che aiutava i poveri, i bisognosi.

Che aspetta Lucca, la Toscana, l'Italia ad omaggiare quest'uomo?
Le persone mediocri sono nelle prime pagine dei giornali. E invece i santi sono dimenticati. Perche'?

Peche' frei Damiao era il santo dei poveri.

Ma siamo sicuri che infine il buon cuore lucchese prevarra' e riconoscera' l'importanza di questo sant'uomo, questo suo figlio che ha lasciato tutto per aiutare i poveri.

Cosi' la santificazione di frei Damiao nel 2016 sarà' accompagnata dal giusto riconoscimento della sua città' e della sua regione
. Stiamo tutti aspettando questo.

Thursday, August 13, 2015

Lucca dove le case popolari non vanno ai popolani

Lucca novembre 2010. Finalmente esce il bando per l'assegnazione della case popolari.
La mancanza di case e' un dramma che vivono molti a Lucca e in provincia. Le case che saranno date dal Comune sono poche: solo 33 a Pontetetto e 10 a Montuolo fuori Lucca. Solo una goccia nel mare delle necessita' dei senza-casa. Ma comunque qualcosa.

Ma le case non sono gratis. Secondo il bando saranno vendute "a corpo" e non a "misura". Una formula per dire ad un prezzo politico visto che gli assegnatari del bando saranno persone con basso reddito.

In ogni caso l'esercito dei senza casa manda le proprie applications e incrocia le dita.

Quando le selezioni sono fatte le prime sorprese. I vincitori dei due bandi sono molte volte gli stessi. La domanda e': chi vince due volte dovra' optare per una sola casa? Si spera di si ma il vostro cronista non trova una specifica nota a riguardo nel bando. Sicuramente ci dovrebbe essere.

Nel bando c'e' scritto che c'e' un vincolo di 5 anni alla eventuale vendita della casa dalla data dell'assegnazione della stessa.
Facendo due conti questo significa che minimo nel 2016 le case potranno essere vendute.

Un altra cosa interessante e' che le aree dove saranno costruite le case sono a Pontetetto e Montuolo due quartieri periferici di Lucca.

Ora nel 2015 una rapida ricerca sui vari vincitori del bando ci lascia perplessi.
Eh si perché' molti dei vincitori vivono in tutt'altre parti che i quartieri dove hanno avuto le case e dove avevano l'obbligo di risiedere per 5 anni.

Intendiamoci: nessuno e' costretto a vivere in un quartiere o una casa che non ci piace. Ma se il Comune ti da una casa ad un prezzo di banana il minimo che ti si richiede e che ci rimani nella casa per un periodo di 5 anni.
E invece no: i primi assegnatari del bando vivono a Tassignano, Capannori, San Filippo, Lucca ma nada de nada a Pontetetto e Montuolo.

Ma le cose strane non finiscono qui.
Una delle assegnatari para viva in Argentina e viaggia spesso in Europa. Per una persona che dovrebbe essere quasi indigente per avere la casa dal Comune non male.

Ma chiudiamo con un caso più' unico che raro. Una delle assegnatari sta vendendo una proprietà' sulla Via Romana per un valore di circa 180.000 euro.

Beh che dire? Una vendita di questo tipo e' proprio di qualcuno che tanto popolana non e'.

E' proprio vero che a Lucca le case popolari non sono assegnate ai popolani.

Lucca dove il volontariato deve pagare il Comune

Lucca 2015. Le ong sono in fermento. Finalmente sta per uscire il bando per la concessione temporanea delle casermette. Sono tutti eccitati. Finalmente anche il terzo settore potrà' avere un suo spazio.
In più' ci sono ragioni politiche non da poco. La giunta in carica, la prima di sinistra dopo lungo tempo, ha attinto a mani basse il voto delle organizzazioni di volontariato che hanno un peso politico molto grande a Lucca.
La città' e' di fatto la capitale italiana del volontariato. Le maggiori iniziative in questo campo a livello italiano vengono regolarmente svolte a Lucca. Quest'anno anche Renzi e' venuto personalmente a rendere omaggio al terzo settore a Lucca nella riunione annuale che si svolge tradizionalmente in città'.

Il "debito" politico della giunta Tambellini con il terzo settore lucchese e' perciò' grande.

L'assegnazione delle casermette alle ong ha suscitato un ampio dibattito e tutti in città' erano in ansia per il bando in uscita.

Gia' ad ottobre 2014 il presidente dell’Opera delle Mura.Alessandro Biancalana, ente che sovrintende alla gestione e manutenzione delle mura urbane diceva: «Con molte probabilità già entro il mese di ottobre il bando dovrebbe essere pronto per la pubblicazione-. Al più tardi entro la fine dell’anno, comunque, vogliamo terminare l’operazione, L’obiettivo è procedere con le riassegnazioni a inizio 2015».

Tuttavia i ritardi erano stati notevoli e si e' arrivati a giugno 2015.

Il grande ritardo non ha fatto perdere l'ottimismo al presidente Biancalana, che ha dichiarato:
"«Ventidue domande (presentate dalle ong) sono tante. Avevo ricevuto nelle scorse settimane alcune richieste di chiarimento e sinceramente pensavo di riceverne 14-15, non mi aspettavo un risultato di questa portata. Adesso spero che le proposte che andremo a esaminare siano di livello. Se non ci saranno problemi le casermette verranno assegnate in autunno».

Il simpatico Biancalana non perde mai l'allegria in relazione al bando.

Che peccato che l'allegria e' invece passata alle molte ong che volevano presentare domanda e non l'hanno fatto. Perché'?

Perché' la sorpresa per le ong e' stata grande quando il bando e' uscito.
E si perché' se le ong vogliono avere uno spazio del comune per svolgere la loro attività' sociale devono pagare E salato perché' gli affitti mensili del bando vanno fino a quasi 1500 euro al mese.
Un vero e proprio schiaffo in faccia per le ong, specie per quelle piccole che già' vivono in situazioni di grandi difficoltà' questo momento storico in cui trovare fondi può' essere drammatico per la loro sopravvivenza.

Per lo meno il settore pubblico dovrebbe aiutare visto che il privato non da' di fatto più' niente alle ong e il volontariato sta morendo.

Ma i politici lucchesi non la pensano cosi'.

Vuoi lo spazio fisico? sembrano dire alle ong anche piccole. Devi pagare.
E la solidarietà' tipica del lucchese che ha fatto sviluppare uno dei maggiori terzi settori in Italia?

Che? Sembra rispondere la giunta al potere. Ma mi faccia il piacere, metti le mani nella borsa e paga sembra essere la risposta.

Wednesday, August 12, 2015

Brasile, italia due paesi dove nessuno considera i politici

Brasile. L'operazione Lava Jato sta smantellando il sistema di potere del PT. Oltre 13 anni al potere. Un partito che era stato salutato come la speranza della crescita per il paese. Dopo oltre un decennio solo macerie.

Ero arrivato in Brasile con la sterlina inglese a 5.50 sul real. 13 anni fa. Oggi e' uguale. Il dollaro e' 3.60 sul real. Il Paese cade a pezzi. L'inflazione e' fuori controllo. Quello che e' interessante e' il meccanismo di rialzo dei prezzi.
Il mio amico, portiere di Rio de Janeiro, che ha una seconda attività' imprenditoriale di ristrutturazione di appartamenti mi spiega il meccanismo.
"Caro Max, mettiamo che la rtistrutturazione di un appartamento e' in 4 fasi. Io sono più' caro degli altri. Perché' faccio un buon lavoro e i miei clienti lo sanno. Si lamentano che costo più' degli altri ma vengono lo stesso tutti da me. C'e' la fila.
E funziona così'. Alla fine della prima fase tutti pagano. Perché' altrimenti interrompo i lavori e l'appartamento e' inagibile. Stesso dicasi per la seconda e la terza fase. Invece nella quarta fase, quando finisco il lavoro nessuno mi paga. Ne' ricchi ne' poveri. Non importa. Accampano sempre scuse. Nessuno mi ha mai pagato.
Ormai lo so. E mi regolo di conseguenza. Cosa faccio? Il prezzo del lavoro che svolgo e' come minimo 25% più' caro degli altri. Questo perché' faccio pagare al prossimo cliente la inadempienza del cliente precedente. Così' il mio margine di guadagno e' uguale.
E ormai tutto il Brasile funziona così'. L'inadempienza sta arrivando alle stelle. Perché' un paese che e' in recessione ha inflazione? Perché' tutti aumentano i prezzi con politica predatoria. Per recuperare le perdite delle inadempiuenze si fa pagare di più' agli altri".
Così' io pago per quelli che non pagano. Questo sempre. a tutti i livelli.
Ho preso un transporto marítimo rápido durante il mio viaggio. Ho pagato il prezzo pieno per me e i miei figli. Poi sono saliti alcuni locali che non hanno pagato niente. Perché'?
Perché' il prezzo che io ho pagato permette a loro di non pagare niente. Essendo locali dicono di non avere i soldi e vanno gratis. Mentre io pago tutto.

Tutta la società' brasiliana funziona così'. Ricchi e poveri si comportano in questo modo. Ma non e' quello che in economia si definisce un "zero-sum game". Un gioco in cui le cose si compensano.
Perché'? perché' ci sono sempre persone che sono al di fuori di questo meccanismo che perdono sempre da questo meccanismo. Chi?
Gli stranieri ad esempio che pagano sempre tutto e di più' degli altri. E' per questo che i turisti stranieri sono spariti dal Brasile. Perché' i costi sono assurdi e superiori a quelli nei paesi più' ricchi.

Ma anche i brasiliani soffrono a lungo termine con questo meccanismo. Perché'? Perché' se gli stranieri non vengono, il real si indebolisce, gli investimenti stranieri si riducono, l'inflazione importata aumenta. Il meccanismo vizioso aumenta. E l'economia va in crisi nera.

E i politici che fanno in tutto questo? Niente, proprio niente. Pensano solo a salvare le loro poltrone. La quotazione del real e' un bollettino di guerra? E che gliene frega. Loro pensano solo a rimanere il più' possibile al potere. C'e' un arroganza dei politici impressionante. E molto simile a quella di un altro paese. Quale? L' Italia.

Renzi era venuto l'anno scorso per cambiare le cose. Cosa ha fatto? Niente, solo messo i propri al potere. Roma e' diventata fiorentina. I mandati dal granducato di Toscana hanno invaso le sale del potere. Una tristezza.

La disoccupazione giovanile e' alle stelle? Renzi fa spallucce. Il Sud affonda? Tanto Renzi sembra che non sa nemmeno che esiste. L'economia va a rotoli? Ci penserà' Lui. Per lo meno e' quello che dice.
Il PD sembra inebriato dal sogno del 40% e pensa solo a quello. Per questo difende Renzi fino alla morte. Dell' Italia per intenderci. Si perché' il paese sta morendo.
La Pirelli e' stata venduta. La Fiat e' già' andata via. Mediobanca compra all' estero.
L'Italia e' diventata un paese di vecchi e senza prospettive.

Ma cos'e' che accomuna l'Italia al Brasile?

Il loro elettorato. Passivo incapace di reagire. In questo il Brasile sembra un poco meglio dell'Italia. Ma la strada e' lunga.
I due paesi affondano insieme. I politici dei due paesi difendono i loro privilegi e ignorano il loro paese. Ma la colpa e' nostra che li votiamo sempre e comunque.
Come dice un detto chi e' causa del suo la pianga se' stesso.

Saturday, June 20, 2015

Brasile-Italia: due paesi, due approcci alla corruzione

Brasile 19 giugno 2015: In seguito alla operazione lava-jato I vertici delle imprese di costruzione Odebrecht e Andrade Gutierrez sono arrestati. Le accuse sono pesantissime: corruzione, lavaggio di soldi sporchi, trasazioni finanziarie all' estero per coprire la corruzione.
Per dare un idea Odebrecht e' forse, dopo la Petrobras la maggiore impresa brasiliana. Gli arresti riguardano I vertici delle maggiori imprese brasiliane, multinazionali che operano in molti paesi del mondo.
La reazione delle imprese? Affermano che sono gia' disposte a collaborare e sono a disposizione. I partiti politici? Una tomba. Non una parola. E dire che uno degli arrestati aveva organizzato il viaggio di Lula in Africa per conto della Odebrecht anni fa.
Il potere delle imprese e' enorme. Hanno in mano giornali, politici, commentatori. Ma i giornali riportano gli arresti senza commenti. Niente difesa ad oltranza degli imprenditori.

Italia anni fine aanni 90: arresti per corruzione riguardano tutti i partiti nell'inchiesta Mani pulite. Arrsti in tutte le principali imprese italiane e nei partiti. Accuse feroci alla magistratura da parte dei partiti, di tutti I partiti. I giornali attaccano I giudici. Il garantismo diventa principe. Sembra che I diritti degli imprenditori sono violati. Un avviso di garanzia diventa quasi una condanna.
Ma gli arresti sono veri. E continuano negli anni. E' di pochi mesi fa lo scandalo dell' EXPO. I commenti sono gli stessi. Accuse alla magistratura da partiti, giornali, etc.

Due paesi, due approcci diversi, quasi opposti. La corruzione e' un male mondiale, questo e' indubbio. Come e' chiaro che in Brasile la corruzione e' arrivata a livelli insostenibili, come in Italia.

Ma la domanda e': perche' in un paese le indagini, gli arresti dei presunti corruttori sono accompagnati da violenti attacchi alla magistratura mentre in altri paesi questi commenti, a volte anche condivisibili, sono evitati con freddezza e determinazione dai media e dai politici?

La ragione non e' certo perche' si pensa che in Italia I politici e gli imprenditori abbiano una condotta migliore che in Brasile. La disullusione verso la classe politica nei due paesi e' simile per non dire uguale. L'uomo comune pensa, a ragione, che far carriera in politica o nell'imprenditoria comporta un livello di corruzione molto elevato nei due paesi. Inutile illudersi.

Ma la differenza e' nella conduzione delle indagini: in Brasile quando interviene la Policia Federal le prove sono schiaccianti: confessioni degli accusati e schemi di corruzione sono definiti nei dettagli. In Italia cio' a volte accade a volte no.
Perche;?

Semplice. Quando interviene la Policia Federal (PF), gli arrestati sono detenuti dalla PF stessa. Ora in Brasile puoi essere un famoso politico, imprenditore o anche un mammasantissima della mafia, camorra o ;ndrangheta.
Ma quando la PF ti prende sei nelle loro mani. A volte si chiama l'avvocato. Ma rimani nelle loro mani. E la PF ha metodi molto convincenti per farti parlare.
Le persone parlano, spiegano in dettaglio. E questi dettagli sono verificati con controlli incrociati.Il giudice Sergio Moro che ha “detonato” l'investigazione sulla corruzione nella Petrobras di nome Lava jato e' di origini italiane. Ed e' una persona seria.

E sta facendo tremare il potere politico brasiliano e forse anche la possibile rielezione di Lula.
Nessuno pensa che abbia mire politiche o si voglia candidare come avvenne a Di Pietro.

In Italia non avviene come in Brasile.
Subito che si indaga qualcuno si comincia il processo di delegittimazione delle indagini a prescindere dalla loro validita'.
Le persone arrestate non parlano. Rimangono nel loro mutismo fino a che non escono.
La polizia li arresta e li scarcera. Gli arrestati sono convinti che saranno scarcerati presto. E questo avviene.
Le indagini entrano a rilento e poi si insabbiano.
Risultato: le cose continuano come prima.
E in Brasile? Probabilmente lo stesso. Con una differenza pero'. Gli indagati sono messi da parte e sostituiti da altri. Che purtroppo spesso continuano a essere corrotti.

Che dire? Farsi corrompere e' una scelta morale che dipende dalle persone. Purtroppo la mentalita' latina e' incline a farsi corrompere.
Ma quello che succede in Italia, dove un corrotto continua a rimanere al suo posto vita natural durante e' una cosa triste per la democrazia e la vita del paese.

Ti e' piaciuto l'articolo? Allora clicca sull'annuncio pubblicitario qui sotto per mostrare che l'articolo ti piace

Monday, June 15, 2015

Salvador di Bahia dove i prezzi sono fuori controllo

3.75 reais (poco piu' di un euro e 10 centesimi). Come? Per 40 minuti. Si perche' per ora e' piu' di 4 reais. 40 minuti di uso di internet in un internet cafe'? Esatto.

Sono solo lontani ricordi (poco piu' di 3 anni e mezzo fa) quando internet costava 2 reais all'ora. Internet il dovertimento dei poveri e' diventato carissimo, A Salvador, Bahia, Brasile.
E nonostante cio' gli internet cafe' sono pochi e chiudono presto. E' un business in fallimento. Perche'?

Ma e' chiaro. Gli stranieri a salvador sono spariti. La citta' ha costi proibitivi. Erano loro che usavano internet a qualsiasi ora. Di conseguenza l'internet cafe' non ha senso perche' I locali usano what's up e facebook sul cellulare. Non c'e' bisogno di andare in una Lan house per questo.

In Italia il costo di internet 24 ore in promozione puo' arrivare anche a 30-40 euro al mese. In Brasile 2 giga di internet pos-pago costa con il modem piu' di 100 reais (piu' di 30 euro). E con 2 giga il vostro cronista lavora per 2 o 3 giorni al massimo.

Non parliamo del costo del cellulare. Se chiami un operatore telefonico simila al tuo I costi sono bassissimi. Ma se chiami un operatore differente il costo arriva a 2.20- 2.30 reais al minuto (70 centesimi di euro al minuto). Una follia. Questo significa che nessuno chiama un operatore che non ha. O usi il cellulare con piu' chip o non chiami altri operatori.
Il numero di chiamate tra le persone si e' ridotto drasticamente negli ultimi anni. Cio' per la miopia degli operatori che per fidelizzare I propri clienti li vogliono costringere a lasciare gli altri operatori. Con questo l'unico effetto e' ridurre il numero delle telefonate.

Se a tutto cio' aggiungiamo che il costo degli autobus e' andato a livellli proibiti a Salvador (3 – 3.50 reais a corsa o 1 euro per una singola corsa senza biglietto a tempo) l' effetto netto di questo grosso aumento dei prezzi e' la riduzione delle comunicazioni tra le persone, degli spostamenti tra I vari quartieri. Di fatto siamo tornati alla societa' del passato quando se volevi incontrare o parlare con qualcuno andavi personalmente da lui se viveva in zona.
Chiamarlo con un altro operatore telefonico? Siamo pazzi. Mandargli un messaggio? Solo su what's up. Incontrarlo? Se vive da un altra parte e' troppo caro.

Ma che succede alla bellissima Salvador de Bahia, dea nera del Brasile?

La crisi e l'aumento sconsiderato dei prezzi ha trasformato una delle citta' piu' cosmopolite e varie del Brasile in una citta' con poca varieta'. Gli stranieri sono spariti. I poveri sono aumentati. I ricchi sono diventati molto piu' ricchi. La classe media e' sparita.

Jeisi lavorava in una ditta di pesce. Era la responsabile di una ditta del Sud del Brasile con filiale a salvador. Aveva una propria rete di venditrici. Solo 4 anni fa. Ora Jesi e' una venditrice semplice. Lavora a commissione. Il suo ufficio nel Commercio, zona commerciale di salvador e' chiuso.

Peppe era uno dei migliori pizzaioli di Salvador. Ora ha perso il lavoro e si arrabatta con lavori saltuari. Jeisi e Peppe erano membri della classe media di Salvador e ora sono scessi nella classe sociale. O meglio precipitati.

L'idea del Brasile come un paese dove andare a svernare dopo una lunga vita di lavoro in Italia e' un idea del passato. Il Brasile e' molto piu' caaro dell' Italia. Qui si paga tutto. E salato. Scuola, Assicurazione di salute. I l mangiare e' molto piu' caro che in Italia. La qualita' molto minore.

La cosa che rimane bellissima del Brasile e' la cordialita' e la semplicita' del paese. Le bellezze naturali che ancora ci sono.

Ma e' meglio non illudersi. Se pensate che venire qui vi rilassera' portandovi quattro soldi non sprecate I soldi del bigliettto aereo.

Il Brasile e' un paese carissimo. Il mercato immobiliare di Rio e' anche piu' caro di quello di Milano. Quello di Salvador e Sao Paulo sono molto cari.

Siete una famiglia di 4 persone? Con meno di 10.000 reais (circa 3300 euro) e' difficile vivere. E dove li prendete 10.000 reais se qui il salario minimo e' di 800 reais e coloro che guadagnano 10.000 reais sono meno del 3% della popolazione?

Ti e' piaciuto l'articolo? Clicca sull'annuncio pubblicitario sotto per mostrare il tuo "Mi piace"

Thursday, June 11, 2015

Brasile: Il fallimento della politica economico-sociale del PT

Rio de Janeiro anno 2001: la citta' in crescita, con un dinamismo che straripa in un flusso di persone ed auto nella Avenida Nossa Senhora de Copacabana.
Gente che corre indaffarata, allegra, piena di prospettive, anche ingiustificate.
Tutto sembra disegnare un futuro radioso, nel paese del futuro come e' sempre stato definito il Brasile.

Salvador, Bahia 2015. Le strade del Porto da Barra, piccolo gioiello del Nord Est della Bahia, sono invase da mendicanti che dormono nelle spiaggie adiacenti. E se la Barra, che in Salvador e' considerato il quartire rinomato e “in” per il flussso turistico, e' in queste condizioni, il resto della citta' sembra in situazioni ben peggiori. Poliziotti in assetto di guerra presidiano l' Avenida Sete di Sete de Setembro con tute mimetiche di quelle che si usano per gi assalti nelle favelas. Soldati con simili vestiti presidiano anche il porto da Barra.
Francamente il vostro cronista che vive a Bahia non ha mai visto cose del genere in passato, cose diventate normali ormai. E non solo a Salvador ma anche a Rio de Janeiro, Brasilia e Sao Paolo.
Ma cosa e' successo al paese del futuro, che con la guida pluridecennale del PT doveva uscire dalle iniquita' del passato e portare in paese nel futuro?

Paradossalmente e' successo esattamente l' opposto: le iniquita' sono aumentate, la poverta' si e' allargata in maniera esagerata ed e' sparita quel pezzo di societa' che e' dominante nel paesi occidentali: la classe media.

Cio' e' evidente nello shopping piu' famoso della citta' di Salvador, lo Shopping Barra. Qui la “praca de alimentacao” il piano terra dedicato al food, e' letteralmente invaso da centinaia di persone che spendono senza guardare tanto ai prezzi. Prezzi che farebbero impallidire anche un europeo. Nel Mac Donald's con meno di 20 reais (circa 7 euro) e' virtualmente impossibile mangiare alcunche'.

Di fatto una famiglia di 4 persone spende facilmente 100 – 130 reais (circa 35-40 euro) quando in Italia spenderebbe un po' piu' della meta' (circa 25 euro).

E che dire degli altri posti? I prezzi sono anche maggiori. Un cono alla Perini costa minimo 9 reais (circa 3 euro) quando in Italia I valori sono inferiori. Burger King ma anche il ristorante Napoleone, etc. hanno prezzi aggressivi verso l'alto. Ma tutto cio' non sembra spaventare I clienti che al contrario spendono e spandono tanto che all'ora di pranzo non e' raro aspettare anche un quarto d'ora per essere serviti.

Com'e' possibile cio'? Semplice.
La classe alta e' diventata piu' ricca, molto piu' ricca, mentre fuori dello Shopping la miseria e' dilagante.
L'autobus costa 3,5 reais (1 euro) non c'e' biglietto e quindi si paga la corsa semplice. In pratica per qualcuno che vive nella periferia e che dovrebbe prendere minimo due autobus per venire al centro dovrebbe spendere minimo 14 reais (circa 4 euro) solo per venire al centro e tornare a casa.
Questo in un paese in cui il salario minimo e' poco piu' di 800 reais (circa 250 euro).

E' evidente che le masse di miserabili che si muovevano fino al Porto da Barra dalla periferia per vendere quattro cianfrusaglie per sopravvivere prendendo l'autobus a 1 real anni fa tornava a casa a dormire. Ora non piu' perche' l'autobus e' carissimo e preferiscono dormire sulla spaiggia di fatto favellizando l'aumbiente. Di qui l' uso di una polizia ben piu' aggressiva che nel passato che non ha remore a “liberare” l'area infestata dai poveri della periferia.

E paradossalmente la creazione dell'area pedonale nel porto da Barra in Salvador ha peggiorato le cose. Perche'?
Perche' una misura che in Europa favorisce il miglioramento dell'ambiente in una citta' come Salvador con squilibri sociali elevati peggiora le cose. Cio' perche' I poveri della periferia, che gia' avevano grosse difficolta' a pagare l' autobus ora con la possibilita' di dormire vicino ad un area pedonale ne approfitta di fatto per vivere in strada, cosa che njon poteva avvenire quando le strade del lungomare avevano un flusso di auto che impediva loro di sdraiarsi vicino la strada.

La situazione e' cambiata molto e l'assenza degli stranieri e' sicuramente una cosa che si nota subito. Il “gringo” in passato era il pollo da spennare. Ora non piu'. I prezzi assurdi praticati fanno scappare I turisti stranieri. Ma anche quella massa di stranieri che vivevano a Salvador con pochi soldi approfittando di un costo della vita' basso sono spariti. Il perche' e' evidente. I costi proibitivi della citta' li costringe ad una scelta: o vivere nella pericolosa periferia della citta' o tornarsene a casa, nel proprio paese d'origine. Inutile illudersi: questo paese da' poche opportunita' ai propri brasiliani, figuriamoci se da' possibilita' di lauti guadagni a stranieri.

Percio', capita l'antifona, gli stranieri che da decenni vivevano a Salvador, son spariti. Nel porto da Barra, vicino al bar di Nicola la lingua piu' parlata era l'italiano. Ora Nicola e' tornato in Italia e con lui gli italiani.
Non si sente piu' parlare straniero a Salvador.

Gli enormi cambiamenti dovuti ai mega eventi sportivi (Coppa del Mondo e future Olimpiadi a Rio de Janeiro) hanno drogato il paese. Ma non sono la vera causa di questa grave situazione economica, che ha provocato la quasi estizione della classe media.

La vera ragione di cio' e' il totale fallimento della politica economica e sociale del PT. Ci si aspettava che con l'avventi al potere del Partido dos Trabalhadores il paese sarebbe uscito dalla pluridecennale situazione di ingiustizia sociale in cui ha sempre versato.

Cio' era basato su alcuni punti: un sistema assistenziale chiamato Bolsa Familha, che avrebbe dovuto sostenere la crescita di una nuova classe media tramite trasferimenti ai poveri. In realta' questa politica si e' dimostrata fallimentare perche' non ha generato alcun meccanismo economico di sostenibiluta' e quindi, in una situazione di crisi economica ha dimostrato cio' che veramente era: dare soldi senza alcun stimolo economico. Risultato: I poveri non sono cresciuti socialmente e, in proporzione, oggi sono molto piu' poveri di 15 anni fa.
Il Brasile e' regredito. La bolla immobiliare speculativa ha strangolato la classe media.
La rampante corruzione ha dilaniato alcune delle poche imprese importanti del Brasile come la Petrobras. L'educazione e sanita' si trovano in condizioni anche peggiori del passato.
Ma e' soprattutto la mancanza di prospettive che colpisce in questo Brasile moderno.

Mentre I politici continuano ad far finta che nulla accade la situazione della popolazione e' diventata esplosiva. Le iniquita' sociali sono aumentate. I prezzi sono fuori di controllo. La polizia e' sempre piu' aggressiva, cosi' come la criminalita'.

In questa situazione il Brasile piu' che paese del futuro sembra in realta' sempre di piu' il paese del passato, il paese dei coroneis, dei ricchi che dominano e strangolano le classi inferiori.

Friday, May 22, 2015

Sindone, il mistero di Gesu'

Sono andato a Torino per la Sindone. Come tutti eri incuriosito di vedere il panno che avvolse Gesu'.
Così dicono. Per la verità' ho sempre avuto dei dubbi che un panno sopravvivesse 2000 anni per arrivare fino a noi.
Mi chiedevo: Com'e' possibile che un panno si mantiene intatto e non si deperisce dopo tutto questo tempo? Sara' vero? Non so.
Comunque la curiosità' mi ha spinto a vedere il panno.
Come giornalista ho avuto accesso alla sindone rapidamente, senza la fila. Sono entrato in una sala buia. Non si vedeva niente.
E la guida mi ha portato davanti a un vetro e mi ha detto: "Eccola". Ho alzato gli occhi e ho detto:

"Cosa?" "La Sindone" ha risposto.
E io vedendo il panno bianco ho detto" : "Ma non vedo niente".

La voce registrata nel frattempo ci ha invitato a pregare. L'ho fatto. Era finito il turno e le persone sono uscite. Ma io non vedevo niente. Vedevo solo un panno bianco illuminato nel buio totale.

Ho chiesto alla guida:"Ma dov'e' l'immagine non vedo niente". E la guida "Vedi quella parte e' quella davanti e quell'altra e' la parte che avvolse Gesu' da dietro.
Ma io continuavo a non vedere niente. Solo un panno bianco.

Ho continuato a dire: " Non vedo, un momento". E ho continuato a fissare l'immagine, ma non vedevo niente.
La guida mi ha detto: " Dobbiamo andare, e' il turno del prossimo gruppo". E io ho detto:" Un momento, solo un momento". E mi sono fermato, ho fissato il panno. E mi sono concentrato. Molto.
Ero quasi pronto a desistere quando ho visto. Ho visto finalmente l'immagine. Il cranio, il volto, Gesu' tutto. Ho visto la sofferenza di Gesu'. Il suo povero corpo martoriato. Ho visto. Perché'?

Perché' ho visto con il cuore, non con gli occhi. E in quell'istante in cui ho visto ho sentito un flusso, un fluido molto forte che dal panno attraverso il vetro e' entrato dentro di me.
Qualcosa di magico. Si e' trattato di una cosa di qualche secondo. Una cosa incredibile.
Il flusso dal panno e' entrato dentro di me.
Tutta la sofferenza del panno e' svanita e ho sentito una forte energia positiva entrare dentro di me.
Che dire? Se si vede con il cuore si riesce a vedere Gesu' Cristo.
E' una cosa che dovremmo fare tutti e sempre.
La Sindone e' veramente una cosa magica, una esperienza unica.

Napoli, capitale del Paraguay

Sono napoletano. Amo Napoli e la squadra di calcio.
Ma solo una volta nella mia vita ho visto ciò' che vidi a Natale a Napoli: ad Asuncion, capitale del Paraguay, America Latina.

IL traffico a Napoli e' diventato una loucura. Totale. Ricordo che ero partito un ora prima da fuori Napoli per arrivare alla stazione centrale e prendere il treno. Cosa che avevo sempre fatto in passato nelle rare volte che ero tornato in città' dal Brasile.
Era sempre stato abbastanza. Non ora. Sono dovuto scendere dall'auto a 15 minuti dalla partenza del treno in mezzo alla strada, con le valigie in mano, i bimbi e la moglie al seguito. Il traffico era completamente paralizzato. Non c'era modo di muoversi. Fummo costretti a correre nel mezzo della strada per afferrare il treno. Ce la facemmo per miracolo.
La colpa era dovuta a:

1) il successo turistico di Napoli. Enormi autobus di persone venute dall' Est Europeo e da varia altre parti del mondo ingolfavano le strade vicino alla Stazione. Una paralisi totale. Ma perché' lasciano autobus monstre entrare in città',? mi chiedevo mentre quei mostri bloccavano la strada.

2) il parco macchine. Ogni famiglia napoletana ha sempre avuto uno o due macchine in passato. Ora pero' mi sembra che il numero sia cresciuto a 3 - 4 auto per famiglia. Le auto sono troppe. E sono vuote. Solo una persona a guidare e basta. Francamente per me che vengo dal Brasile e' una novità'.

3) l'inciviltà' di chi guida. Cosa purtroppo comune non solo a Napoli ma a molti italiani che non hanno alcun rispetto per i pedoni. L'Italia e' dominata dalla cultura dell'auto. Chi non ce l'ha? Peggio per lui. Nelle auto l' italiano si sente protetto e che può' fare di tutto.
A Napoli poi i semafori sono un optional come anche le precedenze ed il resto. Risultato: persone che sbucano da tutte le parti senza ritegno.

C'e' pero' da dire che gli incidenti sono rari, perché' tutti sanno come funziona il meccanismo e tutti guardano da tutte le parti quando guidano.

Cosa appunto che ho trovato anche ad Asuncion in Paraguay, dove ognuno guida senza rispettare le regole, con il rosso, il verde, etc.

Beh, che volete che vi dica? Amo la mia città' ma finche' c'e' un voler ignorare le regole basiche del traffico non penso di resistere molto la prossima volta che ci andrò'.

Il sindaco, le autorità', etc? Beh mi sembrano tutte del Paraguay.
Dicono che le cose vanno bene anche se non e' così. Io che sono napoletano, perché' amo Napoli dico pero' quello che non va, come faccio anche in Brasile.
Mi sembra proprio che Napoli sia diventata la capitale del Paraguay.

Wednesday, May 13, 2015

Indigenti: il vero popolo del pianeta Terra

“Caro Max tu scrivi molto degli indigenti italiani in Brasile ma non scrivi mai di quelli locali, che a volte vivono in condizioni anche peggiori degli italiani. Perche’?” mi chiede il mio lettore dall’ Africa australe. Lo confesso: il mio lettore ha ragione.

Ma la ragione e’ molto semplice anche se opinabile. Come straniero in Brasile le mie obiezioni circa la situazione molto spesso tragica della grande maggioranza della popolazione di questo paese sono interpretate come indebita ingerenza nella politica di questo paese.
“Tu sei ospite qui anche se paghi le tasse” mi dicono. In realta’ non concordo ma il punto non e’ questo. La vera ragione di non scrivere sugli indigenti brasiliani e’ dovuta al fatto che deve essere la coscienza del popolo locale a far sorgere una indignazione verso lo stato di miseria in cui versa una grande parte della popolazione locale, specie nel Nord Est del Brasile.
In mancanza di cio’ qualunque intervento “straniero” anche se viene da parte di una persona che vive in maniera “fissa” nel paese non solo non avra’ successo ma sara’ tacciato di razzista verso quel popolo.

Ma oggi, sul finire dell’anno voglio raccontarvi di una storia che fa ribollire il sangue nelle vene e che, anche se non in maniera diretta, riguarda anche gli italo-brasiliani. Tutto e’ partito da una foto di un mio vecchio amico, Sandraque, un giovane indio che appartiene alla lideranza indigena di Prado, del Sud della Bahia. Il viso del mio amico nella foto del giornale era seriamente arrabbiato e la ragione era di quelle che fa fremere di indignazione.

Siamo a Porto Seguro, una citta’ di grande turismo nel sud della Bahia (dove la comunita’ italiana e’ numerosa). Qui tre bambini indigeni (indios) di 13, 9 e 10 anni dovevano tornare a casa. Sfortunatamente chiesero un passaggio ad un viaggiante dalla voce rauca, una persona che dovrebbe essere di fiducia, l’ex-vice sindaco della citta’ Queribim Fortunado das Virgens di 57 anni. Questi si offri’ di dar loro un passaggio d’auto. Tutto questo accadde alle 10 del mattino nella orla di Porto Seguro, il luogo di passeggio piu’ famoso della citta’. Cio’ mostra l’arroganza dell’ uomo.
Il mostro rapi’ i tre bimbi e li violento’ a turno. Approfittando di un momento di distrazione del mostro i tre fuggirono. Il mostro fu denunciato. La madre era sotto shock. Tre volte in tre giorni differenti la foto del mostro fu riconosciuta dai bimbi.
La polizia arresto’ il mostro. Ma, incredibile a dirsi, dopo solo 4 giorni, il mostro e’ stato liberato. Il giudice Marcio Monte Alegre ha dato l’ordine di liberare il mostro.

Com’e’ possibile? Dove’e’ la coscienza comune? Perche’ la gente di Vera Cruz (dove il mostro ha una farmacia ed opera come dentista) non lo ripugna? Come fa un uomo del genere a stare a piede libero e nessuno far niente? Un mostro abominevole, un essere ripugnante e’ libero.
Il mio amico Sandraque dice che cio’ accade perche’ i 3 tre bimbi erano indios. I veri brasiliani, autentici abitanti di questo paese. Probabilmente e’ vero.
Come e’ vera un’altra triste e dura realta’. In questa nostra terra siamo circa 6 miliardi di abitanti. La stragrande maggioranza di abitanti di questo pianeta sono indigenti, poveri, anche miserabili.
In questa epoca di Natale, di bonta’ collettiva, sembriamo dimenticare cio’. Se un marziano scendesse dalla sua astronave dopo aver sorvolato la terra rimarrebbe sorpreso di vedere che piu’ di tre quarti del genere umano vive con un circa un quarto delle risorse del pianeta ed che un quarto vive, vicevera, con tre quarti delle risorse del pianeta.
Questa disparita’ e’ intollerabile ed insostenibile data l’ alta natalita’ dei paesi sottosviluppati. Viviamo come i passeggeri della nave Titanic, ballando mentre la nave affonda. Immagini spettrali si avvicinano sempre di piu’ alle nostre case e finestre e noi li’ a brindare per il nuovo anno nel nostro lusso osceno. La violenza sui bimbi indiani-brasiliani e’ solo l’ultimo anello di una lunghissima catena.

Gli stermini di massa con bombardamenti in varie parti del mondo lontano e vicino a noi, le orribili stragi che accadono davanti ai nostri occhi. E noi che guardiamo dall’altro lato per non vedere questi orrori. Proprio quando loro, i bambini innocenti, che non hanno chiesto a nessuno di nascere, subiscono terribili violenze di tutti i generi.
Il marziano tornerebbe sul suo pianeta d’origine e nella sua relazione scriverebbe: “Terra, pianeta popolato da una strana razza, gli indigenti, gente miserabile senza futuro e costantemente sfruttata. Si trovano oasi di ricchezza circondata da mari di immensa poverta’. Pianeta strano questo”.
Spero solo che nel 2059 la relazione del marziano sara’ diversa, ma non ci credo molto.

Articolo scritto nel Dicembre del 2008