Sunday, June 29, 2014

If Brazil's ATMs Are Getting Stingier and Stingier Blame It on Falcon

Did you know that when you withdraw money at an ATM machine you are being watched?
Would you ever think that any single money transaction you make is carefully scrutinized by sophisticated computer systems that look at any detail of what you do?

Welcome to the new world of international money transactions, dominated by sophisticated neural network software systems which keep track of your money patterns.
Among these systems Falcon Fraud Manager is recognized as the leading global payment card fraud detection system, protecting 85% of credit card transactions in the US and 65% of credit card transactions worldwide. 20 of the top 25 financial institutions worldwide use Fair Isaac's fraud detection solutions.
In the UK, Barclaycard's fraudulent activity was reduced greatly in the last few years, whereas Falcon Fraud Manager dominates the market in the US.

Falcon Fraud Manager belongs to Fair Isaac Corp., a company well-known in the US to calculate your credit score too (so called FICO score). The anti-fraud software was developed, among others, by Bob Holmes in San Diego, California, and it has been so successful that it has been largely adopted by the financial industry.
Fair Isaac Corp. claims that its Falcon Fraud manager dramatically dropped the level of credit card frauds at home and abroad for the banks using it.
So everything looks wonderful for the industry, and for us who now feel more protected, right? Wrong.
Whereas virtually all of us are protected by fraudsters with these systems there is another thing we should look at: we are being watched, we share our decisions with our banks, we might even have to limit our travel plans.
The way Falcon Fraud Manager works abroad is not that sophisticated at all, as Fair Isaac claims.
In simple worlds it divides the world into low-risk countries and high-risk countries. Risk management teams of banks receive this piece of information and now they act consequently: they stop your transactions.
The famous "error in communications" is the result of it and, if you are in Brazil (sometimes even if you communicate it to your bank), all the ATM withdrawals might be stopped.
It does not matter if you go to the Visa ATM of Banco do Brasil, Bradesco, or any other bank. It does not matter if you use one, two or even more credit or debit cards: the result is always the same: "error in communication".
Why? Simply because you are in Brazil, a high-risk country for the Falcon Fraud Manager system. So your transaction is going to be stopped.
If you are in any other country in the world classified by Falcon Fraud Manager as high-risk country the result is going to be the same.
To be honest it is a decision of the bank not of the Falcon Fraud Manager software. It is your bank which declines the transaction. However it is likely that any foreign bank using Falcon software will give the same output: "error in communications", as the input is the same too.
And does the customer know it? It does not. Does your bank inform you about it? It does not. Let's see what Barclays answers about that for instance:
"In Brazil there is not a blanket block as it were, but until we are certain it is the actual customer who is there then a weekly withdrawal limit of £200 is applied. We are unable to update customers with our risk policy nor is it something we would actively look to share."
In fact not even the 200 pounds limit is respected by Barclays, as shown by the long lines of Brits who received the "error in communications" message at ATMs in Salvador da Bahia.
In addition this is something new: until three months ago the hated message never came up on ATM screens in Bahia. It is probably a new and more restrictive application by banks' risk management systems of the input coming from Falcon Fraud Manager software.
But what does this mean in practical terms? It means that the tourism spending patterns for countries like Brazil are going to be severely impacted by the restriction on money withdrawals for foreign travellers. In other words every travel expense that is not planned in advance might be restricted and this will affect even more the tourism industry in Brazil.
But at the end of the day, even if Brazil is classified a high-risk country it is our decision to go there right? Why should we be restricted in what we do?
Published in February 2007 in Brazzil.com

Saturday, June 28, 2014

The Brazilian ATM Wouldn't Give Me My Money. And So Started My Nightmare

You are finally there.

Your dream holiday is just about to start. You waited so long for it. You are in Brazil (Rio de Janeiro or Salvador da Bahia) for Carnaval. Everything is wonderful: beaches, people, food. You are laying on the beach and wish this moment would never stop. Everything is wonderful? Think twice.

You do not have any idea of the nightmare you are going to experience: left without a dollar in a foreign country. Robbed? Hijacked? Seduced and abandoned without money?
Nothing of that: the reason of your troubles has nothing to do with Brazil, is your own bank.
What? Are you serious? Well, look at the experience that this writer had, along with many other Anglo-Saxon travellers in Salvador da Bahia and then judge by yourself.
At Banco do Brasil in Barra (the most famous travel district along with Pelourinho in Salvador) this writer meets with several UK and US travellers to withdraw money at the ATM machine.
We have bills, rents, other expenses more or less urgent to pay. We are all with our British and US credit and debit cards ready to do a routine transaction in our countries. Not here.
Barclays connect card (UK debit card) does all the ordinary steps at a normal ATM machine but before getting the money the frightening phrase comes out of the ATM machine: "error in communications," followed by "transaction interrupted." Well, it sometimes happens, let's try again, you think. But then again the phrase comes up: "error in communications." At this stage you try again and again but the hated phrase always comes up: "error in communications."
If you are lucky you try the second and third credit or debit card you have, but the hated phrase always comes up: "error in communications."
And the terrible truth becomes reality: you are left alone and without money in a foreign country.

You think, I can go to the bank teller inside the bank and withdraw physically the money at the desk. Well, only now you are going to realize that the dream holiday has just turned in the terrible nightmare.
Let's just forget about the half an hour line in the ATM machine just to be rejected by the hated phrase. That was nothing: look at this.
First you are going to enter a long line, probably an hour waiting, to meet with the personal bank teller who deals with private clients like yourself.
When, in your rotten Portuguese, you explain the problem the gentle teller says: no problem with your passport and Visa entry card (why do they need that?) we can call Visa and solve the problem.
If you are lucky enough to have brought with you your passport (otherwise you must come back some other day and stay without money for the time being), and think that the nightmare is over the surprise is coming:
First, it is very possible that there are problems in contacting Visa. No problem, come back tomorrow, says the gentle bank teller. And who is going to pay my lunch today, my bills, my holiday entertainment?
And if the bank employee eventually contacts the Visa people, the terrible truth eventually comes up: transaction declined by your own bank.
How is it possible, if you have money in your account (in the case of debit card) or credit line (in the case of credit card)? Well, the answer comes from Minneapolis, Minnesota, United States, and its name is Falcon Fraud Manager.
Published in February 2007 in Brazzil.com

Thursday, June 26, 2014

La peggiore Coppa del Mondo di sempre

Natal. Gli sguardi degli azzurri sono tesi. Volti scuri, facce tirate, occhi che guardano nel vuoto.
E' logico dirai tu mio caro lettore. L'Italia ha appena perso la partita decisiva ed e' stata eliminata dalla Coppa del Mondo.
E invece no, rispondo io. Quello che avete letto e' ciò' che succede prima e non dopo la partita.
Quendo gli azzurri sono scesi per riscaldarsi in campo avevano già' una bruttissima cera. Respiravano una tensione altissima. Tutti. Non uno di loro sembrava rilassato. Dopotutto chi doveva essere teso era il team opposto che aveva l'obbligo di vincere.
C'erano tutte le premesse per essere, se non rilassati, quantomeno tranquilli.
Ed invece no. Gli azzurri sembravano già' sconfitti. Prima ancora di cominciare.
Quando ho visto ciò' mi e' tornato in mente l'articolo che scrissi sulla' Italia un anno fa: Italia- Brasile; stressati prima di cominciare http://maxbono.blogspot.it/2013/03/italia-brasile-stressati-prima-di.html
Eh si perché' il mondo del calcio in Italia già' da più' di un decennio ha cessato di essere uno sport per tramutarsi in un esercizio di altissima tensione. Un anno fa chiesi a Prandelli perché' gli italiani vivono il calcio in maniera così' tesa e mi rispose che questo e' il modo di fare degli italiani nel football.

Sbagliato, tremendamente sbagliato commentai. Ma purtroppo come tutti sanno il calcio e' uno de maggiori business in circolazione.
Oggigiorno si discute animatamente e con tensione della palla rotonda più' di quello che si vede nelle strade.

E il football italiano ha perso tutti gli ingredienti di un calcio di qualità'. Non voglio fare la lista della lavandaia: vivai, stranieri e chi più' ne ha più' ne metta. La vera ragione della sconfitta (non di quest' ultima ma almeno delle ultime due edizioni) e' la tensione, la mancanza di interpretare il calcio come un gioco ma solo uno strumento per fare soldi, molti soldi.

Non si sente più' il bisogno di passare ai propri figli valori positivi. Prova ne sia che si parla più' dell'atto da vampiro di Suarez che delle gesta positive che anche ci sono state in questa Coppa del Mondo.
E lasciatemelo dire. La peggiore Coppa del Mondo mai vista, per lo meno finora. Nata malissimo, sotto pessimi auspici. Rivolte nelle strade, corruzione elevatissima sia in Brasile che a livello di Fifa che anche di alcune partite.

E poi, quando e' cominciata, uno spettacolo pessimo. Errori arbitrali clamorosi, favoritismi sfacciati, falli gravi. Squadroni arrivati spompati.
Primedonne senza voglia di giocare. Campioni osannati che sbagliano anche le cose semplici.

Squadre europee senza forze, svuotate. Piccoli team che sfondano mentre i grandi sembrano solo fatti da vecchioni.
Polemiche feroci che nascondono la verità': l'organizzazione della Coppa e' in mano a persone a dir poco dilettanti se non incompetenti. L'erba di Manaus dipinta di verde per mascherare le buche e' emblematica di ciò' che sta succedendo.

Blatter che sembra uno dei vecchioni dell'emigrazione mondiale: sta sempre la' e nessuno lo schioda. Scandali enormi già' sono stati segnalati per la prossima Coppa del Mondo.

Ma soprattutto la rassegnazione e l'apatia del pubblico che accetta tutto ciò' senza protestare, come se fosse normale andare avanti in questo modo. L'importante e' che il proprio team vinca, non importa come.

E lasciatemelo dire: se e' questa e' la direzione del football mondiale ho nostalgia di quelle partite a copacabana con gente improvvisata. Non c'era niente in palo. Non ci conoscevamo ne' ci saremmo incontrati dopo la partita.
Ma li' italiani (il sottoscritto) brasiliani e stranieri erano tutti fratelli non mercenari al soldo delle tv e dei politici e dei dirigenti del calcio mondiale.

Sunday, June 22, 2014

Brasile, il paese piu’ italiano al mondo

Quanto contano gli italiani nel mondo?

Tantissimo a vedere i risultati delle ultime elezioni per il Parlamento Italiano: dopottutto il voto degli italiani all’ estero è decisivo per la corrente maggioranza, specialmente al Senato.

Poco a vedere la recente Finanziaria, dove i tagli alla rete consolare italiana e gli stanziamenti per gli italiani all’ estero non fanno fare previsioni incoraggianti per gli italiani all’ estero.

E quanto contano gli italiani (di origine ed oriundi) del Brasile ?

Sapevate che il Brasile è il paese piu’ italiano al mondo? Sapevate che ci sono quasi 30 milioni di italiani oriundi qui in Brasile?
Ci sono politiche italiane specifiche per la maggiore comunità italiana al mondo?

Beh per la verità i miei lettori mi segnalano un fatto sconfortante: ci vogliono in media 7-8 anni per un oriundo italiano avere la cittadinanza italiana. Questo spiega anche perchè, secondo l’ ultimo Rapporto Italiani nel Mondo, realizzato dalla Fondazione Migrantes, il Brasile ha solo 148.746 residenti italiani iscritti all’ Aire.

Pare che esista una precisa volontà, non solo di questo governo ma anche di tutti i governi precedenti, di non accelerare il processo di immigrazione dal Sud America verso l’ Europa. Sembra che la Comunità Europea vuole scoraggiare cio’ anche alla luce dei recenti allargamenti europei e l’ Italia si adegua. Non è quindi solo un problema della nostra rete consolare in Brasile.

Ma come è stata disegnata la nostra rete consolare in Brasile?

Perchè ad esempio Salvador de Bahia, che ha una numerosa comunità italiana, non ha un consolato ufficale (solo un vice-consolato onorario) e nemmeno un Comitè di Italiani all’ estero?

Mario Trampetti, capo Ufficio I della Direzione generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie ci comunica che la richiesta di istituzione del Comitè deve pervenire dal consolato italiano e dal comitè di rio de janeiro, competente per territorio. La richiesta è già pervenuta al comitè.

Questo significa che avremo il Comitè a Salvador in breve?
Manco per idea.
Prima di tutto il Comitè si riunisce solo 4 volte l’ anno e la prossima riunione sarà solo a gennaio. Fonti del comitè ci segnalano che il Comitè ha un bilancio limitato e solo i costi aerei delle trasferte di membri di altri stati della sua circoscrizione assorbono una gran parte del proprio bilancio.

Poi dopo il console di rio de janeiro deve emettere un parere ed il tutto viene inoltrato al ministero, proprio all’ Ufficio I della Direzione generale per gli Italiani all'Estero e le Politiche Migratorie.

E poi dopo? Dopo, se il Ministero riterrà opportuno, approverà la formazione del Comitè.
Tuttavia le stesse fonti del Comitè ci comunicano che è meglio non farsi illusioni a riguardo. E perchè? Prima di tutto Salvador non ha un consolato ufficiale, e poi ci sono comunità italiane di altri stati che aspettano da decenni senza alcun risultato. Adesso poi, dopo i recenti taglia ai capitoli di bilancio del Ministero degli Esteri per le fonti consolari, aspettarsi la creazione di un nuovo consolato diventa una mera chimera.
Ma cosa pensano le fonti consolari italiane a riguardo? Il console di Rio Massimo Bellelli ci comunica: “. Il problema principale e' che l'Italia non e' sufficientemente sensibilizzata sul fatto di capire che strutture efficienti e forti all'estero sono un investimento mentre l'ottica che prevale al Ministero del Tesoro e in Parlamento e' quella dei tagli alla rete estera.”

E cosa dice la legge a riguardo?
La legge 205/1985 istitutiva dei Comites (Comitati per gli Italiani all’Estero), all’ articolo 2, recita:

“Nei Paesi in cui risiedono almeno tremila cittadini italiani e nei quali non siano istituiti uffici consolari di prima categoria, il comitato degli italiani all’estero è costituito presso la missione diplomatica.”

Ma quindi non c’è l’obbligo di un consolato di prima categoria? No, la legge addirittura menziona espressamente cio’. Ma allora perchè esiste questa legge “non scritta” che dice che deve esserci un consolato ufficiale per creare il Comitè?

E perchè non creare un Comitè degli italiani, che garantisce un maggiore interesse e sicurezza per gli italiani, la cui protezione da parte del consolato onorario non sembra essere una grandissima cosa ?

Boh, mistero di Bahia.

(Articolo del 25/11/2006)

Wednesday, June 18, 2014

Salvador: burocrazia all’ italiana

La donna era incinta di nove mesi. Si trascinava tutti i giorni davanti al’ internet bar del Porto di Barra, Salvador di Bahia, per chiedere una esmola (come si definisce la carita’ in portoghese). Con i pochi reais racimollati poteva comprarsi la “colla”, dose quotidiana di droga.
Poi infine giunse il giorno del parto. Lo aspettava da tanto tempo. Era gia’ tutto pronto.
Aveva già stabilito il prezzo. La coppia di portoghesi avrebbe pagato poco meno del migliaio di reais pattuito. Avrebbe potuto comprarsi una scorpacciata di “roba” buona.
Ma dopo un mese stava di nuovo là, davanti all’internet cafe’ del porto di Barra a chiedere una semola.

Problema di Bahia? Non del tutto. Anche problema italiano. Perchè? Si chiederà il mio lettore intrigato. Per la situazione in cui versa la adozione internazionale a Bahia, cui persone senza scrupoli “aggirano” con questa pratica vergognosa della compra in loco dei bebe’.

Sapevate che il vice consolato onorario di salvador, non essendo un consolato ufficiale, non puo’ aiutare nella realizzazione delle pratiche di adozione internazionale, che devono essere trattate a Rio de Janeiro? I tempi diventano biblici per chi vuole adottare legalmente, senza contare la terribile burocrazia brasiliana.

La domanda che alcuni lettori mi pongono è la seguente: Come umili contribuenti del salasso di imposte che paghiamo in Italia, avremo il diritto di spendere una percentuale infima del bilancio nazionale per potenziare i consolati italiani ed anche creare consolati che possono svolgere le pratiche di adozione internazionale come a salvador di Bahia?

In fondo i soldi sono nostri, le pratiche sono tantissime, le donne italiane in ansia di diventare mamme sono tantissime in Italia e soprattutto i bambini poveri che mendicano nelle strade di Salvador sono migliaia. I “viaggi della speranza” di coppie italiane a salvador di Bahia diventono veri e proprie via crucis della burocrazia italiana e brasiliana.

Perchè non creare un consolato vero a Bahia (non solo uno onorario con funzioni molto ridotte) che puo’ accelerare dal lato italiano questo processo lungo e snervante, che incentiva la pratica sordida della compra del bebe’ (anche da parte di italiani stessi)?

La domanda la giro umilmente al presidente Prodi che sicuramente è piu’ competente di me nel rispondere alle associazioni di donne italiane interessate all’adozione internazionale. I gravi tagli al bilancio della recente finanziaria ai consolati italiani nel mondo ha sicuramente aggravato il problema.

D’ altro lato il vice consolato di salvador è, per chi ha sperimentato personalmente l’ esperienza di chiedere un normalissimo certificato, anni luce dall’ applicazione delle leggi di trasparenza amministrativa approvate piu’ di un decennio fa in Italia.

Sapevate ad esempio che per chiedere un certificato da presentare alla polizia federale (pratica normale per chi vorrebbe stare a salvador in situazione legale) le differenze tra le procedure di Rio de Janeiro e salvador de Bahia sono enormi?

E’ paradossale che nel 2006 le procedure usate ricordano l’ Italia del dopoguerra e gli indimenticabili films del passato sulle “pratiche per ottenere il pezzo di carta”.
Non ci credete? Leggete qua:
Tutto aitante e pieno di allegria l’ italiano medio si presenta al vice consolato di Salvador de Bahia nella storica Casa di Italia per avere il famoso certificato. Ma gia’ sulla porta incontra una fila lunghissima: per una strana politica adottata dal Ministero degli Esteri i consolati italiani (probabilmente unici al mondo) adottano la politica della fila unica. Che cosa significa?
Significa che se migliaia di brasiliani a salvador, come a Rio o Sao Paulo, vogliono diventare italiani, devono recarsi al consolato per cominciare le pratiche. Fino a qui tutto bene.
Purtroppo i candidati brasiliani sono migliaia e si mettono in fila anche alle 3 del mattino.
Percio’ se l’ aitante italiano va alle 9 del mattino la fila che gli sta davanti è enorme e soprattutto è unica.
Ma cosa fanno il consolato americano a Rio o lo stesso consolato brasiliano in Italia?
Due file, una per i nazionali l’ altra per gli stranieri. Discriminazione? No, in fondo il consolato è territorio nazionale e quindi è giusto che un nazionale, che paga le tasse e quindi mantiene le spese del consolato, abbia una fila separata.
Ma torniamo al nostro aitante italiano. Beh, per la verità non è piu’ tanto aitante. Dovete sapere che il sole di Bahia è veramente forte e puo’ provocare anche svenimenti. Aspettare tanto tempo nel sole non è consigliabile.

Finalmente il nostro amico è arrivato allo sportello degli uffici del consolato e qui la prima sorpresa. I documenti da presentare sono tantissimi (quasi 10 rispetto a 2 o 3 di rio de Janeiro). In piu’ ascoltate questa: mentre a Rio il modulo puo’ essere tranquillamente scaricato da internet a salvador i moduli (sono due) devono essere riempiti personalmente in piedi nell’ufficio consolare. Il nostro amico ex-aitante chiede di prendere il modulo con se’, visto che deve tornare per presentare tutti i moduli che non ha (aveva controllato i documenti richiesti nel site di Rio de Janeiro ma qui a salvador si chiede molto di piu’). E qui la sorpresa: il modulo non puo’ uscire dall’ ufficio del consolato (sara’ segreto di stato?). Pertanto la prossima volta bisognera’ riempirlo personalmente e in piedi.

L’ ex-aitante raccoglie tutti i documenti richiesti, le foto, etc. etc. e si ripresenta (nella lunghissima fila) al consolato. Day 2: è finita? Manco per idea.

Nuova sorpresa: bisogna pagare una tassa di 86 reais (circa 31 Euro), piu’ di 7 volte quella di Rio. Perchè? La regola della tabella 67n: no, non è un film di Toto’, è la classificazione della tassa da pagare per l’ iscrizione consolare per certificati da presentarsi alle autorità brasiliane da parte del consolato di Salvador.
Autentica di fotografia, la spiegazione ufficiale delle autorità dell’ufficio consolare. Con questa giustificazione si applicano costi e moduli diversi per gli stessi certificati in diversi parti del Brasile. Insomma se stiamo a Rio siamo fortunati comparati a Salvador perche’ la’ il consolato ci trattera’ in maniera differente per lo stesso certificato. Ma il principio dell’uguale trattamento dei cittadini italiani di fronte l’ amministrazione pubblica? Ma mi faccia il piacere, direbbe Toto’.
E’ interessante notare che i fondi del vice consolato onorario di salvador vanno in un conto personale (ma separato) del vice console onorario. Inutile dire che non esiste pubblicita’ sulla movimentazione di tale conto. Ed il principio della trasparenza amministrativa?

Il nostro ex-aitante ha solo 100 reais, non ha il troco (il cambio).
Allora la sentenza è la seguente: perchè l’ ufficio non ha a disposizione il troco, devi uscire a cambiare i soldi e poi tornare. L’ ex-aitante (da adesso lo chiameremo il depresso) dice che non sa dove cambiare i soldi, deve scendere (a piedi) andare in strada, correre come un disperato, cambiare i soldi e poi tornare. E soprattutto fare cio’ il prima possibile perchè l’ orario di ricevimento sta per scadere e se non si ripresenta in tempo utile deve fare tutto di nuovo un altro giorno.
Ma la sentenza è già stata emessa dall’ ufficio consolare e, se non vuole perdere tempo, deve cambiare i soldi e subito: correre, correre, correre.
E allora il nostro aitante, pardon depresso, corre come Mennea (attento ad attraversare la strada ex-aitante che qua a Bahia è facile essere messo sotto) e finalmente torna in tempo utile.

Bene avrai il certificato in 15 giorni. Ma come, per un semplice certificato 15 giorni? Il personale è poco, pagato male e solo di tasca propria dal console onorario, percio’ smettila di protestare ex- aitante.

La scena non è quella di un film di Toto’, è quella molto probabile che vivrete se andate al famoso vice-consolato onorario di Salvador.
Ma che dice il vice console onorario di ciò’?
Beh, prima di tutto dice che i dipendenti li paga lui di tasca propria e non riceve quasi nulla dall’Italia per coprire i costi del consolato. Poi, che applica strettamente le direttive del consolato di Rio, e che percio’ non e’ responsabile se eventuali direttive nuove non gli vengono comunicate. Inoltre il consolato di Rio a volte non risponde nemmeno alle richieste che invia.
Ma sottolinea di essere in piena sintonia con il console di Rio.

E il console di Rio?
Massimo Bellelli e’ un gentiluomo e sottolinea le difficolta’ finanziarie in cui versa la rete consolare italiana: “Le segnalo peraltro che il vice consolato essendo onorario non ha personale stipendiato dal Governo italiano che anzi,purtroppo, con i vari tagli di bilancio apportati al Ministero degli Esteri nemmeno rimborsa tutte le spese vive che dovrebbe per legge restituire.Cio' pone l'ufficio e l'utenza, come puo' capire, in una difficile posizione.”

“a fronte di una domanda di servizi elevata da parte italiana e brasiliana il Vice Consolato ha una capacita' di elaborazione limitata dalle limitate risorse”.

“il Ministero degli Esteri, naturalmente e' informato della situazione ma deve ripartirsi tra tutte le sedi soprattutto tenendo conto dei limiti di bilancio. Il problema principale e' che l'Italia non e' sufficientemente sensibilizzata sul fatto di capire che strutture efficienti e forti all'estero sono un investimento mentre l'ottica che prevale al Ministero del Tesoro e in Parlamento che e' quella dei tagli alla rete estera.”

“Devo dirle peraltro che gli italiani non si registrano o non frequentano il Consolato non per i costi(l'iscrizione e' gratuita e tra l'altro un obbligo di legge altrimenti non ha diritto a certi servizi ) ma per l'abitudine italica di essere indipendenti e di farsi vivi solo quando c'e' un problema ed anche perche' molti non vogliono comparire, non vogliono perdere la residenza in Italia perche´magari gli porta benefici, vivono a Bahia solo pochi mesi,ecc.ecc. Il risultato e’ quindi anche a Roma non hanno ben chiaro il quadro della realta' locale e dell'esigenza di servizi tanto che si lamentano che Salvador assorbe piu' risorse che gran parte degli altri posti.”

Abbiamo chiesto lumi circa i punti menzionati nell’ articolo e in generale sulla situazione di abbandono in cui versa la comunita’ italiana di Salvador di Bahia, tanto al dottor Mario Trampetti, funzionario di grado elevato del ministero degli esteri quanto alla signora Francesca Marinaro, consigliera del ministro Massimo D’ Alema.
La signora Marinaro ci ha mandato la propria risposta che pubblichiamo volentieri.

“ho letto la sua corrispondenza con il Console Massimo Bellelli e apprezzo lo spirito dialogante che ne risulta per cercare di risolvere le questioni da lei sollevate.”

“Per questo nell'ambito della Finaziaria, come Ministero degli Affari Esteri siamo impegnati nella difesa di capitoli di spesa sufficientemente adeguati alle necessità riformatrici.
Questo l'impegno del ministro D'Alema e del Vice Ministro Danieli.”

“Fu grazie ad Enrico Berlinguer che nel 1984 il mondo dell'emigrazione italiana ha avuto un suo eletto nel Parlamento europeo. L'emigrazione italiana è, infatti, il mondo da cui provengo. La condizione migratoria è una esperienza di vita che difficilmente si cancella.”

Beh prendiamo atto e siamo lusingati che la questione che stiamo sollevando interessa i vertici del ministero degli esteri ed il governo.

Tuttavia a Salvador de Bahia la situazione rimane uguale per gli italiani, che continuano a sentirsi abbandonati dalle autorita’ del proprio paese e passi concreti per mudare cio’ non se ne vedono.
La mancanza di un vero consolato e di un Comite’ di italiani all’estero continua, i tempi biblici dell’ adozione e le scene alla Toto’ al consolato onorario di Salvador continuano.

Quando tutto cio’ mudera’?

Boh, mistero di Bahia.

Pubblicato il 24 novembre 2006

Ti e' piaciuto l'articolo? Allora clicca sull'annuncio pubblicitario qui sotto. Cosi'contribuisci al mio lavoro a costo zero per te grazie

Italiani dimenticati di Bahia (1)

Sapevate che a Salvador de Bahia, terza città del Brasile, c’è una grande comunità italiana, di origine e oriunda? Sapevate che illustri docenti universitari, musicisti, imprenditori italiani vivono in questo meraviglioso angolo del pianeta? E sapevate che Salvador non ha neppure un consolato ufficiale italiano (esiste solo un viceconsole onorario) né un comité di italiani all’estero?

Ci sembra davvero singolare che, in un momento in cui l’importanza assunta dai nostri connazionali che vivono lontano è cresciuta vertiginosamente grazie alle ultime elezioni politiche italiane, una delle maggiori e più significative comunità italiane all’estero sia ignorata dalla madrepatria. Ma perché ciò accade proprio in questa splendida città bagnata dal mare della Bahia di Todos os Santos? Le ragioni sono molteplici e certamente lunghe da elencare. Salvador, il porto di Barra. Ma prima di parlare della realtà italiana di Salvador, diamo un minimo di indicazioni storiche sulla presenza italiana in Brasile, come è nata e come si è sviluppata.

Senza dubbio agli italiani in Brasile è associata la pagina più nera, da un punto di vista sociale, della storia d’Italia degli ultimi due secoli: la disgregazione di intere comunità italiane (non soltanto del Sud Italia) come conseguenza dell’emigrazione. Oggigiorno, caro lettore, se perdiamo il lavoro (Dio non lo voglia), ne cerchiamo un altro sugli annunci dei giornali, inviamo il nostro curriculum vitae sperando di avere improbabili risposte. E’ veramente uno stress la ricerca del lavoro, così come le privazioni che siamo costretti ad affrontare a causa della sua mancanza.

Ma tutto questo non è minimamente comparabile con le difficoltà che i nostri bisnonni soffrirono per le condizioni di estrema povertà che causarono l’emigrazione di massa degli italiani all’estero. Pensa un po’, lettore: persone mai uscite dal paesino di appartenenza, data la povertà che causava addirittura la morte per fame, sentivano dire che in altri continenti si regalava terra molto fertile a coloro che erano disposti a coltivarla per la crescita di un «nuovo mondo». I nostri connazionali, molto spesso illetterati, spinti dalla disperazione, salutavano in modo straziante i propri familiari, uscivano dal paesino d’origine recandosi nelle grandi città. E grazie ai pochissimi risparmi si imbarcavano su navi negriere, sporche e piene di altri disperati, sobbarcandosi un viaggio di mesi in un mare a volte burrascoso. E se si salvavano dal contagio di malattie terribili a bordo (cosa allora comunissima), arrivavano in terra straniera.

Al quel tempo non esisteva l’outplacement, e in Brasile la realtà fu una delle più dure tra tutte quelle sofferte dagli emigrati. Taglio di capelli al Pelourinho . La schiavitù era stata abolita grazie a una legge del 1888, e i grandi proprietari terrieri si vedevano costretti ad assumere personale e non più schiavi. Così gli italiani divennero subito i «nuovi schiavi bianchi» del Brasile. Con il miraggio della terra che sarebbe stata loro regalata, i nostri connazionali arrivavano al porto di Santos e poi a San Paolo, oppure sbarcavano in altri porti brasiliani e lì erano reclutati brutalmente dai capixaba, gli assistenti dei proprietari terrieri.

La mentalità dei proprietari terrieri era ancora scopertamente schiavista, dato che non basta una semplice legge a cambiare la mentalità delle persone. E il trattamento ricevuto dagli italiani non era molto dissimile da quello degli schiavi negri. Pieni di debiti per doversi pagare il cibo, l’abbigliamento e il vitto, il nostro povero connazionale diventava uno schiavo a tutti gli effetti, ma rimaneva nella fazenda per guadagnare... una miseria. Che cosa avresti fatto, lettore, se dopo avere abbandonato la tua famiglia, avere fatto un viaggio lunghissimo in una nave lurida e piena di malattie, fossi giunto finalmente nella terra promessa trovando un lavoro massacrante e potendo risparmiare quasi nulla da inviare ai tuoi familiari in Italia? Saresti tornato indietro?

La situazione divenne talmente grave che a fine secolo il governo italiano vietò l’emigrazione italiana in Brasile per questo trattamento disumano ricevuto dai nostri connazionali. Lo fece con il decreto Prinetti del 1902. La situazione era insostenibile e molti italiani abbandonarono le terre per lavorare in città. Qui però l’ostilità e il razzismo si manifestarono con la diffusione di pregiudizi e stereotipi negativi sintetizzati nell`appellativo di carcamano (commerciante disonesto che ruba sul peso della merce «calcando la mano» sul piatto della bilancia per alterarne la misurazione) rivolto ai nostri poveri connazionali. Un`altra immagine del Pelourinho Quante umiliazioni, e che vita disperata per i nostri connazionali all’estero e in Brasile. E qual era l’aiuto della madrepatria? Zero. Il fatto che noi, italiani di oggi, siamo stati privilegiati dalla sorte a non vivere quella realtà non significa che dobbiamo dimenticare, chiudere gli occhi sulla distruzione del tessuto sociale di varie comunità, di numerosi paesi dell’Italia dell’epoca.

Ma torniamo a Salvador de Bahia per osservare che la colpa storica della madrepatria verso gli italiani approdati qui sembra essere immutata. L’abbandono degli italiani di Bahia ricorda un po’ quello del passato. In due parole la comunità italiana che si è installata a Bahia è stata tradizionalmente un po’ isolata, non ha sviluppato molti legami con le autorità consolari di Rio de Janeiro - che è competente per territorio - ed è rimasta anche un po` indifferente, preferendo pensare a se stessa. Ma gli italiani sono tutti là, nell’internet cafè del porto di Barra o in quello del Pelourinho, dove si incontrano e discutono in modo tipicamente italiano dei problemi di sempre. Sembra di essere un po’ in Italia in questi angoli di Salvador, perchè gli italiani in Italia o ai tropici si comportano sempre nello stesso modo, sono sempre gli stessi.

Vediamo quindi di riportare gli umori della comunità di Salvador. Prima di tutto il fatto che Salvador, terza città del Brasile, non disponga di un vero console di carriera ma ne abbia soltanto uno onorario, è gia motivo di insoddisfazione. Difatti gli uffici del consolato onorario non svolgono molte funzioni, mentre la sollecitudine nell`erogare servizi è una vera e propria chimera. Inoltre un’altra questione che sta a cuore ai connazionali ivi residenti è la mancanza di un comité di italiani all’ estero. La circoscrizione dello stato di Bahia rientra in quella di competenza del consolato di Rio de Janeiro, che possiede un proprio comitè. Tuttavia la legge dice esplicitamente che, se la rappresentanza italiana è grande, possono essere creati più di un organismo all’interno della stessa circoscrizione consolare. Basta formulare la domanda al ministero degli Esteri e avere il parere positivo del Consolato.

Considerato che la richiesta c’è già stata, ci domandiamo perché non sia stato ancora autorizzato. E giriamo la domanda al nostro ministro degli Esteri. Per il momento sembra che gli italiani di Salvador debbano arrendersi alla trascuratezza della madrepatria. Ma in che cosa consiste l’importanza di avere un comité? Essere consultati dal ministero competente per ragioni che riguardano gli italiani all’estero, avere un punto di riferimento. Per la comunità italiana di Salvador, seppure non numerosa come quella di San Paolo ma senza dubbio rilevante, la presenza di tale organismo di rappresentanza è anche una garanzia per ragioni di sicurezza.

Putroppo a Bahia i diritti umani non sono molto garantiti, e se un italiano si trovasse in difficoltà con le autorità locali sarebbe bene vi fosse qualcuno ad aiutarlo. Chiamare il numero di emergenza a Rio de Janeiro serve a poco, mentre rivolgersi al viceconsolato onorario di Salvador, quasi a niente. Addirittura Recife, splendida città del nordest brasiliano, ma di importanza minore rispetto a Bahia, dispone di un suo comité. Vi è da chiedersi perché Salvador non l`abbia.

Ma quali sono i criteri per la definizione dei comité in Brasile? Beh, questo è un altro «mistero di Bahia», come sono definiti a Salvador le realtà imperscrutabili, che presenta spesso a situazioni ambigue e misteriose che fanno di questa città un luogo terribilmente affascinante. Ma esiste qualche istituzione che fa qualcosa per gli italiani di Bahia? Il Patronato Uil di Fabio Porta è l’unica eccezione meritevole in un deserto di iniziative. Non che non vi siano strumenti normativi o l`esistenza di patronati: è l’interesse a mancare. Ma data la ampiezza di questo argomento per il momento ci fermiamo qui, riservandoci di riprendere la questione dell`oblio nel quale sono lasciati sobbollire i nostri connazionali di Bahia in una delle prossime edizioni

(Prima edizione pubblicata nel 24 novembre 2006)

Ti e' piaciuta la storia? Che ne pensi?
Scrivimi a freethinking2004@yahoo.com e dimmi la tua opinione
Grazie!!!

Tuesday, June 17, 2014

Falamansa: allegria e divertimento assicurato

Siamo al club Hangar dell' Aeroclube, il grande centro ricreativo vicino alla spiaggia di Salvador di Bahia. Il pubblico è giovane, allegre, spensierato. L'atmosfera è quella giusta per divertirsi. Il gruppo che si esibisce è Falamansa, il maggior gruppo di forro' (pe' di serra) del Brasile.
Ma cos' è il forro' e perchè questo stile musicale è diventato cosi' famoso in Brasile?

Facciamo un passo indietro e vediamo come questo stile musicale si è affermato come uno dei principali.
Il forro' è sempre esistito in Brasile, è uno stile classico di musica nordestina (l'area del Nord Est del Brasile è la piu' povera e bella del Brasile).
Lo stato brasiliano che vanta un maggiore background di forro' è il Cearà ma tutto il Nord Est (Maranhao, Sergipe, Bahia) hanno grandi tradizioni di forro.
Lo stile musicale? Per dare un' idea, nel passato, era una specie di "liscio" italiano, ma molto piu' allegre e vivace. Lo stile di danza è semplice: "dois pra ca, dois pra là" (due passi a destra, due a sinistra). Ma se non avete mai danzato, non avventuratevi subito a danzare con i brasiliani: loro danzano cosi' velocemente che dopo 5 minuti vi dicono che forse è meglio fermarsi, perchè non reggete il ritmo (questo non ve lo dicono, ma è implicito).
Questo stile musicale, accompagnato dalla fisarmonica, a volte velocissimo, sempre allegre, stava lentamente cadendo nel dimenticatoio fuori del Nord Est. Era diventato uno stile di musica che i vecchi nordestini brasiliani nostalgici danzavano a Sao Paulo o Rio.

Ma alla fine degli anni '90 un gruppo giovane di Sao Paulo rivitalizzo' in maniera impressionante questo stile di musica: Falamansa.
Un gruppo di studenti universitari di Sao Paolo, liderati dal simpaticissimo Tato, fecero una specie di miracolo: diffusero il forro' tra i giovani, in particolar modo nei circoli universitari. Il forro', che era quasi sparito, divenne improvvisamente moda febbrile in Brasile. Ironia della sorte fu che Falamansa è un gruppo di classe media del Sudest del Brasile, molto lontano dello stereotipo di nordestino povero che avvolgeva il foro'.
La moda si espanse a macchia d' olio nel Brasile e sorsero altri gruppi di forro' ma senza dubbio Falamansa è una storia a parte.
Ma perchè Falamansa ebbe tanto successo? Come fece a revitalizzare uno stile quasi sparito?
Torniamo all' Aeroclube di Salvador per cercare la risposta.

Tato sale sul palco: è un ragazzo giovane, bello, con un viso di universitario in vacanza, con un look cool ma semplice.
E tutto lo show è in questo stile: sembra una festa con amici, piu' che uno show musicale.
L' atmosfera è giovanile, piena di allegria. Il pubblico, per la maggior parte giovani (ma ci sono anche persone piu' attempate che danzano anche piu' forsennatamente dei giovani), si integra perfettamente con il cantante. Tato danza, canta, incinta il pubblico a fare l' onda, a cantare in coro con lui, scherza e occhieggia con furbizia e malizia. E il pubblico si diverte tanto, apprezza. Sembra che tutti i problemi del mondo scompaiono e rimane solo un allegria giovanile di vivere che pervade tutti.
E' veramente raro, al giorno d' oggi, vedere un gruppo cosi' famoso che è al tempo stesso cosi' naturale e divertente e che interagisce con il pubblico.

Lo show comincia con un classico "Xote da alegria". La canzone è un' inno all' allegria, a fare cio' che si vuole nella vita e a non piangere sulla proprie disgrazie, ma a danzare un forro' con allegria. Danzare questa canzone su una spiaggia brasiliana con una brezza leggera che avvolge i capelli nella notte calda estiva, alla luce della luna e di un fuoco improvvisato con un gruppo di amici, è un' esperienza indimenticabile.
Lo stile indio angelo biondo di Tato continua con la canzone "Xote dos milagres". Il testo è veramente toccante quando descrive l' amore cantando "il sangue che scorre in me viene dalle tue vene, ma tu sei l'unica che non mi da valore". Cio' nonostante la musica del forro' tira su l' amante deluso, tanto che "il sordo puo' sentire, il cieco puo' vedere, vedi questa musica che fa succedere miracoli". I testi sono pure poesie e la musica è bellissima. Il pubblico danza felice freneticamente il forro' pe' di serra.
Sembra una festa universitaria, molto informale con Tato che guida le danze di un gruppo di amici riuniti dopo le lezioni.
Ecco la bellissima "100 anos" dove Tato canta l'amore "se ti ho amato, veramente ti amei , se piansi, piansi di nostagia di te".
Tato canta una vita dove l'amore, la saudade brasiliana, tutto si integra in uno stile di vita dove la persona segue la propria strada e fa cio' che sente di voler fare, anche se cio' puo' non essere nel proprio interesse: "se fui io a scegliere (di vivere) cosi ', non significa che cio' è meglio per me, il tempo passa ma io vedo che niente muto’'" e l'amore fa sentire saudade.
Le canzoni si susseguono e il pubblico danza eccitato e divertito.
E Tato canta la canzone “Zeca Violero”, un forro’ velocissimo e buffissimo. Nella canzone Zeca Violero non fa cio’ che vuole nella vita perchè ha paura di morire, riserva sempre una camera di ospedale perchè è un tipo che agisce sempre preventivamente.
Non prende rischi ma alla fine muore della morte peggiore, quella di solitudine. E nel forro “arretado” (frenetico) c’ è un po’ la filosofia di vita cantata da Tato: vivere la vita piuttosto che aspettare la morte.
E lo show si chiude con “Rindo a toa”, la canzone piu’ famosa di Falamansa:
Questa canzone è un misto di una testo e musica bellissima. La canzone canta di una persona che “da qui non si muove perchè è sicuro che è il suo posto”, parlando delle proprie scelte della vita. E anche se l’esperienza di vita “faceva male, faceva male ora non fa piu’ male”, “piansi, piansi ma ora non piango piu’”, anzi “è motivo per commemorare, perchè se non soffissi cosi’ non avrei ragioni per commemorare” e per questo “ha, ha , ha sto ridendo di gusto, non perchè la vita sia tanto buona, ma perchè un sorriso aiuta la vita a migliorare”.
E in queste parole si racchiude la filosofia di vita del nordestino e del brasiliano, che senza dubbio vive una vita molto dura e piena di difficoltà, ma che sorride perchè non ha piu’ importanza conservare dentro di sè i dolori, ma anzi il sorriso migliora la vita e la rende migliore a dispetto delle difficoltà.

Allora la risposta alla domanda iniziale:
Falamansa è senza dubbio il miglior gruppo giovane del Brasile. Ha preso per mano uno stile moribondo e, con l’ allegria, la naturalezza e l’ istrionismo di Tato l’ ha diffuso tra i giovani che entusiasti l’ hanno abbracciato in pieno. In piu’ Falamansa innova il suo forro’, con uno stile che a volte è elettrico, a volte è piu’ melodico, ma è sempre di radici “pè di serra” come si dice qui in Brasile.
Assistere allo show di Falamansa è davvero un’ esperienza indimenticabile, fa un po’ sognare e sentirsi piu’ giovani. In piu’ la musica di Falamansa riproduce un’ atmosfera, quella del Nord-Est del Brasile, che con le sue spiaggie fantastiche e atmosfere magiche fa veramente pensare di stare fuori dal nostro mondo stressante e in una specie di paradiso di semplicità.

Articolo del 27 gennaio 2008

Ti e' piaciuto l'articolo? Allora clicca sull'annuncio pubblicitario qui sotto. Cosi'leggerai i miei articoli perché' contribuisci al mio lavoro a costo zero per te grazie