Saturday, November 28, 2015

Italy, the country where the old people "wanna it all".

"I wanna it all, I wanna it all, I wanna it all, I wanna it now". Do you remember the old song of the Queens, the unforgettable song used to show the strong desire of the young people to live the life?


Well this song could be the symbol of the 80-year old people of Italy, the ones that dominate that country. Why is that? How is that possible? you are asking yourself my dear reader.

Welcome to Italy, the country where the old people are in power, where the society is frozen, where the young people are old and the old people run the show.
Everywhere. Always. Especially the 80-year old people.
They wanna it all, just like the Queen's song. And they have it. This is why the country goes nowhere. A beautiful country, the best in the world to eat.

And one of the best ones to live. Or not?


Well the difference between living and being old seems subtle but in fact it is not.

Let's take an example. I am nearly half the age of those 80-year old people who run the country. But I lived more, far more than them. If I were to die tomorrow I have very few regrets in my life.
The old people don't. They did not live. That is why they "wanna it all".
You don't understand my reader? I am going to explain it again.

In my life I had nearly everything. Power, money, women, but above all love. I gave it a lot and I received it. Above all with my kids. Everyday in my life was and still is full of emotions.
I rarely got bored. My wife tells me that: "it is not me going after the adventure, it is the adventure who goes after me". I always have it. Especially in Brazil. I was close to die several times, I was loved and loved many times. I had and have an adventerous life.

A life where I was not going after money or power. They came in my life and went away. But I never looked for them. That was not the aim of my life. The real aim was to give people something, love.
I think I did it. Nobody is perfect. But I did it as much as I could.

Sometimes I feel as I lived several lives. But I am always happy in my life. I get up and smile at my kids. Every day is a new day. I always feel the thrill of life.

The old Italian people are just the opposite. They live a lot. Many of them are 80-year old. But they did not life it at all. What does that mean?

It means that, in their lives, the old Italian people were always after one thing, a material thing: money, career, power. Just that. But that way their lives became dry,very dry.

They did not live. They do not know what life is. This is why they "wanna it all". This is why they do not give up. That is why they run the country. This is why they run companies, families, everything the same way as they did it in the past.

Italy had for long time the oldest President of Republic in the world, mr. Napolitano. Companies are run by old people until they die and that happens very late.

My close friend, a 80-year old journalist tells me that he is so busy he cannot keep up with his commitments. He is overwhelmed by work.
My landlord 81-year old man, tells me that he has to go in the streets looking for clients. He has several flats and is a millionaire.
I met a director of a Italian industry federation, an 80-year old man. He was getting off a plane running to get another one. Full of commitments.

A man living close to me is fighting to keep his flat from repossession. Is that because he does not have money? Quite the opposite, But he likes the fight. His life is empty and that thing fills it.

And that is the real point. These old people never lived. They feel the life is going away. And they want it to live until the last minute. Because, inside themselves, they know they did the worst thing anybody could do in his/her life. What? Like in the dream of Papillon in the unforgettable movie of Steve McQueen "They wasted their lives, the worst crime somebody could do".

The 80-year old Italian people know it. The end is coming. That is why they do not give up. But what do they do? They keep on doing what they did in their lives. They keep on wasting their lives. They keep on being selfish, getting it all. Giving nothing to nobody. The older they get the worse they become.

Ironically one of the best man Italy had in recent times is a capuchin friar Frei Damiao, who went to help the poor in Brazil Frei Damiao lived nearly 70 years in Brazil helping the poor people.
He died when he was nearly 100-year old.

But during all his life Fei Damiao gave love to the poor people.
He is an example of what an old person show do.
Help the people.Especially the young people.teaching them the way forward. Just like Socrates did in the ancient Greece.
With the maieutic approach. Helping the young people grow up in a safe and sound way.
But that is exactly the opposite of what the old people do in Italy.
With their behaviors the old people teach the youngsters the be selfish.

The kids seem already old in Italy. Mentally they are already bored and boring. They rarely smile. And the older they get the worst they become.
It is not their faults. That is the way they are tought to grow up.

In Brazil for instance people grow up smiling all the time. In Italy it is the opposite.
In Brazil you die young. If you make it beyond 60 years you are lucky. But life is intense. Full.

In Italy life is empty even if you get to 80 or 90-year old. That is why you want more. Because you did not have it at all.

Well what else for Italy?

I myself would say "Smile, life is wonderful". And forget about yourself and selfishness. Do good thing. Maybe that way you will feel better.

Friday, November 20, 2015

Panico, la nuova onda che domina l' Europa

Roma 20 novembre 2015 Nel metro A una borsa lasciata incustodita: panico e chiamate per la potenziale bomba.
Napoli: ufficio del Tribunale Gip: allarme bomba, persone in panico..
Milano: due giornalisti camminano con vesti islamiche: sono dell' IS dice la gente, si chiama la polizia per controllare i documenti..
.
Persino nel mio piccolo una donna che ascolta canzoni arabe mi grida"Ti stacco la testa". Sara' una terrorista dell'IS? Forse e' meglio chiamare la polizia..
.
Benvenuti nel nuovo mondo dove la parola d'ordine e' :PANICO a lettere cubitali..
.
Chiunque può' essere un uomo o donna bomba. Evitare le folle. Evitare gli stadi. Evitare le chiese, la messa del papa, le discoteche, i concerti..
Tappiamoci in casa. I terroristi dell'IS sono dappertutto. Siamo spacciati. Non c'e' più' sicurezza. Bombe batteriologiche possono annidarsi dovunque..
.
Arriviamo al comico. Vado nel Carrefour. Devo andare in bagno ma per evitare di fare il giro di tutto l'edificio visto che l'entrata e' dall'altra parte tento di scavalcare le sbarre di uscita. I seguranca subito sono in allerta mentre la commessa grida:"Signore non può' passare di la' " in evidente panico. Sara' che ho messo una bomba al supermercato? sarà' che sono un terrorista? "No devo solo andare al bagno" grido io..
.
L'IS ha raggiunto il suo risultato: il panico e' totale. Sono tutti terrorizzati in Europa..
.
L'obiettivo vero degli attentati di Parigi era il panico, anzi il PANICO..
.
Tutti ma proprio tutti devono avere paura. Dovunque. Sempre. E l'IS ci e' riuscita. Perché'?.
.
Perché' gli europei sono un popolo che ha un doppio volto. Da un lato vende armi ai paesi arabi, guadagna a palate dai mercati di morte, dall'altro trema di paura quando queste armi sono usate contro se' stessi..
.
Si scopre che queste armi possono ammazzare non quando si vendono ma quando ammazzano gli stessi europei. .
Alcuni degli stati che finanziano il terrorismo sono i migliori clienti degli europei..
Percio' sono gli europei stessi che, indirettamente, sono la causa dei loro mali..
Se a questo aggiungiamo che i bombardamenti contro l'IS non fanno altro che scalfire di poco il grande supporto che hanno neil' IS e' evidente che il vero effetto e' quello di aumentare le vendite di missili europei ai propri governi..
E l'industria della morte continua a macinare profitti..
Che dire?.
.
Il PANICO dell' IS e le vendite di armi stanno distruggendola nostra pace..
.
Della serie: Chi e' causa del suo mal pianga se stessi..
.

Wednesday, November 11, 2015

L’emigrazione lucchese nel mondo? Me la racconta Pier Luigi Bertolli

La vita e’ strana. Vivo da oltre un decennio in Brasile e conosco molto bene le comunita’ e l’emigraziona italiana all’ estero.
Ma oggi in Toscana, a Ponte a Moriano in provincia di Lucca ho conosciuto un pezzo di storia di emigrazione che non conoscevo bene. E l’ho appreso da una persona che ha viaggiato tantissimo nella sua vita ed e’ vissuto in Brasile per quasi una decade.
Quest’ uomo e’ Pier Luigi Bertolli, un membro della famosa famiglia lucchese che ha dato vita a forse l’olio piu’ famoso al mondo, l’olio Bertolli.
Pierluigi alla veneranda eta’ di 85 anni anni e’ lucidissimo e mi racconta la storia della sua vita, una storia veramente interessante che meriterebbe di essere ascoltata da coloro che oggigiorno parlano di emigrazione senza neanche sapere di cosa si tratta.
Ma andiamo per ordine. Avevo incontrato a Lucca Federica, la figlia di Pierluigi e le avevo chiesto di conoscere il padre, dopo che mi aveva raccontato brevemente la storia della sua famiglia. Confesso che mi intrigava l’idea di incontrare una persona della famiglia che ha scritto la storia recente di Lucca.
Dopo un viaggio avventuroso nelle colline lucchesi sono arrivato alla villa dei Bertolli a Ponte a Moriano.
Qui ho incontrato Pierluigi. Una persona che sembra venire dal passato. Di quelle che ormai non ce ne sono piu’. Una persona autentica che nel mare della vita ha navigato tra europa e Brasile, tra USA ed Italia e vari altri paesi del mondo.
Ma che si e’ mantenuto sempre profondamente lucchese. E che per questo mi ha spiegato la ragione dell’emigrazione lucchese nel mondo cosi’ simile ma per certi versi anche cosi’ diversa da quella di altre zone d’Italia.
Pierluigi mi dice: “ caro Max l’emigrazione lucchese nel mondo ha ragioni storiche. C’erano due citta in Italia che avevano goduto di un’ indipendenza per secoli, Venezia e Lucca. Per quasi 6 secoli il Ducato di Lucca era rimasto indipendente.”. “Ma com’e’ possibile?” chiedo io. E Pierluigi: “Semplice, caro Max. Quando si sapeva che stava arrivando un sovrano invasore due persone mandate dal ducato di Lucca incontravano il sovrano straniero e con spirito molto pragmatico dicevano: caro imperatore tu vuoi invadere la nostra citta’ che e’ circondata dalle mura. E’ probabile che noi resisteremo da 60 a 90 giorni poi ci arrenderemo. A questo punto i tuoi soldati, ad esempio 1000 vorranno essere pagati 25 soldi ciascuno e quindi dovrai pagarli 25.000 soldi. Allora noi ti diamo 30.000 soldi e tu te ne vai senza attaccarci”. Il ragionamento non faceva una grinza e quindi Lucca preservo’ sempre in questo modo la sua indipendenza.
Poi Lucca e’ una citta ricca, ma soprattutto perche’ i lucchesi sono dei gran lavoratori, gente abituata al sacrificio duro ma anche a viaggiare per il mondo e vendere le loro merci come la seta.
Ma poi quando si verifico’ l’Unita’ d’italia Lucca perse l’indipendenza di cui era sempre stata gelosissima. I dazi doganali furono aboliti e le imprese del Nord Italia cominciarono a dominare il mercato dell’ Italia unita. E questo causo’ la piu’ recente emigrazione lucchese”.
Per la verita’ lo stesso fenomeno avvenne con l’annessione del Regno delle Due Sicilie, penso io, con un fenomeno migratorio senza eguali nel mondo dell’ emisfero Nord.
In ogni caso Lucca e la Garfagnana, terra vicina, dettero vita ad un fenomeno migratorio notevole. Ma qual’era la caratteristica dell’emigrazione lucchese?
Beh la ragione principale era sempre la stessa, lo stato di bisogno. Ma e’ anche vero che i lucchesi erano abituati ad andare via per migliorare la loro condizione sociale. Era normale che a 18 anni i giovani nell’ Ottocento andassero via da Lucca e gia’ all’ eta’ di 16 anni le mamme cominciavano a piangere all’idea che i loro figli se ne andassero dopo due anni. Andare via significava andare all’estero, in europa e poi in America del Nord e del Sud.
Non c’e’ una famiglia lucchese che non ha un parente all’estero mi spiega Pierluigi. Specie in Brasile a Sao Paolo o in argentina a Buenos aires ma anche a san Francisco negli USA. Per questo il rapporto tra la citta’ di Lucca e gli emigrati e’ diverso da quello di altre parti d’Italia.
A Lucca si parla con orgoglio degli emigrati, che tra l’altro hanno fatto ricca la citta’ con le proprie rimesse specie dopo le guerre mondiali. Gli emigrati sono un pezzo della citta’, anche perche’ molti andavano via ma anche molti tornavano dopo aver fatto fortuna all’estero. E questa era un’altra caratteristica dell’emigrazione lucchese. I lucchesi, gran lavoratori avevano anche l’istinto per il business, erano umili e cercavano di integrarsi con le comunita’ dei paesi dove andavano senza cercare di insegnare loro ma assorbendo la cultura straniera e poi usando le proprie competenze per sviluppare il proprio business.
Pierluigi mi racconta di tante storie molto interessanti come quella dei cappelli della Bolivia, portati da un lucchese che li comprava in Italia e li rivendeva li’. E anche la storia di Safeway, uno die maggiori supermercati al mondo, che negli USA si sviluppo’ grazie ad una societa’ di un greco un lucchese ed una persona della Garfagnana, Tintori. Assorbire la cultura e trasformare con l’intelligenza e flessibilita’ la conoscenza in opportunita’ di business era il segreto del successo dei lucchesi nel mondo. Umilta’ nel crescere lavorando, ecco cosa ha fatto grandi i lucchesi all’estero mi dice Pierluigi.
E qui Pierluigi mi dice una caratteristica dell’italiano all’ estero che ben conosco e in qui mi riconosco perfettamente.
L’italiano all’estero e’ solo, scoperto, senza protezione. Deve sopravvivere. E proprio questo che che lo fa forte in un ambiente diverso dal suo e a volte ostile.
E il lucchese e’ una persona tenace, risparmiatore, opportunista. Una persona che non si demoralizza davanti alle difficolta’ ed ha una grande capacita’ di rimanere focalizzato.
E per questo che riesce a superare le avversita’ che altri forse non riuscirebbero a superare.