Sunday, November 5, 2017

Max Bono senza paura nella terra dei cannibali brasiliani

Cari amici
in questo periodo di feste di agosto vi raccontero' di un mio piccolo viaggio nel Sud della Bahia dove sono andato ad intervistare gli indios nelle loro giuste rivendicazioni di terra.

Ero uscito di fretta da casa e avevo preso l’autobus.

Non sapevo dove era il villaggio degli indios.

Pensavo alle parole del mio amico Cesar, grande conoscitore degli indios del sud della Bahia:

“I proprietari di terra sono brutali e hanno promosso la invasione delle terre indigene.

Ma anche gli indios non scherzano. Stai attento”.

Ma Max Bono non e’ un tipo che ha paura e quindi e’ andato senza problemi.

Max pero' aveva commesso un grave errore: nella fretta di uscire aveva dimenticato a casa la sua tessera di giornalista internazionale.

Dopo una breve conversazione con il vice-capo della tribu’, un tipo grasso e simpatico, si e’ avvicinato un indio magro e con un viso ascetico.

Era armato di freccia ed aveva una faccia per niente accogliente.

Gli ho chiesto cosa faceva con l’arco.

Lui senza rispondere ha mirato l’arco al cielo e ha lanciato una freccia, che e’ caduta vicino a me.

L’indio mi ha detto che usava la freccia per ammazzare le spie. Poi mi ha detto che non credeva che fossi giornalista.

In quel momento l’aria e’ divenuta tesa. Gli sguardi tra gli indios si sono rapidamente incrociati e le facce sono diventate improvvisamente dure.

Dopo di cio' il vice-capo con cui parlavo mi ha legato i polsi e mi ha dichiarato "arrestato" secondo la sua autorita'.

Sfortunatamente ero da solo e ho cercato di fare appello all' evidenza. Avevo cercato di intervistare il capo della tribu' attendendo da solo fuori. Ma lui non c’era e mi era stato detto di aspettare al di la' del recinto di entrata, cosa che avevo fatto.

E qui la mia fortuna e’ stata che le donne della tribu’ hanno confermato la mia versione. “E’ verdade. e’ verdade” hanno gridato le donne.

A quel punto gli uomini si sono guardati in faccia. I loro visi erano arrabbiati ma non sapevano cosa fare. Non potevano andare contro la parola delle loro donne.

Il viso del vice-capo si era fatto serio ma aveva perso l’aggressivita’ di qualche minuto prima.

Dopo una mia perquisizione gli indios si sono convinti che non ero pericoloso e mi hanno rilasciato.

Mi hanno liberato ma solo fuori al loro territorio. Il vice-capo mi ha accompagnato fino all’entrata con le mani legate e solo li’ me le ha slacciate.

Alle mie rimostranze di un trattamento ingiusto subito il vice capo tribù mi ha detto: "Ti lamenti? Potevi finire molto peggio.”

“E come?" ho risposto io.

“ E se ti cucinavamo allo spiedo?” mi ha detto con faccia seria.

"E perche'?" Ho detto io:

“Per fare domande in casa d' altri.” ha risposto.

Al che ho lasciato perdere.

Cosi' non ci sara' nessuno spezzatino di Max Bono e continuero' a fare il mio dovere per gli italiani all' estero.

E vi diro' la verita': se riesco ad affrontare da solo una tribu' di indios cannibali penso di poter anche affrontare i nostri politici per rivendicare i diritti degli italiani all' estero.

Pubblicato il 27/8/2011 a Bahia e in Cicero, il piu’ grande gruppo di italiani all’estero al mondo.

P. S.

On 29/ago/2011, Max aggiunse:

Per chi avesse ancora dei dubbi sulla mia storia riporto una dichiarazione del capo' tribu:

"E pur isso que nao sequestro ninguen. Se sequestrar a gente va ter que comer."

E' per questo che non sequestro nessuno. Se sequestro qualcuno dobbiamo mangiarlo.”

Wednesday, October 4, 2017

Caruso, la vergogna al potere

“Va affanculo, affanculo” schiuma di rabbia l’onorevole. Eh si perche’ l’hanno svergognato, in pubblico quelli delle Iene. E lui non ci sta. Assume uno che non lavora mai. e la stagista che lavora non riceve un soldo. E, in piu’ rifiuta le sue avance.

E il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, il papa’ di quello che riceve a sbafo, sta li’ senza fiatare..

Dove siamo? A Sodoma o Gomorra? All’inferno?.

No al Parlamento italiano. Come?.

Benvenuti all’inferno dell’arroganza italiana della politica, che offende, sfrutta, insulta, minaccia..

E’ questa l’Italia del futuro? L’Italia dell’arroganza senza limiti? Del ignoranza? .

No, questa e’ l”Italia normale, che si e’ abituata a tutto, che vota questi cialtroni senza vergogna. Sembra di essere in un paese sudamericano. E il sottoscritto, che viene dal Brasile, rimane a bocca aperta a vedere che il teatrino della politica in Italia e’ uguale a quello sudamericano..

Ma quel’e’ il male oscuro dell’Italia, che vota ‘sti tipi che fanno vergognare anche chi e’ abituato a vedere cose nefaste in altre parti del mondo?.

La verita’ e’ una sola: l’Italia ha una resistenza disumana al cambiamento..

Basti pensare che l’Italia e’ l’unico paese al mondo dove i perdenti della politica sono tutti al potere e, cosa anche peggiore, si candidano per il futuro posto di primo ministro..

Eccoli, in fila: Renzi, Berlusconi, e la lista e’ lunghissima. Tutti sconfitti alle urne e tutti li’ che vogliono comandare di nuovo..

Ricordate il primo ministro inglese che perse il referendum sul Brexit? Io no perche’ da quando ha perso il referendum e’ sparito per sempre dalla scena politica. E noi invece? Renzi ha perso come lui, ma si candida al prossime elezioni come futuro premier..

E che dire di Berlusconi che e’ stato primo ministro per l’eternita’ e vola sull’ottantina? Anche lui vuole essere premier..

E gli altri che puntano come funghi, come Pisache’? E che ne so, gente che da un giorno all’altro diventa leader in questa Italietta da baraccone..

Ma il vero male sono gli elettori italiani che votano sempre quelli, i perdenti..

Che si puo’ fare per migliorare cio’? Fintantoche’ c’e gente come Caruso e gli altri la mia risposta e’: lasciatemelo dire, mistero di Bahia.

Monday, August 7, 2017

Sommerso dai conti da pagare: dove andremo a finire?

Racconto ricevuto per email da Luigi P., un italiano qualunque dell'anno duemiladiciassette.

“Il campanello, vai ad aprire” grida Maria dalla stanza. La poverina e’ tutta affaccendata nelle pulizie domestiche mentre i figli litigano di nuovo. “Smettila Marco e apri la porta”.continua Maria.

“E’ il postino” grida il furbo Marco mentre afferra per l’ennesima volta la gattina che miagola di rabbia. “Che hai bellina?” chiede Marco. E zac la gattina lo graffia e scappa. “Ahia" grida Marco.

“Aprite al postino” grida di nuovo Maria. Finalmente Lucia apre la porta e il postino consegna la posta.

“Cos’e’?” grida Maria. “Niente una busta da lettera della compagnia del gas.” dice Lucia.

“Conte da pagare, di nuovo conte da pagare” grida Maria.

“Luigi hai sentito?” grida Maria.

Ma Luigi, semi-nascosto nella sua stanza ha altro a cui pensare. Vede sul computer il suo debito che cresce nel suo conto bancario.

Siamo a quota duemila ma tra poco decolliamo.

Ma dove siamo? Cosa succede?

Benvenuti nell’Italietta del duemiladiciassette, l’Italietta della ripresa che si dice che viene e non viene mai, l”Italia dove le imprese continuano a fallire.

L’Italia dove cio’ che cresce sono i debiti della classe media. In televisione ci dicono che le cose stanno migliorando. Meno male. Perche’ di qua (dall’altra parte del televisiore) non si vede proprio.

Ma attenzione: Neymar guadagnera’ 30 milioni di euro e Bonucci 7 o forse 8.

Ma che ce frega a noi che non riusciamo ad arrivare alla fine del mese?

Che ci importa che Gentilone ci dice che la ripresa e’ dietro l’angolo. Ma quale angolo? Quello di casa sua?

Eh si perche’ dietro l’angolo di casa nostra ci sono gli agenti delle tasse, i creditori, quelli che ci chiedono soldi.

E in questo calore africano bisogna soffrire.

Ma non preoccupatevi: la Juve ha promesso che vincera’ la Champions League l’anno prossimo. I barconi non sbarcheranno piu’. La Boscosa ministra sara’ assolta e vincera’ il titolo di ministra piu’ bella del mondo.

Siamo un popolo di navigatori, di talenti ci dice la tv.
Che bello! E’ un peccato che noi poveri mortali navighiamo in brutte acque.

Ma attenzione: il prossimo governo ci salvera’ , ce lo dicono i politici tutti. Che peccato che e’ sempre il prossimo mai questo.

Ma tuo fratello non ti da’ una mano? chiede a Luigi il portiere di casa.

Macche’ e’ troppo occupato: sta viaggiando alle Maldive poverino, deve spendere le decine di migliaia di euro che guadagna. E’ stressato, lo dobbiamo capire.

E cosi’ tiriamo avanti noi poveri mortali.

Chissa’ come sara’ il duemilaventicinque, mi chiede il bimbo che vive di fronte al mio palazzone.

Macche’ duemilaventicinque penso io.

Ma vi diro’ la cosa bella di tutto cio’: a risparmiare sto dimagrendo. La cintura e’ sempre piu’ larga.

E tie’ a voi riccastri che vi abbuffate e ingrassate.

Sunday, April 23, 2017

Far bene alle persone fa bene alla salute

“Caro Max ricorda quello che ti dico: far del bene agli altri fa bene alla tua salute. Al contrario quando fai del male, anche se sei ricco e famoso, la disgrazia ti accompagnera’ per tutta la vita. E colpira’ la salute di chi fa del male.”

Chi mi siede davanti in questa calda notte di marzo a Salvador de Bahia e’ un emigrato italiano di vecchia data. Uno di quelli che, si potrebbe dire, ha visto tutto nella vita. E che sa quello che dice. E ascoltiamolo in questa notte di Bahia che sembra avvolgerci e prenderci per mano.

“Vedi le grandi famiglie come quella Agnelli della Fiat. Grandi capitali, grande denaro. Ma anche grandissime disgrazie. Grandissimi lutti in famiglia. Ma non bisogna andare tanto lontano. La persona della porta accanto. Non deve essere neanche ricca. Ma anch’essa puo’ diventare un esempio di una vita terribile, miserabile.

Perche’?

Ascolta bene. Se un padre, un fratello, un grande amico ci abbandona quando siamo in situazione di seria difficolta’, diventiamo tristi. Specie noi italiani all’estero. Ma anche gli italiani d’Italia. Vedi ad esempio quanti vecchi ci sono in Italia. Soli, completamente abbandonati. Perche’? Perche’ la maggior parte di loro sono stati e sono tuttora cattivi.

Sono egoisti, non aiutano nessuno, sono amari, si lamentano. Ma in realta’ non hanno che biasimare se’ stessi per la loro situazione. Essere egoista e’ una cosa terribile. Abbandoni tutto e tutti e pensi solo a te stesso. E alla fine non hai piu’ nessuno, ne’ amici, ne’ fratelli, ne’ genitori. Hai solo te stesso. Ti lamenti di loro che ti hanno abbandonato. Ma in realta’ e’ il contrario. Sei tu che hai abbandonato tutti per il tuo egoismo.

E’ in quel momento che hai cominciato a morire. Prendiamo ad esempio il caso di un fratello che abbandona un altro fratello o un padre. Che m’importa di lui? pensa. E lo dimentica. E’ successo tante volte con noi emigrati all’estero.

Ma non sappiamo che succede a lui, a chi abbandona il familiare o il caro amico. Ma ora te lo spiego io.

La persona che ha sempre avuto un rapporto con il familiare improvvisamente ora lo abbandona.

E una parte di se’ muore. Si, perche’ se si tratta di un caro familiare, diventa una parte di quella persona.

Vive nella sua anima. Anche se la persona non lo sa. Anche se non se ne rende conto. Anche se lo dimentica e non se ne ricorda piu’.

La persona che abbandona e’ come se lacerasse un pezzo della sua anima. E da quale momento la sua anima comincia a sanguinare. Prima un po’ poi sempre di piu’.

La cosa paradossale e’che la persona non sa la causa del suo malessere. La persona che abbandona ha dimenticato la persona abbandonata. Consciamente e’ come se l’abbandonato non esistesse piu’.

Ma lo spirito soffre. E soffrira’ sempre di piu’. Nao tem jeito, (non si puo’ far nulla) si dice qui in Brasile. Il malessere interno poi si trasforma in malessere esterno. E’ solo questione di tempo.

E sai perche’? Perche’ quando fai del male sprigioni un energia negativa molto grande che rimane con te. E ti fa del male. Poi vivere anche a lungo. Ma vivi male. I mali dell’anima sono i peggiori. Vivi tutta la vita male.

E non migliorerai mai. Il male si cronicizza e diventi quasi un fantasma.

La soluzione? E’ fare del bene. Fai sempre del bene. Ma bene vero non di facciata. Passa qualcosa a chi ti sta vicino. Passa energia positiva che ti ritorna indietro.

Se non vuoi morire come un cane rognoso, solo e abbandonato, fai sempre del bene.


Fare del bene fa bene alla salute, specie alla tua salute”.