Saturday, August 2, 2008

Corriere Canadese: il profitto grazie ai sussidi italiani

Sapevate che uno dei giornali tradizionali delle comunita’ italiane all’estero (Corriere Canadese) appartiene ad una multinazionale canadese (Multimedia Nova Corporation), recentemente a sua volta partecipata in maniera significativa dalla compagnia Torstar quotata alla borsa candese?
E sapevate che il Corriere Canadese ha ricevuto la bellezza di 2 .892.158,64 euros nel 2006 come contributi per quotidiani editi e diffusi all’estero?
E’ giusto che lo stato italiano sussidi una corporation straniera , che sicuramente non ha bisogna di cio’ per aumentare i suoi profitti?

Benvenuti nella giungla dei sussidi italiani ai giornali italiani all’estero, un argomento che abbiamo discusso varie volte in passato. Questa volta pero’ parliamo della numero1 delle imprese che ricevono i sussidi per i giornali italiani all’estero, la Italmedia Societa’ cooperativa a responsabilita’ limitata, per lo meno secondo i dati del governo italiano. Bisogna percio’ cercare di essere precisi e mi scuso in anticipo con il lettore per le eventuali imprecisioni contenute nell’articolo, data la scarsezza dei dati disponibili.

Il Corriere Canadese, secondo il sito della Multimedia Nova Corporation, ha una tiratura giornaliera di circa 30,000, il che da’ poco piu’ di undici milioni di copie vendute all’anno (ammettendo una tiratura costante durante l’anno). E’ sicuramente da chiedersi perche’ un periodico di cui abbiamo parlato in passato in Brasile (Fanfulla) che secondo dati ufficiali produce circa un milione e mezzo di copie riceve solo poco piu’ di 50,000 euro a confronto del Corriere che (come detto) per undici milione di copie riceve quasi 3 milioni di euro.
Qui le anomalie sono due: da un punto di vista matematico se un 1.5 milioni di copie danno 50.000 euro, 15 milioni dovrebbero dare 500.000 euro. Nel caso del Corriere 11 milioni di copie danno invece 3 milioni di sussidi del governo.
Non si capisce perche’ le copie del Fanfulla sono valorizzate cosi’ poco.
Forse i numeri dei giornali e periodici italiani all’estero sono davvero sinistri a vederli.

Altra anomalia: Per ogni copia prodotta lo stato italiano da 27 centesimi euro di sussidi (3 milioni di sussidi/11 milioni di copie) . Il prezzo sulla copertina del Corriere Canadese e’ 0.75 euro (o un dollaro piu’ tasse con il giornale La Repubblica). E qui la matematica deve veramente essere un opinione.
Il Corriere Canadese riceve dal governo italiano un sussidio del 36% del prezzo pagato dal consumatore. Come e’ possibile cio’?

Il Corriere Canadese e’ un giornale storico della comunita’ italiana in Canada, fondato dal famoso Dan Iannuzzi. Tuttavia e’ curioso che esso fosse posseduto dalla societa’ Italmedia Societa’ cooperativa a responsabilita’ limitata con sede in Via Flaminia 19 - int. 16, Roma. Cosi’ e’ del resto registrata con il governo italiano la societa’ che riceve i sussidi governativi.

Ora probabilmente questa era la realta’ tanti anni fa ma oggigiorno e’ completamente diversa.
Prova ne sia che esisteva un management agreement tra Italmedia e la Multimedia Nova Corporation in base al quale il management del Corriere Canadese doveva essere deciso dalla societa’ italiana Italmedia. Ora pero’ dall’ottobre 2007 la societa’ Multimedia Nova ha denunciato la validita’ di questo agreement. Vi sono voci che cio’ e’ legato alla continuazione nel ricevere sussidi dal governo italiano. La storia si trascina dallora poiche’ quasi ogni 3 mesi la Multimedia lascia aperta la possibilita’ di non denunciare l’agreement (l’ultima volta e’ avvenuto ad inizio maggio 2008) probabilmente stando alla finestra per vedere se il Corriere Canadese ricevera’ i sussidi anche quest’anno.

La domanda e’ tuttavia sempre la stessa: e’ giusto che lo stato italiano paghi i profitti di una grande corporation straniera, specialmente con i soldi che dovrebbero essere usati per i giornali genuinamente italiani all’estero (nel management come nella proprieta’)?

http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=22551

http://www.infodem.it/fatti.asp?id=2194

http://www.italiachiamaitalia.net/news/137/ARTICLE/10408/2008-08-05.html

http://www.lagenteditalia.com/Giornali/attuale.pdf

http://www.newsitaliapress.it/pages/dettaglio.php?id_lnk=3_143929

No comments: